Google+

Voglia di bipolarismo saltami addosso. Ma piano coi funerali al populismo

giugno 13, 2017 Alessandro Giuli

Suggerisco invece di verificare le ragioni per le quali il centrodestra berlusconiano si mostra di nuovo in forma smagliante

Beppe Grillo all'uscita dell'hotel in cui alloggia a Roma, 20 giugno 2016. ANSA/GIORGIO ONORATI

Anticipiamo l’editoriale del prossimo numero del settimanale Tempi in edicola da giovedì 15 giugno (vai alla pagina degli abbonamenti) – Il momento più alto delle amministrative è stato quando Leoluca Orlando si è paragonato a Emmanuel Macron. Lui, l’eterno sindaco di Palermo per mancanza di controprove, il mandarino del millennio scorso con il doppio degli anni rispetto al giovane presidente che ha sbancato l’assemblea parlamentare francese. But that’s it folks, per dirla nella lingua delle macronettes italiane.

Tutto è lecito a urne appena chiuse. Viene facile agli avversari di Beppe Grillo intonare un canto funebre di vittoria: votati all’autolesionismo tribale, i Cinque Stelle hanno dimostrato una spettacolare insipienza politica nelle loro città roccaforte come Genova (tre candidati di area pentastellata, due dei quali fuoriusciti) e Parma (dove l’uscente e scomunicato Pizzarotti va al ballottaggio dopo aver realizzato il programma di Beppe Grillo). Ciò detto, piano coi funerali: la notizia della morte populista è ampiamente prematura. Suggerisco di verificare invece le ragioni per le quali il centrodestra berlusconiano si mostra di nuovo in forma smagliante. L’elettorato nazional-conservatore sta finalmente uscendo dalla latenza dell’astensionismo, e si mostra ricettivo laddove il “populismo costituzionale” e inclusivo del Cav. diventa un magnete per riaggregare il meglio della Lega e della destra post aennina. Lo ha spiegato Berlusconi medesimo, su Libero, nel giorno del voto: siamo europeisti, ma la nostra è l’Europa dei popoli e non dei burocrati. Sembrava di ascoltare le parole di Giorgia Meloni. È lo stesso messaggio veicolato su Tempi una settimana fa dal resipiscente Alessandro Di Battista, corrisponde grosso modo alla proposta culturale di Macron e dei suoi epigoni come Matteo Renzi. In poche parole: il grande sconfitto di questi giorni non è il sovranismo, non è la difesa identitaria degli Stati nazionali assediati da povertà e immigrazione incontrollata, abbandonati a se stessi da Bruxelles. Il perdente vero è l’eurofobia lepenista ovvero l’idea di disarticolare, anziché riformularle, le radici e l’unità monetaria del Vecchio continente; un progetto al quale è giusto e conveniente opporre la contronarrazione imbracciata anche da Macron: se andiamo dietro ai pifferai dell’egoismo no-euro, ci ritroveremo tutti poveri e soli, in balìa di potentati stranieri più forti e organizzati di noi.

Se nel dicembre scorso l’allora premier Renzi non avesse sacrificato il doppio turno dell’ormai defunto Italicum sull’altare di una riforma costituzionale vocata alla sconfitta, oggi sarebbe più facile dare forma compiuta e sistemica alla rinnovata voglia di coalizioni a vocazione maggioritaria, il tripolarismo italiano viaggerebbe sui binari della semplificazione e della governabilità che già così bene funzionano nelle elezioni comunali. Qualcuno rimpiange il Mattarellum, quel misto di uninominale corretto che ha portato Berlusconi a realizzare in Italia la democrazia dell’alternanza. Che ci sia una seconda occasione per i politici coccodrilli?

La nostra opinione resta la stessa: in politica è preferibile andare fino in fondo nell’errore piuttosto che ondeggiare nell’indecisione. Andrebbe perfino bene una legge proporzionale pura per una legislatura costituente; andrebbe ancora meglio un robusto sistema maggioritario ma senza furbeschi premi di maggioranza esposti alla ghigliottina della Consulta.
E in ogni caso viva l’Europa dei popoli sovrani, finché esistono.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.