Google+

Vignali (Pdl): «Dovremo fare manovre da 50 mld l’anno per i prossimi 20»

luglio 6, 2011 Redazione

Raffaello Vignali, deputato Pdl, spiega a Tempi perché non sarà una sforbiciata a garantire all’economia italiana un futuro: «Il Patto per l’euro impone all’Italia di rientrare nel giro di vent’anni da un rapporto debito/Pil pari al 119% a uno del 60%. Vuol dire manovre finanziarie da 40-50 miliardi di euro all’anno per i prossimi vent’anni». Se è ottima la nuova fiscalità di vantaggio per chi apre imprese ed è sotto ai 35 anni d’età, per Vignali c’è un’unica soluzione: «Privatizzazioni»

«Il Patto per l’euro impone all’Italia di rientrare nel giro di vent’anni da un rapporto debito/Pil pari al 119% a uno del 60%. Vuol dire manovre finanziarie da 40-50 miliardi di euro all’anno per i prossimi vent’anni. Il pacchetto d’austerità del governo è indispensabile per frenare la speculazione contro i titoli di Stato italiani, che infatti hanno recuperato un po’ di punti sui titoli tedeschi, ma per il futuro bisogna farsi venire qualche grossa idea di valore strategico, se vogliamo continuare a stare nell’euro e se vogliamo gettare le basi di una crescita duratura risparmiando centinaia di miliardi di euro di interessi sul debito».

Raffaello Vignali, deputato Pdl e vicepresidente della Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera, sta al gioco di commentare quel che s’è fin qui capito della manovra di luglio. Ma allarga giustamente la prospettiva, affinchè sia chiaro a tutti che non è una sforbiciata in più o in meno alle pensioni o ai ticket sanitari a garantire all’economia italiana un futuro degno di tale nome.

«Prima di prendere decisioni sugli strumenti bisognerebbe chiarirsi le idee sugli obiettivi. Va bene riorganizzare l’Istituto per il commercio estero, ridurre il personale in Italia e aumentare quello fuori dai confini. Ma vogliamo confrontarci anche con le Camere di Commercio per vedere chi è più adatto a partire e chi è già partito e può dare una mano sul posto? Finora manca un programma per l’internazionalizzazione, e questo per un paese dove un terzo del Pil dipende dall’import-export è piuttosto grave. Poi, l’internazionalizzazione si fa anche senza muoversi di un passo da casa, ma semplicemente acquisendo qualche impresa straniera. A me però piacerebbe vedere qualche azienda italiana della grande distribuzione che apre all’estero, tipo Esselunga o Coop».

Mentre si polemizza sul’appesantimento dei ticket sanitari, poco si dice circa la definizione di prezzi di riferimento in attesa dell’adozione dei costi standard, l’introduzione di un tetto di spesa, dal primo gennaio 2013, per l’acquisto dei dispositivi medici e di misure di compartecipazione sui farmaci e sulle altre prestazioni del Servizio sanitario nazionale dal 2014. «È giusto tagliare i trasferimenti sulla base dei costi standard della sanità: così si costringono le Regioni all’efficienza. È una misura di equità. Quanto ai ticket, sono uno strumento per limitare l’eccesso di ricorso a esami diagnostici e pronto soccorso». Disco verde anche per l’aumento dell’Irap decretato per banche, assicurazioni e intermediari finanziari. «Purchè però le varie autorità di vigilanza vigilino per davvero: altrimenti finisce che l’aggravio di costi viene scaricato sui clienti». Ma la misura che piace di più a Vignali è quella a vantaggio dei giovani imprenditori (quelli sotto i 35 anni di età): «Se l’imposta forfettaria del 5 per cento assorbe davvero tutte le forme di imposizione che gravano sulle imprese, è una gran bella cosa, è una mossa nella giusta direzione».

Tutto questo e altro ancora, però, Vignali lo considera non sufficiente rispetto alla necessità di convergere sui rigidi parametri europei destinati a diventare sempre più vincolanti almeno per i paesi dell’area dell’euro. «Per tagliare il rapporto deficit/Pil delle decine di punti che l’Europa pretende, bisogna rimettere mano alle privatizzazioni», dice senza esitazioni. «Ci sono importanti aziende statali e parastatali che suscitano grande interesse in acquirenti internazionali: penso al settore energia con Eni, penso ad alcune grandi aziende del gruppo Finmeccanica. Con le giuste garanzie e senza intaccare l’interesse nazionale, si possono cedere attività e settori del valore di miliardi di euro, e destinare gli introiti all’abbattimento netto del debito. Pensiamo anche alla grande miniera dei beni culturali: vanno censiti, valutati in termini economico-finanziari e messi sul mercato in modo appetibile per gli imprenditori privati che volessero trasformarli in fonti di profitto, nel mentre che viene garantita la loro fruizione sociale». Operazioni non semplici, che facilmente potrebbero innescare polemiche interminabili e movimenti di protesta indignata. Ma meglio, molto meglio di una patrimoniale che colpirebbe come al solito la classe media; la quale dopo non sarebbe più tanto media.

Approfondimenti:

VIDEO – Tremonti: «Mai tagli ai costi della politica come i nostri»

SCARICA – Il testo integrale della manovra

LEGGI – Gli articoli del provvedimento in sintesi

VIDEO – Berlusconi: «L’Italia deve raggiungere il pareggio di bilancio nel 2014»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. lectiones scrive:

    Nel gergo militare l’impiego di forze e di mezzi a disposizione per realizzare un determinato scopo tattico o strategico è definito manovra. Nel senso figurato è l’insieme di iniziative coordinate allo scopo di raggiungere un determinato fine: manovra monetaria, di bilancio ecc. Nel caso che ci riguarda vuol significare il complesso di provvedimenti fiscali e finanziari per mettere in sesto il bilancio dello Stato.
    Al di là della metafora, è la stangata quella che ci mortifica. È la prova provata che, nelle strette dell’impossibile, tutti i governi sono gli stessi e l’appartenenza politica di Prodi o di Berlusconi a due schieramenti avversi, serve a poco quando a dominare la scena economica è lo spettro del default a livello internazionale.
    Da qui la “stangata”. Rapina in banca di Amato sui nostri c/c, rapina Tremonti sui risparmi RISPARMIATI dei RISPARMIATORI. Insomma, diremmo a Napoli: cornuti e mazziati. Se non altro, il deprecato Amato, non ci aveva mai garantito che non avrebbe messo le mani nelle tasche degli italiani (grazioso eufemismo per assicurare i cittadini dell’era berlusconiana che mai vi sarebbe stato un prelievo fiscale estorto con artificio impositivo).
    Se governare un Paese si riduce al solito balzello, si trasforma in un’estorsione a mano armata della quale non sarà mai esagerato deprecarne la legittimità.
    In queste condizioni non possiamo non soggiacere alle vessazioni che le buone mascelle del mastino Tremonti addentano per spolparci fino all’osso: nemmeno Quintino Sella avrebbe saputo far meglio. La “tassa sul macinato” fu l’emblematica imposta sulla fame dei più miseri.
    TREmontano i secoli ma nella storia dell’umanità il tempo non TREmonta mai, è sempre lo stesso. Vespasiano, rispondendo al figlio Tito che lo rimproverava d’aver tassato l’orina, gli avrebbe messo sotto il naso una moneta appena riscossa a questo titolo, chiedendogli “num odore offenderetur”. “No”, rispose Tito: Non olet!
    Il denaro è solo denaro, a prescindere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana