Google+

Villari (ex Margherita): «Col sacrificio di Lusi i parlamentari si illudono di salvarsi»

giugno 21, 2012 Pietro Salvatori

Intervista al deputato del gruppo Misto, uno dei pochi che si è espresso contro l’arresto dell’ex tesoriere. «Tanti colleghi hanno votato in base ai documenti pubblicati dai giornali»

Sono stati tredici i senatori che hanno votato contro l’autorizzazione a procedere nei confronti del collega, Luigi Lusi. Tra coloro che sono contravvenuti alle indicazioni del Pdl di astenersi e di tutti gli altri gruppi che si sono espressi favorevolmente c’è Riccardo Villari, oggi nel gruppo Misto, un passato tra le fila della Margherita e del Pd. «Se non fossimo stati informati da un memorandum dello stesso Lusi non avremmo avuto accesso ai documenti che ha a disposizione la Giunta per le autorizzazioni a procedere, che sono secretati».

Questo che vuol dire?
Che tanti colleghi hanno votato in base a ciò che hanno letto sui giornali. Che, giova ricordarlo, hanno pubblicato molti documenti che dovevano rimanere segreti ai fini della serenità delle indagini.

Un voto mediatico dunque?
Intendiamoci: non era in discussione la colpevolezza del collega, che è in qualche modo un reo confesso. Bisognava decidere solamente sull’arresto. E non vedo le ragioni per la custodia cautelare. Quello che riguarda Lusi è un procedimento che va avanti da cinque mesi. Avrebbe avuto tempo in abbondanza per inquinare le prove se avesse voluto.

Secondo lei non l’ha fatto?
Mi limito a registrare che alcuni suoi correi hanno tutt’ora disponibilità dei soldi soggetti ad indagine. E propongono di destinarli a quella piuttosto che a quell’altra opera meritoria. Una mossa encomiabile, ma forse tardiva.

Lusi paga anche colpe non sue?
Ho voluto esprimermi chiaramente in Aula. Nella Margherita c’è stata una gestione assai opaca dei fondi. Quando quella esperienza politica è terminata, l’associazione non è stata sciolta, ma l’assemblea, di cui facevo parte, non è più stata convocata. E nonostante molti di noi abbiano intrapreso scelte che ci hanno portati lontano dal Pd, tanti sono stati estromessi dalla gestione del passaggio da un soggetto all’altro.

Non tutti, a quanto sembra di capire.
Non tutti. Rutelli da fuori ha continuato a gestire molte cose. E mi è dispiaciuto non aver sentito in tutti questi mesi un’assunzione di responsabilità da parte sua. Politica, intendiamoci, non giudiziaria.

Perché il Pd ha abbandonato il suo uomo?
Credo che l’arresto di Lusi sia stato visto come una boccata d’ossigeno per tutta la casta. Che pensa di salvarsi sacrificando qualcuno dei suoi. Fosse per me, abolirei la facoltà del Parlamento di decidere sull’autorizzazione a procedere. Se si vota per l’arresto ci si erge a giudici senza conoscere le carte, se si vota contro, si fa in ogni caso la figura di chi vuole difendere una rendita di posizione.

La soluzione?
Esiste l’istituto del voto segreto no? Altrimenti aboliamolo. Ecco, questo è uno dei casi nei quali si sarebbe dovuto utilizzare.

Il Pdl è addirittura uscito dall’emiciclo.
Rispetto la scelta d’aula del Pdl, ma non la condivido. Hanno voluto consegnare l’intera responsabilità della decisione al Pd. Era anche l’unico modo per tenere unito il partito.

Ma il fumus persecutionis c’era o no?
Carte in mano, qualche perplessità c’è. Non si capisce perché non si sia istruito subito il processo in presenza di un reo confesso. E non capisco nemmeno perché si debba utilizzare a distanza di mesi dall’inizio dell’indagine lo strumento della carcerazione preventiva.

Lusi trascinerà con sé altri nella sua caduta?
Sicuramente altri elementi, e sicuramente questa partita non si è chiusa con quel voto. Certo è che doveva tirare fuori prima tutto quel che sapeva. Così sembra un po’ ricattatorio.

Siamo di fronte ad una seconda Tangentopoli?
Non lo so. Certo è che se lo siamo, ancora una volta la risposta della politica è tiepida.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

5 Commenti

  1. Helaine Zeidler scrive:

    I might move to Hawaii after which travel the entire world.

  2. Thanks for these guidelines. One thing I should also believe is always that credit cards offering a 0% rate often entice consumers in with zero interest rate, instant authorization and easy on the web balance transfers, nevertheless beware of the real factor that will certainly void your 0% easy road annual percentage rate and also throw you out into the poor house quick.

  3. I have really noticed that credit improvement activity must be conducted with tactics. If not, you are going to find yourself causing harm to your rating. In order to be successful in fixing your credit rating you have to ensure that from this moment you pay any monthly dues promptly prior to their slated date. Really it is significant on the grounds that by certainly not accomplishing that area, all other measures that you will decide to use to improve your credit positioning will not be powerful. Thanks for expressing your concepts.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dal 2 al 7 settembre l'appuntamento per tutti gli appassionati Harley è in Austria, sul lago di Faaker See

Vintage ma con qualcosa in più, BMW R nineT e Honda CB1100 offrono due punti di vista differenti sul tema delle moto classiche. Più sportiva la BMW, più comoda la Honda

Viene realizzata ai giorni nostri, ma è quanto di più simile a una Granturismo degli Anni ’50. Adotta un 2.0 Alfa Romeo a carburatori da 170 cv e raffinate sospensioni push-rod. Telaio tubolare e carrozzeria in alluminio aiutano a contenere il peso in 820 kg

La nuova vettura da competizione della Casa della Régie mutua dalla sportiva Nissan GT-R il V6 3.8 da oltre 500 cv, collocato centralmente. La monoscocca in carbonio è made in Dallara. Cambio sequenziale a 7 marce e sospensioni regolabili. Per aspiranti professionisti

Speciale Nuovo San Gerardo