Google+

Da Van De Sfroos a Mozart, da Giacomino all’Innominato: ecco «l’inaudito spettacolo di amore che si consuma per noi»

maggio 9, 2014 Leone Grotti

Ieri sera in piazza Duomo a Milano migliaia di persone hanno risposto all’invito del cardinale Angelo Scola, che ha esposto la Croce con la reliquia del santo Chiodo. E hanno visto la bellezza del cristianesimo

scola-milano-duomo

Erano anni che non si vedeva uno spettacolo così, capace di far percepire che il cristianesimo non è qualcosa di noioso, triste, cupo, “da preti”, ma un avvenimento bello, ricco ed entusiasmante. Quarantamila persone hanno stipato ieri sera piazza Duomo a Milano rispondendo all’invito del cardinale Angelo Scola, che ha esposto la Croce con la reliquia del santo Chiodo.

milano-duomo-spettacolo-scola-giacomoIL CHIODO E IL BRICO. E magari, come ha detto il comico Giacomo Poretti (qui il video dello spettacolo) durante il suo intervento, molti pensano «che quel chiodo non è vero ma è stato comprato al Brico» ma non si è mai visto che un chiodo del Brico generasse qualcosa del genere. Sullo sfondo della facciata del Duomo, per due ore giovani vecchi e bambini hanno ascoltato in silenzio pezzi di musica classica eseguita da un’orchestra posta ad hoc sul sagrato.
Le brevi parole di Gemma Capra, la vedova del commissario Luigi Calabresi, hanno fatto riflettere sul mistero del perdono, letture potenti come la conversione dell’Innominato dai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni sul mistero della misericordia e passi struggenti dell’Interrogatorio a Maria di Giovanni Testori sul mistero dell’amore di Gesù per gli uomini.

milano-duomo-spettacolo-croceVAN DE SFROOS E MOZART. Chi ieri ha ascoltato Van De Sfroos cantare la Ninna nanna del contrabbandiere o Giacomo raccontare il suo rapporto con la Madonnina che dalla cima del Duomo domina Milano, facendo venire le lacrime agli occhi (dal ridere) ai partecipanti, o l’orchestra eseguire l’Ave Maria di Schubert e l’Ave Verum Corpus di Mozart ha capito senza bisogno di una laurea in teologia le parole pronunciate dall’arcivescovo Scola: «Come la folla di duemila anni fa, siamo venuti a vedere l’inaudito spettacolo di amore che si consuma per noi»: «La Croce, fisicamente a noi rappresentata dalla Reliquia del Santo Chiodo che trafisse le mani di Gesù».

IL VERO PROTAGONISTA. Lo spettacolo è durato due ore e tutto era fatto bene senza sbavature: i musicisti erano bravi, i cantanti erano bravi, gli attori erano bravi e nonostante fossero tutti “one man show” nessuno ha cercato di rubare la scena al protagonista, la Croce che stava al centro del sagrato. Neanche il cardinale, che prima di far recitare il Credo e cantare il Regina Coeli, ha detto: «In questo fiume di grazia che è la storia cristiana noi siamo l’ultimo anello della ininterrotta catena delle generazioni. Ognuno porti questa bellezza nella sua vita ordinaria: in famiglia, al lavoro, nei momenti di riposo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele Scrignaro scrive:

    Grande spettacolo, cioè “mezzo o strumento per guardare” (etimo.it) il ‘cielo’, il profondo. “Non puro, ma grande” (Bono), diciamocelo. A costo di risultare “ma chi si crede d’essere?”, dico che il Vangelo non è testo teatrale, da drammatizzare con quell’insistito registro esageratamente enfatico e giurassico di alcuni degli ‘attori’ (addirittura, nell’ultimo brano di san Luca, Stefania Pepe ha letto Gallilea, sì, con due elle!), che ha trovato il culmine nello straziante Interrogatorio, che chi l’abbia sentito da Testori sa cosa voglio dire (partecipo alla Via Crucis dal Duomo e provo sofferenza nel dover sentire le letture di Paola Villoresi e collega). E più improponibile ancora come è stata straziata Halleluja, la più ‘vissuta’ canzone Cohen, neppure Buckley c’era riuscito (tentando di ridurre l’inno alla Vita che è a ode all’orgasmo). E’ più facile dire grazie a Poretti.

    • gipo scrive:

      Caro amico,
      è proprio vero il detto che “manca sempre un soldo per far mille lire”!
      Giovedì scorso io (io e la mia famiglia) c’ero e lo confesso ho pianto di commozione sentendo la testimonianza della vedova Calabresi, ascoltando (una volta ancora) il passo della conversione dell’Innominato e quello ancor più tragico de “Interrogatorio a Maria”.
      Forse ti aspettavi altro ma, almeno questa è stata la mia esperienza, il protagonista non dovevamo cercarlo tra gli attori o cantanti o comici (Poretti, un genio, con “quando sarò di la, gli chiederò come ha fatto a perdere la testa per una come Te!): il protagonista, pur nella sua fissa immobilità, era li a braccia aperte pronto ad accoglierci tutti, conoscendoci ad uno ad uno; e quel Chiodo pronto a ricordarci l’infinita sofferenza patita e l’infinito amore a noi donato.
      Per lo spettacolo, prego accomodarsi dall’altra parte della Galleria Vittorio Emmanuele.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana