Google+

Washington, suicidio assistito: nel 2013 morti in aumento del 43 per cento

giugno 17, 2014 Leone Grotti

Nel 2013 sono morte 159 persone rispetto alle 116 del 2012. Solo il 36 per cento ha citato come causa della sua scelta la paura del dolore, il 61 per cento invece non voleva essere un peso per la sua famiglia

washington-suicidio-assistitoLe persone morte per suicidio assistito nello Stato di Washington nel 2013 sono aumentate del 43 per cento rispetto all’anno precedente, secondo il rapporto ufficiale del governo. La pratica, legalizzata il 5 maggio 2009, consente ai medici di fornire un farmaco letale alle persone affette da gravi malattie con meno di sei mesi di aspettativa di vita.

«NON VOGLIO ESSERE UN PESO». Nel 2013, 173 persone hanno richiesto e ottenuto dai medici il farmaco letale. Di questi, 159 sono morti, solo 119 dopo aver ingerito il farmaco. Spesso infatti i pazienti richiedono l’occorrente per il suicidio ma non ne usufruiscono subito. Secondo il rapporto la maggior parte delle persone che ha richiesto il farmaco ha citato come motivazione la paura di perdere la propria autonomia, la propria dignità o la possibilità di partecipare ad attività che rendono la vita godibile.
Solo il 36 per cento dei richiedenti ha citato come causa il possibile dolore futuro dovuto alla malattia, mentre è preoccupante che il 61 per cento temeva di essere «un peso per la sua famiglia o gli amici». Il 13 per cento, infine, ha motivato il suo gesto con «le implicazioni finanziare» della sua morte.

VITTIME IN COSTANTE AUMENTO. I dati dell’aumento delle morti per suicidio assistito confermano il trend dell’anno scorso: nel 2012 116 persone sono morte, rispetto alle 101 del 2011, alle 85 del 2010 e alle 64 del 2009. È in continua crescita anche il numero delle prescrizioni: 173 nel 2013, 121 nel 2012, 103 nel 2011, 87 nel 2010 e 65 nel 2009.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Galcian79 scrive:

    Costituisce una grande ed incomprensibile discriminazione il fatto che possano usufruire del servizio solo i malati terminali con un’aspettativa di vita inferiore ai sei mesi.
    Per gli americani i cittadini perfettamente sani sono evidentemente cittadini di serie B.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana