Google+

Why not, le motivazioni con cui i giudici bocciano la tesi De Magistris. «Nessuna prova»

gennaio 24, 2013 Chiara Rizzo

Depositata ieri la sentenza di primo grado ai 26 imputati che hanno scelto il rito ordinario. Per i giudici: «Non c’è prova di un accordo elettorale» con gli imprenditori Saladino e Gatto

Ieri pomeriggio sono state depositate le 150 pagine di motivazioni della sentenza di primo grado del caso Why Not, emessa lo scorso 31 luglio a 26 imputati. Il processo nasce dall’inchiesta condotta nel 2007 dall’allora pm di Catanzaro Luigi De Magistris, su una presunta rete di favoritismi locali ad imprenditori locali, tra cui Antonio Saladino, allora  presidente della Cdo Calabria, e agenzie di formazione (Why not era un’agenzia interinale), che coinvolgeva politici di spicco del centrosinistra nazionale, compresi gli allora premier Romano Prodi e il guardasigilli Clemente Mastella: proprio per questi fatti cadde il governo nel 2008.
Ora le motivazioni della sentenza di primo grado, per i 26 imputati che hanno scelto il rito ordinario, demoliscono alcune tesi dell’accusatore De Magistris che, proprio dopo aver lanciato quest’inchiesta, si è avviato alla carriera politica.

NESSUNA PROVA. Secondo l’ipotesi accusatoria, gli imprenditori Saladino e Antonino Gatto (attivo nella grande distribuzione, e giudicato con il rito ordinario) avrebbero stipulato un accordo illecito con il Governatore della Calabria Agazio Loiero per le elezioni regionali del 2005: un finanziamento da parte degli imprenditori della campagna elettorale, in cambio di provvedimenti favorevoli ai loro interessi. L’ipotesi non aveva già trovato riscontri per Saladino; mentre per Gatto si ipotizzava che Nicola Adamo avesse preparato un emendamento ad hoc che lo favorisse nella grande distribuzione. Ma i giudici di primo grado (presidente Antonio Battaglia, a latere Adriana Pezzo e Giovanna Mastroianni) hanno, tra le altre cose, contraddetto questa ricostruzione dei pm: «All’esito dell’istruttoria dibattimentale – si legge nelle motivazioni depositate ieri – non è stata raggiunta la prova della penale responsabilità degli imputati (Gatto e Adamo, ndr)».
Ma non mancherebbero solo i riscontri fattuali alle accuse. Secondo  i giudici «non è stato acquisito alcun elemento idoneo a ricostruire in coerente e logica successione la concatenazione degli eventi, che, secondo la prospettazione accusatoria, costituiscono i vari passaggi dell’illecita operazione di scambio».

SALADINO E GATTO. I giudici hanno bacchettato severamente l’intero impianto di Why not, anche per ciò che riguarda Loiero e Saladino: «Non è possibile individuare neppure larvatamente alcun atto o provvedimento emanato personalmente dal soggetto politico o comunque da quello ispirato o determinato o a lui riconducibile volto a favorire gli interessi imprenditoriali del Saladino o del Gatto». Nello specifico, rispetto all’emendamento attribuito ad Adamo e che si presupponeva in favore di Gatto, hanno concluso: «L’emendamento normativo indicato in imputazione non è attribuibile all’onorevole Adamo, né può in qualche modo a lui ricondursi, ancora meno può considerarsi il corrispettivo del presunto finanziamento della campagna elettorale di Loiero».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi