Google+

Via le province, arrivano le città metropolitane e i consorzi di comuni

marzo 27, 2014 Chiara Rizzo

Il senato approva con 160 voti a 133 il disegno di legge del Rio. Il governo prevede un risparmio immediato di 400 milioni

Ha incassato 160 voti per la fiducia e 133 voti contrari (quando all’insediamento la fiducia era stata di 169 voti) ma il Governo ha incassato il via libera del Senato al disegno di legge sull’abolizione delle province (ddl Del Rio). Ora il testo torna alla Camera per l’approvazione definitiva. Matteo Renzi parla di «tremila posti in meno ai politici, è la premessa per tornare a dare speranza e fiducia ai cittadini», ma anche un risparmio secco che la maggioranza calcola in 400 milioni di euro subito. Ma tutte le opposizioni, da Forza Italia all’M5s contestano questo dato e che i provvedimenti portino a qualche risultato.

COSA CAMBIA: LE CITTA’ METROPOLITANE. Al posto di gran parte delle 110 province italiane ci sarà una riorganizzazione di questi enti. In particolare infatti, l’abolizione delle province vere e proprie riguarda 10 città metropolitane nelle varie regioni della Penisola (Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Bari, Reggio Calabria e Roma Capitale) più altre cinque nelle regioni a statuto speciale, che poi potranno crearne altre a loro facoltà. Le prime varate con il ddl saranno Palermo, Catania, Cagliari e Trieste. La riforma entrerà in vigore dal 1 gennaio dell’anno prossimo. Le città metropolitane saranno amministrate da una Conferenza metropolitana formata dai sindaci delle città che vi fanno riferimento, e da un Consiglio metropolitano formato su indicazione del presidente, che potrà essere il sindaco della città capoluogo, oppure – previa introduzione di una legge ad hoc – potrà essere eletto direttamente. In ogni caso non percepirà indennità oltre a quella da sindaco.

I CONSORZI DI COMUNI. In tutte le altre province, sempre dal 1 gennaio 2015, secondo la legge Del Rio, vengono cancellati presidente e giunta provinciale, sostituiti da un’assemblea dei sindaci che eleggerà poi un presidente fra i primi cittadini che la compongono. Tutti percepiranno solo l’indennità di sindaco, e quasi tutte le competenze verranno ridistribuite alle Regioni o ai comuni, ad eccezione dell’edilizia scolastica, dei trasporti pubblici e della tutela dell’ambiente. Il personale dipendente delle vecchie province rimarrà al proprio incarico con lo stipendio attuale. Nelle 52 province in scadenza già nel 2014 e le 23 province oggi commissariate la riforma entrerà in vigore già quest’anno.

INCARICHI GRATUITI. Il punto principale della riforma è che tutti gli incarichi svolti a seguito della fusione saranno del tutto a titolo gratuito. Il pomo della discordia tra maggioranza e opposizione è proprio su questo punto. Per le opposizioni ci saranno circa 26mila cariche in più, e in particolare è stata la commissione Bilancio del Senato ad ammonire che «Non può escludersi la duplicazione di costi e funzioni derivanti dal’elezione diretta del sindaco e del consiglio delle città metropolitane, subordinando tale opzione all’articolazione del territorio del comune capoluogo in più comuni. Ci sono perplessità sul trasferimento di personale e funzioni dalle province ad altri enti territoriali che potrebbe comportare costi, difficilmente quantificabili». Il governo e la maggioranza hanno replicato che non vi saranno spese in più per questa riforma.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Bruno2 scrive:

    A seguito della Riforma delle Province decadranno 3000 Consiglieri Provinciali.

    Cosa succede per i Consiglieri Provinciali che siedono anche nei Cda delle Partecipate della Provincia??
    Non dovrebbero decadere anche da tali incarichi dal momento che la nomina è connessa all’esercizio della loro funzione pubblica??

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana