Google+

Voto amaro per Schroeder

febbraio 6, 2003 Baget Bozzo Gianni

Le elezioni di due rilevanti länder tedeschi come l’Assia e la Bassa Sassonia hanno segnato un atteso ma gravissimo colpo alla socialdemocrazia tedesca

Le elezioni di due rilevanti länder tedeschi come l’Assia e la Bassa Sassonia hanno segnato un atteso ma gravissimo colpo alla socialdemocrazia tedesca. La Bassa Sassonia è il land di cui il Cancelliere è stato governatore, il punto di partenza della sua ascesa al Cancellierato. L’Assia è il land della capitale economica della Repubblica federale, Francoforte. Le ragioni della sconfitta sono legate alla politica economica del Cancelliere e non gli ha portato fortuna la sua rottura morale del vincolo di totale solidarietà politica con gli Stati Uniti che ha sempre accompagnato la politica tedesca. In realtà, non è tanto la sconfitta della socialdemocrazia a dare significato alle consultazioni popolari, quanto il successo della Cdu. In Bassa Sassonia la Spd, che nel 1998 sotto la guida di Schroder aveva sfiorato il 48%, rimane sotto il 34%. Balza al 47,9% (12 punti in più della volta scorsa) la Cdu, guidata da Christian Wulff. Che era giudicato, parafrasando Musil, un “uomo senza qualità”. Potrà guidare il land con i voti liberali, avendo la Fdp raggiunto l’8,2%, mentre nel ’98 il partito era stato escluso avendo raggiunto solo il 4,9%. Rimangono stabili i Verdi, in leggerissimo aumento. In Assia, Roland Koch conquista per la seconda volta quella che fu una volta una città socialdemocratica, marcando la soglia della maggioranza assoluta con il 49%. Scende dal 39,4 al 29% la Spd, i liberali salgono dal 5 all’8%, mentre i Verdi passano dal 7,2 ad oltre il 10%.
I risultati confermano i sondaggi che vedono i partiti cristiani ben oltre la soglia della maggioranza assoluta. La sconfitta socialdemocratica è una sconfitta del cancelliere; queste elezioni sono state un plebiscito contro Schroder ed una chiara indicazione che i tedeschi rivogliono un governo moderato. I liberali, che hanno con il loro regresso determinato la sconfitta alle politiche del 2001 del premier bavarese candidato dei partiti cristiani, Edmund Stoiber, ora sono in ascesa in ambedue i länder. Ma vi è un altro significativo dato preoccupante per i socialdemocratici: la tenuta ed in Assia addirittura il netto successo dei Verdi, veri vincitori a sinistra delle elezioni del 2001 con il loro incremento elettorale. I Verdi possono avere un destino diverso dai socialdemocratici, possono diventare la vera forza di opposizione. Nuoce alla Spd l’essere il partito dei sindacati, quello che è stato sinora la sua forza; e quindi la capacità di riformare lo Stato sociale tedesco. Il pacifismo del cancelliere nella questione irakena non ha giovato; vi può essere anzi il fondato sospetto che gli abbia nuociuto. Il pacifismo è in Europa una forza maggioritaria nei vertici e negli apparati ecclesiastici ma largamente minoritaria nel paese; i Verdi si erano distanziati nei toni dalla politica antiamericana del Cancelliere: la Germania non ha approvato lo scisma di politica estera, esso non ha pagato. Quale sarà ora il risultato? Conviene ai partiti democristiani la grande coalizione con Schroeder cancelliere? O giova imporre al proprio avversario la propria politica? Senza la grande coalizione democristiana-socialista, la Germania deve reggere l’agonia della socialdemocrazia, mentre i partiti democristiani hanno felicemente gestito la drammatica ed ingiusta deposizione di Kohl. Il dramma democristiano fu un incidente personale, l’angoscia democratica vive la morte del secolo socialdemocratico e sindacale. bagetbozzo@ragionpolitica.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download