Google+

Vladimir Ghika, il principe martire morto in prigionia sotto il regime comunista rumeno. «Scelse di restare con il suo popolo»

luglio 26, 2014 Redazione

Nipote dell’ultimo sovrano di Moldavia, si convertì al cattolicesimo «per essere un ortodosso migliore». La storia di Vladimir, oggi beato, è raccontata nel libro “Vladimir Ghika. Il principe martire”

vladimir-ghika-romaniaFiglio di un ministro degli Esteri della Romania, nipote dell’ultimo sovrano di Moldavia, con la madre discendente di Enrico IV di Francia, Vladimir Ghika, nobile ortodosso che si convertì al cattolicesimo e si fece sacerdote, è morto martire il 16 maggio 1954 per mano del regime comunista rumeno. Vladimir oggi è beato e Mihaela Vasiliu, come riporta Avvenire, ha scritto la sua biografia spirituale pubblicata con il titolo italiano Vladimir Ghika. Il principe martire.

«ESSERE UN ORTODOSSO MIGLIORE». Nato a Costantinopoli nel 1873, Vladimir studia diritto a Tolosa, politica a Parigi e filosofia a Roma. Nel 1902, da ortodosso, si converte al cattolicesimo «per essere un ortodosso migliore». Durante la Prima guerra mondiale vive a Roma, dove sostiene le vittime della guerra, i feriti, i tubercolotici e i poveri. Nel 1923 decide di farsi sacerdote, cosa che avverrà a Parigi, dove Vladimir incontra i coniugi Maritain, René Bazin, Louis Massignon, Paul Claudel e il futuro cardinale Journet. La sua statura culturale gli permette anche di essere protagonista tra il 1921 e il 1925 «di cinque riunioni tra cattolici e anglicani», un momento di «importante mediazione».

LA SCELTA DI RESTARE. Sempre attento alla vita del popolo, Vladimir decide di non andarsene dalla sua Romania quando scoppia la Seconda guerra mondiale «per fare per amore ciò che si deve fare per dovere». E quando nel ’47 il regime comunista prende il potere nel paese, Vladimir riceve subito molte attenzioni dalle autorità: «La sua famiglia ottiene per lui l’autorizzazione a lasciare la Romania – scrive l’autore della biografia – ma egli sceglie di restare con il suo popolo».

«IL GRANDE ATTO». Vladimir viene arrestato il 18 novembre 1952, condannato l’anno successivo e imprigionato nella fortezza di Jilava, vicino a Bucarest. Qui, a causa delle terribili condizioni di prigionia, muore di stenti il 16 maggio 1954. Vasiliu nel libro riporta queste sue parole: «La nostra morte deve essere il grande atto della nostra vita, ma Dio è l’unico a poterlo sapere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana