Google+

«Woodcock getta fango per rimanere sui giornali e nascondere i suoi insuccessi in tribunale»

ottobre 19, 2012 Chiara Rizzo

Intervista ad Alfonso Papa, indagato per peculato perché avrebbe usato l’auto blu per accompagnare la moglie e i figli. «Notizia vecchia e già smentita»

Nuove accuse piovono sul capo del deputato Pdl Alfonso Papa, al centro dell’inchiesta P4, di cui tempi.it vi ha parlato spesso. Il pm John Woodcock gli ha mosso l’accusa di peculato. Secondo il pm, Papa dal 2002 al 2011 avrebbe avuto a disposizione un servizio di accompagnamento in auto di servizio «senza che ne avesse alcun titolo», disposto appositamente per lui, che poi lo avrebbe usato per far accompagnare la moglie al lavoro, i figli a calcetto, un’amica a Ischia. Oltre a Papa, sono indagati anche sua moglie e altri otto militari della Guardia di finanza, tra cui il generale Paolo Poletti, numero due dell’Aisi. Sarebbe stato l’ufficiale a disporre che alcuni sottufficiali facessero tutto ciò che Papa avrebbe disposto con l’auto: così anche i due finanzieri affidati al servizio scorta si ritrovano indagati, perché secondo il pm avrebbero falsificato i fogli di servizio e avrebbero riciclato somme di denaro consegnate loro da Papa. Il deputato, a tempi.it, ribalta le accuse: «È solo fango gettato da Woodcock».

Aveva o no la scorta e l’auto di servizio senza averne diritto?
Posso soltanto dire che la notizia è venuta fuori durante l’ultima udienza del processo, che ha portato a risultati molto confortanti per me. In quell’udienza uno dei testi dell’accusa, l’imprenditore Marcello Fasolino ha ridimensionato le accuse nei miei confronti, chiarendo che si trattava di prestiti. Posso dirle che il pm ha aspettato tutta l’udienza, e solo dopo aver convocato i giornalisti dell’Ansa, Repubblica e Il Mattino, ci ha dato la notizia della nuova imputazione. Che tanto nuova non è, perché la notizia risale in realtà al 2010 e su queste vicende ha già indagato al Procura di Roma proprio su segnalazione di Woodcock, che ormai vive nell’ossessione della persecuzione a me. A Roma la vicenda non ha avuto nessuno sviluppo ed è caduta: io ho già denunciato Woodcock, e nel 2011 ho reso dichiarazioni ai magistrati romani su queste cose. Questo dimostra il solito operare di Woodcock che dovrà rendere conto più che delle antipatie delle scorrettezze.

Secondo l’accusa lei ha accompagnato con l’auto blu sua moglie al lavoro, i figli al calcetto, un’amica ad Ischia.
Non è così. La vettura di servizio mi è stata assegnata nella qualità di Capo gabinetto vicario e mi è stata riconfermata quando sono stato direttore generale del ministero di Giustizia. L’assegnazione è stata disposta dal Comando generale della Guardia di finanza di Roma. Nel 2008, quando ho accettato la mia candidatura, ho lasciato il mio incarico al ministero e, naturalmente, ho restituito l’auto. Da allora non ho fatto alcun uso di altre macchine di servizio. Ho viaggiato su una macchina della Gdf solo in quattro occasioni, in quanto membro della Commissione antimafia. Preciso inoltre che né mia moglie né i figli né altre persone sono mai salite a bordo dell’auto, come è stato già dimostrato attraverso i fogli di viaggio. Infatti Woodcock sta indagando ora i finanzieri per falso perché i documenti non dicono chiaramente quello che si aspetta. Denunzierò Woodcock anche per la volgarità della storia dell’amante che, non solo non è vera, ma non ha alcuna attinenza con il processo se non quella di gettare fango. Woodcock continua ossessivamente nella ricerca di amanti che non esistono e non si ferma nemmeno davanti ai figli minori in questa smania di protagonismo. Oltretutto, nessuno dei miei figli ha mai fatto calcetto.

Scusi, ma allora le ricevute di servizio, le somme di denaro…
La verità è che, poiché il processo sta evaporando e i fatti vengono fuori nella loro realtà, Woodcock, anziché preoccuparsi dell’esito processuale delle indagini mediatiche che svolge solo per stare sui giornali, inventa periodicamente nuove indagini e crede in questo modo di rilanciare quella della P4. Tutto parte con le dichiarazioni rese da due finanzieri, evidentemente “depistati” e successivamente indagati da Woodcock, con una metodologia priva di imparzialità e di rispetto delle prove. Questo non mi sorprende: non si è mai comportato da magistrato ma da avvocato dell’accusa. Cioè si muove come quegli investigatori dei film americani che pur di arrivare al risultato sono disposti a tutto.

Lei dice che nell’ultima udienza stava andando tutto bene per lei, ma da quello che si può leggere sui giornali, ad esempio su Repubblica, Fasolino avrebbe confermato di averle elargito 10 mila euro, «perché Papa mi faceva sentire protetto da problemi giudiziari». 
Chiunque può ascoltare la registrazione di Radio radicale per scoprire quello che è stato effettivamente detto. Fasolino non si è nemmeno dichiarato parte civile per chiedere l’eventuale restituzione della cifra, infatti in aula ha dichiarato di avermi prestato quei soldi per amicizia, e ha spiegato che era mio amico perché sono una persona brillante e che essere un amico di un magistrato lo faceva sentire protetto. Ma tutte queste dichiarazioni sono state accuratamente riviste e ribaltate negli articoli, come nel virgolettato citato da Repubblica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. viccrep scrive:

    Woodcock ne ha fatte peggio di Bertoldo, ma nessuno è in grado di fermarlo, continua a buttare soldi nostri

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana