Google+

Viva l’Italia, tutta macchiette e moralismo

novembre 5, 2012 Simone Fortunato

Satira di costume che spesso sconfina nella macchietta pura. È il secondo film di Massimiliano Bruno che scrive e dirige dopo aver girato Nessuno mi può giudicare. È in pratica un instant movie sui guai morali e non dell’Italia di oggi e trasuda moralismo in ogni sequenza. La storia ruota attorno a un eminente esponente […]

Satira di costume che spesso sconfina nella macchietta pura. È il secondo film di Massimiliano Bruno che scrive e dirige dopo aver girato Nessuno mi può giudicare. È in pratica un instant movie sui guai morali e non dell’Italia di oggi e trasuda moralismo in ogni sequenza. La storia ruota attorno a un eminente esponente di un partito importante (e che ricorda nei simboli e negli slogan Forza Italia). L’Onorevole Spagnolo è un personaggio tagliato con l’accetta: grandi slogan sulla famiglia, il bene comune e altro e poi eccolo a letto con una bella figliola che aspetta da lui una raccomandazione in una fiction importante. Quando succede il patatrac e il politico si sente male tutto cambia: l’onorevole, per le conseguenze del malore, non riesce proprio a evitare i commenti sulla politica e sullo stato deplorevole del proprio Paese. L’incidente provocherà diverse conseguenze: il partito prenderà le distanze da Spagnolo mentre i figli, tre e tutti più o meno raccomandati, dovranno prendersi cura del padre demente. L’intento di Bruno è quello di recuperare la tradizione della commedia sociale, quella de I mostri e di tanti film di Risi, ma il risultato è ben lontano dalle opere del regista de Il sorpasso. 

QUANTE MACCHIETTE. Le cause sono diverse: le gag, scritte da Bruno, non fanno proprio sbellicare dalle risate anche per la tendenza a ridurre a macchietta un po’ tutto. Lo stalker che insegue la figlia di Spagnolo interpretata da Ambra Angiolini. Ambra stessa che, pur biascicando e dimostrando di non avere cervello, trova posto in varie pubblicità, anche piuttosto volgarotte (come quella delle banane): tutte situazioni molto forzate, recitate sopra le righe e di dubbio gusto. L’unico personaggio in chiave comica a funzionare è il solito grande, versatile Rocco Papaleo, che regala momenti di autentico divertimento. Il sottotesto politico e ideologico del film è assai riduttivo e sfonda spesso nel qualunquismo. Bruno si ritaglia il ruolo di capocomico e commenta dal palco del suo programma dal titolo Vi dico la verità, le performance dei politici corrotti e approfittatori, le gesta delle ragazze del loro harem divenute veline o poco più, le battaglie per i soldi di primari che dirottano pazienti da ospedali pubblici in cliniche private per interessi personali. Tutto molto facile e anche un po’ irritante almeno per quella parte di Italia che crede che i valori che Bruno, giustamente, mostra come perduti, siano un’eredità non dei soliti noti. Perché Bruno circonda le proprie battute sarcastiche sulla vita del Paese dalle effigi dei Padri della Patria: Togliatti, Pertini, Moro, Berlinguer, dimenticandosene però ben altri. In questa commedia gli strali sono proprio per tutti: Gassman è il figlio maggiore di Spagnolo e ha avuto il posto di amministratore delegato di una grande azienda che gestisce le mense di ospedali. Inutile spiegare come ha avuto il posto e come l’azienda preparerà i pasti per i pazienti; lo stesso Bova, medico idealista che lotta contro il primario che vorrebbe chiudere un’ala dell’ospedale per i soliti interessi, non sarà esente da piccoli grandi aiuti e raccomandazioni. Il tono è rancoroso e livoroso e rispecchia in pieno i toni delle ultime campagne elettorali: forse da questo punto di vista W L’Italia è davvero lo specchio di un’Italia corrotta e ipocrita. Allo spettatore riuscirà però bizzarro notare come in un film in cui il motto è verità, libertà, nessun interesse, risulti un po’ ingombrante la presenza spot di un gioco d’azzardo, evidenziato dal regista addirittura da uno smaccato quanto inopportuno dialogo. Come dire: chi ha peccato, scagli la prima pietra….

SPARA SENTENZE. Al di là di questo, a colpire di Viva l’Italia è l’assoluta mancanza di una prospettiva e di un’alternativa vera. Bruno sentenzia che ogni cittadino ha diritto alla Verità, il che è un diritto sacrosanto, si trastulla nel rappresentare il marcio di un’Italia che conosciamo sin troppo bene, riempie il film di slogan anche discutibili (“La famiglia è una gran rottura di coglioni!”, ci ricorda con il suo stile il politico Spagnolo), divide l’Italia in buoni e cattivi, dove i cattivi sono inequivocabilmente ladri e assassini (c’è anche una battuta di dubbio gusto su L’Aquila) mentre i buoni sono quelli, pochissimi, che non sbagliano mai e che denunziano le malefatte. Se i Padri della nostra Patria, quelli già citati e con l’aggiunta di un grande dimenticati colpevolmente da Bruno come Alcide De Gasperi, avessero usato questo metro di giudizio per fondare la nostra democrazia e ricostruire il Paese, oggi probabilmente non ci sarebbe più nessuna Italia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.