Google+

Ventimiglia? Per la Francia è un problema da italiani spaghetti mandolino e clandestini

giugno 17, 2015 Redazione

Ecco perché il tg della principale rete pubblica francese ha dedicato più tempo al «ritorno della serenata in Italia» che allo sgombero dei migranti al confine

ventimiglia-profughi-scogli-confine-francia-ansa

Lo sgombero dei migranti abbarbicati sugli scogli di Ventimiglia, nella vana attesa che la Francia riaprisse le sue frontiere? «Quelle immagini – scrive da Parigi Leonardo Martinelli per la Stampa – hanno fatto il giro del mondo. Ma i siti d’informazione d’Oltralpe hanno ostentato indifferenza per tutta la giornata». Solo «a metà giornata il telegiornale di France 2, il principale canale pubblico, ha finalmente trasmesso alcune riprese effettuate al confine tra Mentone e Ventimiglia». Peccato però che «nello stesso tg molto più lungo è stato un servizio dedicato al “ritorno” della serenata in Italia. Sì, cantanti più o meno improvvisati, accompagnati da chitarra o meglio da mandolino, che sono pagati da chi vuole dichiarare l’amore alla sua bella, proprio sotto la sua finestra».

OCCHIO NON VEDE… Insomma, «sull’emergenza migranti al confine con l’Italia, niente o quasi». In Francia la cosa pare non fare notizia. Ma forse a determinare questa clamorosa indifferenza mediatica, osserva il giornalista della Stampa, non è solo la logica del mercato dell’informazione. Spiega al quotidiano torinese Jean-François Ploquin, direttore della ong Forum Réfugiés: dopo il devastante naufragio di aprile nel Mediterraneo, nel quale persero la vita più di 800 persone, nel paese «l’attenzione è ritornata giù». Un po’ «perché i francesi non si vedono arrivare i barconi della speranza sulle loro coste e credono che quello non sia il loro problema ma quello del Paese accanto». Un po’ però, aggiunge Martinelli, incide pure il fatto che «tutti rincorrono le posizioni di Marine Le Pen, anche la sinistra al potere».

QUESTIONE DI POPOLARITÀ. Osserva sempre Ploquin: «Il governo è d’accordo sul principio della ripartizione dei rifugiati tra i diversi Paesi europei», ma il termine “quote” inquieta l’opinione pubblica, «appare come un’imposizione dall’alto». E questo «il governo di Manuel Valls lo sa», scrive il cronista della Stampa. «E con una popolarità ai minimi non può permettersi anche queste “quote”, contro cui la Francia sta facendo sbarramento». Perciò meglio nascondere il tema sotto il tappeto. Eppure l’emergenza è sotto gli occhi di tutti anche Oltralpe. Perfino nella stessa Parigi. «In realtà – prosegue l’articolo – molti dei migranti, che sfuggono ai controlli alla frontiera italiana, arrivano fin qui. Si formano accampamenti illegali, in piena città, nell’indifferenza generale». Il governo ha deciso di occuparsene proprio oggi, ma chissà se questo basterà a far tornare la sorte dei migranti tra le notizie principali dei tg.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. giuliano says:

    i nostri governanti hanno creato questo disastro umano perchè hanno applicato l’ideologia al problema. Hanno dichiarato che non esiste più il reato di clandestino e sono andati per mare a cercare chi voleva salire sulle navi. Nell’Africa si è sparsa la voce e oltre ai perseguitati veri nelle guerre si è aggiunta una marea di gente che, senza averne diritto, pretende di arrivare qui, senza documenti e senza richieste di lavoro, e il nostro governo li accetta e li foraggia e da loro diritti che non hanno mai maturato. In 3 mesi circa i clandestini riempono una città delle dimensioni di Parma e rimangono tutti qui, dal momento che le nazioni UE hanno fatto capire che non li vogliono, e mi sembra normale questo rifiuto, poiché accettare questa invasione metterebbe a rischio la identità delle popolazioni native e genererebbe scontri etnici. La sinistra ha voluto questo imbroglio colossale, dove ci mangiano le onlus, per cecità ideologica e per odio contro la identità dei popoli. Ora la frittata è fatta e non si può tornare indietro e vedremo molte moschee sorgere da noi

  2. giuliano says:

    ora l’Italia diventerà una repubblica islamica. L’arrivo di 1000 clandestini islamici al giorno porterà inesorabilmente a questo risultato. ringraziamo la sinistra sopratutto

  3. Fabio says:

    Oggi sia Salvini che Lupi hanno perso un’occasione a testa per tacere.
    Il Papa ha giustanente chiesto perdono per chi ha respinto i migranti ciioe’
    la Francia illuminata dagli ideali della Rivoluzione giacobina di cui vediamo
    gli splendidi frutti a Ventimiglia in ternini di umanita’ fraternita’ e liberta’.

    Salvini non ha capito che il Papa non ce l’aveva con lui o con la Lega ma cpn la Francia
    ed e’intervenuto a sproposito
    .

    Lupi ha strumentalizzato le frasi di Salvini politicamebte in chiave antileghista : Salvini non ha
    assolutamente insultato il Papa come sostiene Lupi , ma ha fatto solo notare che non si sente
    tra quelli da perdonare che sono i francesi.

    Cosi’ da un malinteso si e’passati ad una strumentalizzazione politica

    • luigi lupo says:

      Banalizzi quando dici che Salvini non ha capito e da questo è nato un malinteso.
      Sul tema degli emigranti il Papa e Salvini sono su due fronti nettamente opposti e prova pensare a chi dei due fà, giornalmente, strumentalizzazione politica.

  4. Jens says:

    Scusate un secondo, ma spedire i clandestini in Austria e Svizzera no? Ovviamente non li si fa passare dai valichi ufficiali: si usano le creste di confine… E poi se li riportano alla frontiera li si respinge. Per carità, niente contro i clandestini, è solo per costringere l’europa (notare la “e” minuscola) a fare il proprio dovere.

    • SUSANNA ROLLI says:

      Jeans, pensa, in Italia non ci vogliono rimanere neanche gli immigrati, se ne vogliono andare al Nord, pensa te!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi