Google+

Xylella. Mieli ha ragione sui magistrati, ma anche la politica ha lisciato il pelo ai complottisti

gennaio 13, 2016 Andrea Caroppo

L’iniziativa della magistratura penale nell’affaire, oltre a rivelare le patologie denunciate sul Corriere, certifica la pavida e dolosa assenza della politica, soprattutto di quella locale

L’editoriale di Paolo Mieli del 11 gennaio sul contagio da Xylella degli ulivi nel sud della Puglia merita di non finire in archivio ma di costituire oggetto di riflessione anche e soprattutto per la politica.

Il pregio dell’intervento risiede soprattutto nella denuncia del tic complottista – da cui il potere giudiziario sembra non essere immune – e nelle chiare parole di verità sui presumibili esiti che avrà la vicenda: sanzioni pesantissime a carico dei cittadini italiani, provvedimenti ulteriormente restrittivi per vivaisti e olivicoltori già in ginocchio e, soprattutto, diffusione indisturbata di un batterio che rischia, esso sì, di desertificare la Puglia oltre che estendersi al resto d’Italia.

Tuttavia, a mio modesto avviso, l’auspicata riflessione necessita di essere integrata di un aspetto di non poco momento: quello relativo alle responsabilità della politica.

L’iniziativa della magistratura penale nella affaire Xylella, oltre a rivelare le patologie denunciate da Mieli, certifica la pavida e dolosa assenza della politica, soprattutto di quella locale. Essa, nella sua pressoché totale interezza, ha preferito tacere laddove non proprio “lisciare il pelo” agli innamorati delle teorie del complotto, temendo – more solito – la impopolarità di posizioni e scelte difficili ma necessarie per la difesa e il perseguimento del bene comune. Grazie a scienziati seri – non pericolosi criminali – il disseccamento rapido degli ulivi e la sua eziologia da un particolare ceppo di Xyllela sono noti da tempo; eppure, in Puglia, in tutti questi anni e mesi, nessuno ha mosso un dito, costringendo prima la Commissione Europea, poi il Governo e, infine, la magistratura a occuparsi della vicenda. Ovviamente gli uni contro gli altri fino all’attuale situazione di stallo che giova solo al batterio.

L’esilio della politica è emblematicamente rappresentato dal plauso tributato dal Presidente della Regione e da tanti politici all’intervento della Procura. È l’immagine di una politica che sta alla finestra, quasi non vedendo l’ora che altri poteri compiano scelte in sua vece. Nessuno in Puglia in questi anni e in questi mesi ha avuto la responsabilità e il coraggio di affrontare fin da subito, energicamente e con una strategia chiara e ferma, il problema Xylella, sicché più che esultare bisognerebbe chiedere scusa.

Non tocca a me ricordare che “il luogo” per l’accertamento delle verità scientifiche non è certo il processo (men che mai quello penale), né ricordare come la “imposizione” mediatico-giudiziaria di tesi poi rivelatesi scientificamente infondate abbia già causato danni inenarrabili ai cittadini. Credo però tocchi a me, politico, accusare la politica, convinto come sono nessuna “buona politica” sarà mai possibile finché il personale che la anima non avrà il coraggio di fare autocritica recuperando con responsabilità il proprio ruolo nel governo della vita pubblica.

* L’autore di questa lettera è presidente del Gruppo Forza Italia Consiglio Regionale Puglia

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele scrive:

    Abbiamo una classe politica pavida e parlo di tutti. Quando devono fare una scelta impopolare si defilano e prevale il parassitismo, accontentare tutti per vivere qualche legislatura al Governo, proprio come la Xilella che vive mangiando la pianta fino a farla morire.
    Quindi non preoccupiamoci la Puglia diventerà un deserto e i pugliesi si inventeranno qualcosa per sopravvivere succhiando risorse al resto degli italiani come in Sicilia.
    l’ultima arma proposta da un gruppo di contadini esperti è quella di diffondere tra gli ulivi canzoni di Romina e Albano così l’insetto scappa e poi irrorare le radici con vino Carrisi da un euro…….successo garantito lo ha detto il popolo!!!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      La sapevate quella di P. Pio armato di acqua benedetta in un campo infestato di cavallette (allora si campava con quel poco che ti dava la terra)? Uno a zero per il campo, e non è una barzelletta!
      Ha fatto tutto la Fede, del Frate e dei contadini.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

La massima espressione della famiglia delle 29er. Una bicicletta race senza compromessi, sviluppata grazie agli input dei pro rider e dedicata alle competizioni XC.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana