Google+

Xylella. Mieli ha ragione sui magistrati, ma anche la politica ha lisciato il pelo ai complottisti

gennaio 13, 2016 Andrea Caroppo

L’iniziativa della magistratura penale nell’affaire, oltre a rivelare le patologie denunciate sul Corriere, certifica la pavida e dolosa assenza della politica, soprattutto di quella locale

L’editoriale di Paolo Mieli del 11 gennaio sul contagio da Xylella degli ulivi nel sud della Puglia merita di non finire in archivio ma di costituire oggetto di riflessione anche e soprattutto per la politica.

Il pregio dell’intervento risiede soprattutto nella denuncia del tic complottista – da cui il potere giudiziario sembra non essere immune – e nelle chiare parole di verità sui presumibili esiti che avrà la vicenda: sanzioni pesantissime a carico dei cittadini italiani, provvedimenti ulteriormente restrittivi per vivaisti e olivicoltori già in ginocchio e, soprattutto, diffusione indisturbata di un batterio che rischia, esso sì, di desertificare la Puglia oltre che estendersi al resto d’Italia.

Tuttavia, a mio modesto avviso, l’auspicata riflessione necessita di essere integrata di un aspetto di non poco momento: quello relativo alle responsabilità della politica.

L’iniziativa della magistratura penale nella affaire Xylella, oltre a rivelare le patologie denunciate da Mieli, certifica la pavida e dolosa assenza della politica, soprattutto di quella locale. Essa, nella sua pressoché totale interezza, ha preferito tacere laddove non proprio “lisciare il pelo” agli innamorati delle teorie del complotto, temendo – more solito – la impopolarità di posizioni e scelte difficili ma necessarie per la difesa e il perseguimento del bene comune. Grazie a scienziati seri – non pericolosi criminali – il disseccamento rapido degli ulivi e la sua eziologia da un particolare ceppo di Xyllela sono noti da tempo; eppure, in Puglia, in tutti questi anni e mesi, nessuno ha mosso un dito, costringendo prima la Commissione Europea, poi il Governo e, infine, la magistratura a occuparsi della vicenda. Ovviamente gli uni contro gli altri fino all’attuale situazione di stallo che giova solo al batterio.

L’esilio della politica è emblematicamente rappresentato dal plauso tributato dal Presidente della Regione e da tanti politici all’intervento della Procura. È l’immagine di una politica che sta alla finestra, quasi non vedendo l’ora che altri poteri compiano scelte in sua vece. Nessuno in Puglia in questi anni e in questi mesi ha avuto la responsabilità e il coraggio di affrontare fin da subito, energicamente e con una strategia chiara e ferma, il problema Xylella, sicché più che esultare bisognerebbe chiedere scusa.

Non tocca a me ricordare che “il luogo” per l’accertamento delle verità scientifiche non è certo il processo (men che mai quello penale), né ricordare come la “imposizione” mediatico-giudiziaria di tesi poi rivelatesi scientificamente infondate abbia già causato danni inenarrabili ai cittadini. Credo però tocchi a me, politico, accusare la politica, convinto come sono nessuna “buona politica” sarà mai possibile finché il personale che la anima non avrà il coraggio di fare autocritica recuperando con responsabilità il proprio ruolo nel governo della vita pubblica.

* L’autore di questa lettera è presidente del Gruppo Forza Italia Consiglio Regionale Puglia

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele scrive:

    Abbiamo una classe politica pavida e parlo di tutti. Quando devono fare una scelta impopolare si defilano e prevale il parassitismo, accontentare tutti per vivere qualche legislatura al Governo, proprio come la Xilella che vive mangiando la pianta fino a farla morire.
    Quindi non preoccupiamoci la Puglia diventerà un deserto e i pugliesi si inventeranno qualcosa per sopravvivere succhiando risorse al resto degli italiani come in Sicilia.
    l’ultima arma proposta da un gruppo di contadini esperti è quella di diffondere tra gli ulivi canzoni di Romina e Albano così l’insetto scappa e poi irrorare le radici con vino Carrisi da un euro…….successo garantito lo ha detto il popolo!!!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      La sapevate quella di P. Pio armato di acqua benedetta in un campo infestato di cavallette (allora si campava con quel poco che ti dava la terra)? Uno a zero per il campo, e non è una barzelletta!
      Ha fatto tutto la Fede, del Frate e dei contadini.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana