Google+

Vuoi giocare a calcetto ma non trovi il campo o la squadra? Vai su Fubles

gennaio 30, 2012 Daniele Ciacci

Fubles è un social network che permette di organizzare le partite di calcetto con gli amici. Gestito da Mirko Trasciatti, il sito conta circa 100.000 utenti. Tantissimi, perché «il bisogno di giocare a calcetto è condiviso, impellente, nazionalpopolare». Sul sito si trovano i giocatori, si prenota direttamente il campo, si scrivono le pagelle e molto altro

Chi ama il “giuoco” del calcio, non si limita a guardarlo in tv: deve praticarlo. E da che mondo è mondo, organizzare le partite è sempre una via crucis: trovare l’orario e il giorno giusti, cercare gli amici, calcolare quanti possono partecipare, chi è disposto a stare in panchina, chi porta il pallone e chi le pettorine. Esperienza vuole che capitino sempre degli intoppi: un infortunio, un imprevisto, un misunderstanding. Così la partita salta. E proprio per questo che esiste Fubles, il social network che permette di organizzare partite senza spreco di tempo e di denaro. E riducendo al minimo il rischio di fallimento.

«Tutto è nato da un’esigenza personale» spiega a tempi.it Mirko Trasciatti, Ceo di Fubles. «C’era da impazzire per le convocazioni, non parliamo dei “bidoni”. Allora abbiamo inventato un sito dove noi amici potevamo iscriverci direttamente alle partite. Poi ci siamo resi conti che il nostro bisogno era comune a tanti in tutta Italia. Allora abbiamo reso pubblico il sito». È il lontano 2007 quando Vito Zongoli ne mette online una prima versione. Ci vuole un anno prima che si raggiungano i mille utenti. Ma, da quel momento in poi, la strada è tutta in discesa. Grazie a un team decisamente giovane e capace – l’età media è di ventisette anni – Fubles ha raggiunto un traguardo dietro l’altro. Nel 2009 è diventato una Srl e adesso conta circa 95.000 utenti, con 19.000 partite organizzate e circa 6000 centri sportivi segnalati. Nel 2011 Apple Italia l’ha nominata seconda applicazione dell’anno dopo Instagram, il celebre programma fotografico.

«È un bisogno condiviso, impellente, nazionalpopolare quello che Fubles soddisfa brillantemente toccando le corde giuste – continua Trasciatti –. Si crea una sana competizione amichevole che rende avvincente il sito. Si possono scrivere le pagelle post partita e poi discuterle. La continuità permette una sorta di “carriera” che crea un senso di comunità e di gaming. Queste sono le ragioni per cui, pur potendo spostarsi su Facebook o su Twitter, gli utenti scelgono noi». Il procedimento è semplice. Sul social network puoi pubblicare il bando per una partita di calcio a 5, a 7 o altro. A questo bando si iscrivono gli amici e chi, del posto, vuole partecipare. Attraverso il profilo (con l’immancabile foto che imita l’album delle figurine) puoi controllare la bravura degli iscritti e l’affidabilità. Il campo si prenota direttamente dal sito, grazie a un sistema di collaborazione tra Fubles e campi da gioco. A partita conclusa, chi vuole può stilare le pagelle dei compagni e degli avversari e decidere se “seguire” un giocatore mediante un programma di followers con stessa logica di Twitter.

L’applicazione made in Italy sta prendendo piede anche all’estero. Si sono creati gruppi di gioco a Madrid e Barcellona che si organizzano tramite Fubles. Un piccolo gruppo di emigrati si organizza usando il sito addirittura dagli Stati Uniti. Questa è una delle tante ragioni per cui Elserino Piol ha deciso di finanziare l’associazione con 300 mila euro. Un somma ingente per una passione che paga.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana