Google+

Pellegrini, Fabio Scozzoli e Setterosa: l’Italia in vasca torna grande

luglio 26, 2011 Daniele Guarneri

Che Federica Pellegrini fosse troppo forte per le sue avversarie si sapeva, ad ogni modo ai mondiali di Shanghai ha potuto arricchire il suo palmares con un’altra medaglia d’oro nei 400 SL. Il romagnolo Fabio Scozzoli è invece una sorpresa assoluta, ha conquistato l’argento nei 100 rana grazie alla tagliatelle di mamma Laura. Infine il Setterosa che torna in semifinale dopo anni di crisi

Manca un anno esatto all’inizio della XXX edizione dei giochi Olimpici che si terranno a Londra. E intanto gli azzurri del nuoto si scaldano ai mondiali di Shanghai. Della Pellegrini inutile dire. Il suo oro l’ha già vinto ed era abbastanza scontato. Diverso il discorso per Fabio Scozzoli, ranista del team azzurro. Ieri nei 100 rana ha conquistato la medaglia d’argento. Davanti a lui solo il norvegese Alexander Dale Oen, imprendibile se si pensa che non si usano più i costumoni di gomma che ti facevano scivolare più facilmente una volta immerso nell’acqua.

Fabio è un romagnolo di 23 anni attaccato alle sue radici (il suo piatto preferito sono le tagliatelle al ragù di mamma Laura). In un’intervista al Corriere della Sera, quando si descrive, gli aggettivi semplice e sano sono quelli che usa di più: «Bisogna tenere la testa sulle spalle, essere umili e guardare gli avversari. Anche se sei il migliore puoi sempre imparare da tutti. Sono un ragazzo sano perché frequento persone di sani principi, umili, persone semplici che mi considerano un semplice compagno di squadra, un esempio da seguire, a volte, ma non irraggiungibile. Sano perché ho sempre vissuto in campagna, anche se ora mi alleno a Imola, piccola, perfetta per me».

Erano quattro anni che un nuotatore azzurro non vinceva una medaglia. L’ultima volta ai mondiali di Melbourne: era una squadra di grandi campioni composta da Magnini (oro ai 100 m stile libero), Colbertaldo (bronzo negli 800 m), Facci (bronzo nei 200 rana), Marin (bronzo nei 400 misti), e poi Rosolino, Calvi, Galenda e Magnini (argento nella 4×100 stile libero). Una bella scorpacciata di medaglie, ma da allora soltanto grandi delusioni. Per fortuna è arrivato lui, Fabio Scozzoli, l’uomo semplice, quello di campagna diventato grande in città, che appena può torna a Forlì da mamma Laura che lo ritempra con le sue tagliatelle al ragù. Il prossimo sogno sono le Olimpiadi 2012. Gli ultimi ori di un ranista italiano sono quelli del suo idolo Domenico Fioravanti (Sidney 2000) il primo atleta a vincere la combinata 100 e 200 metri rana in un’edizione dei giochi.

Non finiscono qui le sorprese in vasca. Anche il settebello rosa sta sorprendendo tutti. E anche in questo caso i ricordi che affiorano alla memoria sono parecchi. La nazionale femminile di pallanuoto era diventata un mito tra metà anni Novanta e 2000, raggiungendo l’apice della grandezza con la vittoria delle Olimpiadi del 2004 nella storica finale di Atene contro le padrone di casa della Grecia. Era la nazionale di Pierluigi Formiconi. Oggi di quella squadra sono rimaste due delle colonne portanti a fare da spalla al giovane ct Fabio Conti (38 anni): Monica Vaillant e Alexandra Araujo. Dal 2004 a oggi solo delusioni, senza rimpianti però: era finito un ciclo e non erano arrivati i giusti ricambi. Ora sì. Hanno superato i quarti di finale dopo essersi sbarazzate dell’Australia in una partita lunga e molto tesa, piena di emozioni e sorprese, terminata solo dopo i rigori. E in semifinale incontreranno la Grecia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download