Google+

Lo so, sono un panda. Ma i video di Bossetti in carcere non andavano diffusi

maggio 16, 2015 Emanuele Boffi

Chi ha consegnato quei video ai giornalisti? Lo ha fatto dietro compenso? Perché non c’è nemmeno un magistrato che indaghi su questa palese fuga di notizie? È tutto normale? Perché è diventato normale?

Pubblichiamo l’articolo contenuto nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Lo so di essere un panda, eppure non riesco ad arrendermi al fatto che possa essere considerato un evento normale e pacifico la diffusione delle immagini di un colloquio privato, riservato, intimo tra moglie e marito in carcere. Sto parlando di Massimo Bossetti, il muratore di Mapello accusato di aver ucciso la povera Yara Gambirasio. SkyTg24 ha mandato in onda un video in cui la moglie, Marita Comi, lo incalza chiedendogli se ha “fatto qualcosa”. «Se mi devi dire qualche cosa, dimmelo adesso, Massi». La stessa, solo pochi giorni dopo, ha fatto il sito della Stampa, su un’altra vicenda riguardante dei coltellini.

Qui non importa discutere o meno delle prove a carico o a discarico dell’imputato, ma solo ricordare che Bossetti è, appunto, un uomo in carcere in attesa di giudizio. E che quindi quei video, oltre che non provare alcunché – Bossetti non rivela nulla –, semplicemente, non andavano diffusi. Chi li ha consegnati ai giornalisti? Lo ha fatto dietro compenso? Perché Sky e la Stampa li hanno diffusi? Perché non c’è nemmeno un magistrato che indaghi su questa palese fuga di notizie? È tutto normale? Perché è diventato normale?

Sono le domande che mi pongo e mi sento un po’ come quel tizio della barzelletta che, imboccata l’autostrada, si chiede come mai ci siano in circolazione così tanti pazzi che guidano contromano. Dunque, sono forse io il folle che s’illude di non vivere in una società cavernicola dove si usano tv e intercettazioni a mo’ di clava per far valere la legge del più forte? I garantisti sono messi peggio dei panda. Per loro nessuno appiccica un adesivo sul retro dell’automobile.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. dodi scrive:

    Anche io mi sento un panda e concordo in pieno con quanto ho letto.La televisione è diventata come un grande occhio che entra nella vita e la ribalta mostrando una curiosità morbosa per la vita altrui,costumi ,debolezze,sentimenti,paure,brutture.I programmi pomeridiani poi non ne parliamo!E’come se guardando tanta bruttezza chi la vede pensasse “io non sono così” il grande fratello si è impossessato di quasi tutti i palinsesti,spegnamo questo mostro che piano piano entra nelle coscienze e le addormenta!

  2. Sasso Luigi scrive:

    Concordo con l’articolo. Ma che fare? oltre che a denunciare?

  3. Ugobagna scrive:

    A me appena ho visto le prime immagini del colloquio privato tra moglie e marito in carcere sbattute in tv è venuto da sboccare e ho cambiato canale, è stato agghiacciante, non posso pensare che non sia partita un’inchiesta sulla diffusione del video…

    • yoyo scrive:

      Quando si tratta di Bossetti improvvisamente la privacy non esiste. Per difendermi uso un metodo semplicissimo, mi disinteresso completamente di qualsiasi notizia di quel tipo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana