Google+

Veneziani: «Bene Monti sulle pensioni, ma non sulla reintroduzione dell’Ici»

dicembre 5, 2011 Massimo Giardina

Il giornalista e scrittore Marcello Veneziani promuove alcune delle misure annunciate dal governo ma è contrario ad altre: «In un momento d’emergenza non possiamo permetterci il lusso di bocciare il decreto, ma dobbiamo avere il disincantato giudizio di dire che non c’era bisogno di tecnici per questo tipo d’interventi».

L’elemento comune alla manovra “Salva-Italia” presentata ieri dal presidente del Consiglio Mario Monti è, per usare le parole dello stesso premier, la «pluralità di sacrifici» richiesti. Radio Tempi ne ha discusso con il giornalista e scrittore Marcello Veneziani questa mattina durante la trasmissione Gli spari sopra.

Quale giudizio ha maturato sulla manovra presentata ieri da Mario Monti?
Non c’era bisogno di un gran governo di tecnici e professori per provvedimenti d’imposizione fiscale. Reintrodurre l’Ici e aumentare in qualche modo le tasse, colpire le pensioni, non rientra nella logica dei tagli che avrebbe potuto realizzare un governo di esperti. Le proposte fatte dal Governo Monti poteva essere promosse anche da un governo di profani politici. A questa percezione si aggiunge la mancata capacità di affondare il bisturi sui costi della politica da una parte e dall’altra sull’effettiva lotta all’evasione che è stata ancora una volta solo enunciata, ma, di fatto, non mi pare ci siano proposte d’intervento specifico.

Da una parte il Pdl non avrebbe mai accettato
una patrimoniale, dall’altra il Pd aveva sempre parlato di lotta all’evasione fiscale. 
Credo che abbiano avuto ragione entrambi gli schieramenti nel tono un po’ demagogico e concitato di alcune dichiarazioni. Ho l’impressione che sia stato tenuto dal proposito originario l’idea di fare tagli, sacrifici antipopolari, ma non quello di fare sacrifici strategici che riguardano la classe politica oltre a coloro che la fanno franca. Complessivamente ritengo che, in un momento d’emergenza, non possiamo permetterci il lusso di bocciare una proposta come questa, ma dobbiamo avere il disincantato giudizio di dire che non c’era bisogno di scomodare i tecnici a questo tipo d’intervento.

Cosa dice a riguardo della rinuncia del premier al suo compenso? 
La rinuncia di Monti al suo stipendio rientra nella capacità di conquistare la gente, di sedurre l’opinione pubblica. Questi atti simbolici vanno fatti, anche se sono irrilevanti dal punto di vista economico e hanno un retrogusto demagogico. Però questi segnali bisogna pur darli per incoraggiare ad assumersi la croce del sacrificio. Insomma, bisogna anche dare qualche esempio.

Tra i punti della manovra quale reputa il più positivo?
Il punto a favore è quello che riguarda le pensioni. È un boccone amaro e poteva essere scandito in modo diverso, ma tutto sommato il principio di protrarre l’arco lavorativo mi pare inevitabile e va incontro ad una esigenza reale che era già nei propositi del precedente governo.

Qual è il peggiore?
La reintroduzione della tassa sulla prima casa è un provvedimento traumatico. L’Ici dissimulata, che può essere ulteriormente aggravata dagli enti locali, non so in che cosa si tradurrà e che effetti produrrà. Possiamo per ora dire che colpisce uno dei beni primari del nostro paese: gli abitanti proprietari di casa sono l’80 per cento. Capisco la necessità, ma probabilmente non sarebbe stato auspicabile partire da questa riforma; sarebbe stato meglio partire da altri provvedimenti mirati ai tagli della spesa pubblica piuttosto che ai sacrifici del cittadino comune.

Prevede posizioni forti da parte dei sindacati?
I contrasti con le forze sociali saranno attenuati. Ci sono molti ammortizzatori a cominciare dal Quirinale che impediscono di arrivare ad uno scontro diretto. I sindacati dovranno fare la loro parte, dovranno quindi sceneggiare la loro contrarietà. Penso ci saranno proteste e critiche, ma non si arriverà mai oltre una soglia e non si toccheranno mai i toni visti durante il periodo Berlusconi.

Twitter: @giardser

Ascolta l’intervista a Marcello Veneziani
[podcast pid=119/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi