Google+

Vinile o cd: e se l’importante fosse solo ascoltare buona musica?

aprile 21, 2012 Carlo Candiani

La quinta edizione di “Record Store Day” si celebra il 21 aprile. È dedicata alla sopravvivenza dei negozi indipendenti che vendono vinili, ma la sensazione è che sia una battaglia nostalgica e un po’ snob. Perché oggi la musica, per salvarsi, ha bisogno di un’educazione che nasca dal confronto con chi sta aldilà del bancone del negozio.

21 aprile 2012: si celebra la quinta edizione di “Record Store Day”, il giorno dedicato alla sopravvivenza dei piccoli negozi indipendenti che vendono (ancora) vinili e che, fuori dalla grande distribuzione, sono ancora punti di riferimento per gli appassionati di musica. L’iniziativa parte dall’America, dove questo tipo di esercizi, i cosiddetti “indie”, detengono il 67 per cento delle vendite totali dei vinili che lo scorso anno hanno raggiunto un totale di due milioni e mezzo di pezzi venduti. In Italia i negozi indipendenti valgono quasi il 19 per cento del mercato, una percentuale minore ma non trascurabile rispetto alla grande distribuzione. I dati, documentati da International Federation of Phonographic Industry, collocano il mercato dei vinili italiano al settimo posto, con 2 milioni di dollari. Al primo posto ci sono gli Usa con 66 milioni (quadruplicati rispetto al 1997).

Lasciando da parte le cifre e concentrandosi sulla musica, fanno riflettere le dichiarazioni che in questi giorni gli esperti del settore, dai negozianti agli artisti, stanno rilasciando sull’iniziativa promossa per il 21 aprile. È come se stessero combattendo una battaglia di retroguardia e anche un po’ fuori dalla realtà: che senso ha inneggiare al vinile, sperando che torni a essere un acquisto popolare, se sta per scomparire addirittura il cd? Non diventa tutto questo un florilegio di belle frasi a uso e consumo di una platea un pò snob, un pò nostalgica e un po’ borghese? Diciamoci la verità, gli appassionati del vinile sono ormai solo i collezionisti che hanno tempo e denaro per poter riempire gli spazi dei loro scaffali domestici.

Perché un ventenne dovrebbe interessarsi all’incisione con il suono profondo, alla copertina “opera d’arte”, alla busta interna con i testi leggibili, quando nessuno gli ha insegnato cosa vuol dire davvero ascoltare musica? Cosa vuol dire possederla, sentirne il gusto, valorizzarne la bellezza. Allora si che ci si appassionerebbe anche alla confezione, maneggiandola come una cosa cara. Ma non è più così, o almeno non è più appannaggio di una cultura popolare che rispettava il genio altrui e ne esaltava la comunicazione. Quello di cui la musica ha bisogno oggi, per salvarsi e salvare il suo indotto commerciale, è un’educazione che nasca dal confronto con chi sta aldilà del bancone del negozio (e non un anonimo commesso che non sa neanche di cosa stai parlando), con la curiosità della scoperta di nomi nuovi e nuove vibrazioni, con il ritorno all’ascolto della buona musica, perché anche questo c’entra con la vita. Ecco perché il vero problema non è il supporto, vinile, cd o files scaricati. Se vogliamo salvare i negozi indipendenti in questa maledetta crisi, dobbiamo risolvere un semplice, eterno, quesito: perché su un libro della Littizzetto non si paga l’Iva, mentre su un disco dei Rolling Stones (dei Beatles, ecc…), l’Iva è al 21 per cento?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sal Naji says:

    My partner and I stumbled over here different website and thought I should check things out. I like what I see so now i’m following you. Look forward to exploring your web page repeatedly.

  2. great post, very informative. I wonder why the other specialists of this sector do not notice this. You should continue your writing. I’m sure, you’ve a huge readers’ base already!

  3. Daysi Mense says:

    I just want to tell you that I’m very new to blogging and site-building and certainly loved this blog site. Probably I’m likely to bookmark your blog . You absolutely come with fantastic posts. Regards for revealing your webpage.

  4. Isn’t it amazing if you locate a good article?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.