Google+

Vedere “Il Piccolo Principe” e sentirsi (sentimentalmente) sfiniti

gennaio 24, 2016 Caterina Giojelli

Il film tratto dal libro di Saint-Exupéry è il tentativo di liberare la società dai tic che le impediscono di guardare una scatola e vederci una pecora

piccolo-principe-cartone

Forse basta cliccare sulla sezione del sito del film “Cosa abbiamo imparato sull’amore leggendo Il Piccolo Principe: «Pagina dopo pagina il libro ci dona preziosi insegnamenti su ciò che conta di più nella vita: i sentimenti». Benissimo, neppure Veltroni era stato così esplicito ponendo a epitome del suo documentario I bambini sanno la citazione «gli adulti non capiscono mai niente da soli e i bambini si stufano di spiegargli tutto ogni volta», e di questo diamo atto al film d’animazione di Mark Osborne, in sala dal 1 gennaio per Lucky Red: per omaggiare il libro di Antoine de Saint-Exupéry, il più venduto e più tradotto di sempre (in oltre 250 lingue, secondo solo alla Bibbia), regista e sceneggiatori affidano alla riesumazione di “emozioni senza fine” la salvezza di un grigio mondo devitaminizzato in cui «tutti i grandi sono stati bambini una volta – ma pochi di essi se ne ricordano». E quindi ecco un film sul Piccolo Principe, o meglio sulla liberazione di una società dai tic che le impediscono di guardare una scatola e vederci una pecora, perché, si sa, «l’essenziale è invisibile agli occhi».

L’idea è pure simpatica: prendi tutti gli stereotipi prodotti dalla società keynesiana e opponici la poetica del fanciullino che guardava i tramonti sull’asteroide B612. Abbiamo quindi una bambina piccola con i denti storti che arriva in un nuovo quartiere con la madre, donna in carriera che organizza ogni respiro della figlia per mandarla alla prestigiosa Werth Academy da cui usciranno i manager del futuro. Abbiamo un incontro: quello della piccola col vicino di casa, un vecchio aviatore svitato (un ipotetico Saint-Exupéry) che le racconta la storia del Piccolo Principe e dei pianeti e personaggi da lui incontrati: la rosa, la volpe, il re, il vanitoso, l’uomo d’affari, il serpente. Abbiamo una ribellione: quella della piccola al finale del libro, alla madre, al piano studi, all’imprivviso ricovero del vecchio, che la porta a bordo dell’aereo del vicino a cercare questo benedetto Piccolo Principe. Pochi personaggi per una storia che mixa tecniche di animazione differenti: immagini generate al computer per il nostro mondo mondo grigio banca e disegni originali di Saint-Exupéry animati dalla stop-motion per rileggere il libro.

A mandare tutto in marmellata orwelliana è quello che accade dopo: il Piccolo Principe è diventato un adulto un po’ sfigato, si è bell’e dimenticato di essere stato un bambino, di annaffiare la sua rosa, di guardare i tramonti, di vedere una pecora in una scatola, abita insieme a tutti i personaggi dei pianeti raccontati da Saint-Exupéry su un asteroide popolato da adulti super indaffarati che lavorano h24, senza bambini, senza colori, senza tramonti, senza emozioni. Un mondo distopico, sterile e anaffettivo, insomma. E cosa fa? Il manutentore precario di camini. E il re? Il lift boy dell’ascensore. L’uomo vanitoso? Il sorvegliante. L’uomo d’affari? Stufo di contare le stelle ha deciso di farne un business, le cattura e le trita in una macchina che dà corrente h24 all’asteroide iperproduttivo e ipercontrollato. Osborne la definisce “satira contro il capitalismo”, ammettendo nelle sue interviste i richiami ai film Metropolis di Fritz Lang e Brazil di Terry Gilliam, ma evidenti sono anche i richiami a 1984 di George Orwell e al Mondo nuovo di Aldous Huxley. Che ansia, insomma.
Alla fine la bambina rimette tutto a posto, risvegliando in cielo e in terra, in se stessa e negli adulti il ricordo dell’infanzia, il fanciullino, la capacità di immaginare, insomma «ciò che conta di più nella vita: i sentimenti».

Ed è subito gran festa al botteghino: con 80 milioni di dollari di budget e il suo cast “all star” di voci italiane (Servillo, Cortellesi, Accorsi, Ramazzotti, Pif, Gassmann, Siani, Battiston), “il Piccolo Principe” ha sfondato nel weekend la soglia degli 8 milioni di euro, totalizzando ad oggi 1.242.908 spettatori che da ora in poi riusciranno a guardare una scatola e vederci una pecora perché l’essenziale non è più invisibile agli occhi. Le famigerate criptiche citazioni sui grandi, la volpe e la rosa contenute nelle pagine amate da Veltroni e dai compilatori di Smemorande di tutto il mondo hanno infatti ceduto il passo ai più essenziali “illuminate con le stelle i vostri sogni”, “Un miracolo per l’Aviatore… l’inizio di un grande VIAGGIO per voi sognatori!”, “solo se un’amicizia è sincera diventa… UNICA!”, tutti belli commentati, condivisi e corredati sui social dedicati da vagonate di hashtag, gattini patati, cuori a catinelle, emozioni senza fine. E domande abissali “Quando un abbraccio vale più di mille parole – cuore, hashtag, puntini di sospensione e poi la domandona –. E voi, chi abbracciate oggi?”.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Alessandro2 scrive:

    Terrificante. Alla larga dalla melassa. Posso essere sconveniente? Abbasso emozioni e sentimenti, viva amore e ragione. Se vogliamo, abbasso il Piccolo Principe e viva Checco Zalone :).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana