Google+

Venezuela. Ora Maduro potrà convocare la sua costituente (truffa)

giugno 1, 2017 Redazione

La corte suprema ha riconosciuto al presidente il diritto di non consultare il popolo con un referendum. Altri scontri. Il bolivar si svaluta del 64 per cento

maduro-venezuela-ansa-ap

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Sale la tensione in Venezuela. La corte suprema ha dichiarato ieri che il presidente Nicolás Maduro ha il diritto di convocare un’assemblea costituente senza che sia necessario indire prima un referendum popolare. La sentenza rischia di acuire il clima di scontro politico che ormai da mesi infiamma il paese in preda a una gravissima crisi economica e sociale. Secondo il testo della sentenza approvata dal tribunale supremo di giustizia di Caracas, considerato vicino al governo di Maduro, «non risulta necessario, né costituzionalmente obbligatorio, un referendum consultivo precedente alla convocazione di una assemblea nazionale costituente». Nonostante l’articolo 347 della costituzione venezuelana, secondo il quale è il popolo sovrano che deve convocare un’assemblea costituente, l’alta corte ha sottolineato che Maduro, in quanto presidente democraticamente eletto «esercita indirettamente, in quanto suo rappresentante, la sovranità popolare».

Era stata proprio una decisione della corte suprema, che pochi mesi fa aveva cercato di esautorare il parlamento (in mano all’opposizione) annullando tutte le sue decisioni, a scatenare le proteste di piazza che vanno avanti ancora oggi. Ieri almeno cento persone sono rimaste ferite nei nuovi tafferugli tra manifestanti e polizia scoppiati a Caracas. Come riferiscono i media locali, i sostenitori dell’opposizione hanno occupato un’autostrada nel centro della capitale venezuelana. Le violenze sono esplose dopo che la polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere la folla. Dall’inizio di aprile, sessanta persone sono state uccise e più di mille ferite nelle proteste contro il governo. I manifestanti e i partiti di opposizione chiedono elezioni immediate e riforme strutturali per far ripartire l’economia. Basti pensare che ieri il bolivar, la moneta venezuelana, è crollata, svalutandosi del 64 per cento, dopo che il governo ha autorizzato un’asta in dollari a un tasso superiore a quello ufficiale per combattere il mercato nero.

Intanto, sempre ieri, il vertice dei ministri degli esteri dell’Organizzazione degli stati americani (Osa) sul Venezuela ha sospeso i suoi lavori per permettere alle delegazioni di «ottenere un consenso, al quale si è vicini su un progetto di dichiarazione sulla crisi a Caracas». Malgrado una serie di riunioni informali tenutesi a Washington negli ultimi giorni e le quasi cinque ore di sessione della riunione di consultazione dei ministri Osa di ieri, non si è ancora riuscito a trovare un accordo di compromesso fra due testi proposti dalle delegazioni. Questi due testi, presentati dalla Comunità dei Caraibi (Caricom), da una parte, e dal gruppo Perú, Canada, Stati Uniti, Messico e Panamá, dall’altra, chiedono ambedue al governo di Maduro di sospendere il processo di riforma costituzionale. L’Osa conta 35 membri: per approvare una dichiarazione sono necessari 23 voti. Il Venezuela, che un mese fa aveva annunciato il suo ritiro dall’organismo, ha comunque accreditato un delegato per l’incontro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download