Google+

Va bene la protesta democratica e lo scontento, ma questi Forconi stanno esagerando

dicembre 11, 2013 Chiara Rizzo

A Foggia due camionisti non hanno accettato di fermarsi al blocco, sono stati inseguiti e aggrediti. A Torino il centro storico è assediato da studenti e manifestanti, sull’A1 rallentamenti a Parma

Nel giorno in cui si vota la fiducia al governo Letta, con la minaccia di azioni eclatanti nel caso il premier la ottenesse, il movimento dei Forconi-coordinamento 9 dicembre prosegue le proteste in varie città d’Italia. Un movimento, quello dei Forconi, assai eterogeno e in cui si sono aggiunte le sigle più diverse con gli intenti più disparati (leggi l’intervista a Pasquale Russo, segretario nazionale di Conftrasporto, che ne prende le distanze).

MILANO, PIAZZALE LORETO. A Milano, intorno alle 10, sono ricominciati per il secondo giorno i blocchi del traffico “a rotazione”. Ad intervalli di breve tempo, un gruppetto per ora composto da una decina di persone, girando intorno alla piazza, impedisce il transito alle auto in vari punti. Hanno un cartello con lo scritta “Il vostro tempo da onorevoli è finito”. Intorno a mezzogiorno il presidio di piazzale Loreto ha dato origine allo scontro tra i manifestanti dei Forconi, che bloccavano il traffico, e alcuni tifosi dell’Ajax che viaggiavano su uno dei pullman bloccati. Spazientiti, i tifosi olandesi sono scesi dall’autobus e sono andati allo scontro fisico con i manifestanti. Per fortuna non ci sono stati feriti, ma solo uno dei forconi contuso al polso. La polizia ha immediatamente avviato delle indagini per scoprire le responsabilità, e ha raggiunto l’autobus dei tifosi, nel frattempo giunto a San Siro, riuscendo ad identificare solo una decina di ultras (la maggiorparte era già scesa e si era diretta allo stadio). Gli investigatori infatti temono possibili ritorsioni da parte degli ultras del Milan.

ANCHE A MONTECITORIO. Roma è stata blindata, preventivamente, per evitare che i presidi dei forconi arrivassero intorno ai “palazzi del potere” il giorno in cui si vota la fiducia, e creassero disordini. I leader del Coordinamento 9 dicembre – i Forconi avevano promesso una manifestazione significativa a Roma solo in caso sia rinnovata la fiducia al Governo. Oggi a piazzale dei partigiani si è creato un presidio di forconi a cui si sono presto aggiunti un centinaio di rappresentanti dell’estrema destra, provenienti da Casa Pound: da lì alcuni manifestanti hanno raggiunto la stazione della metro Garbatella e hanno bloccato i treni per circa mezz’ora. Un centinaio di manifestanti intanto hanno raggiunto Montecitorio, ma si sono dovuti fermare alle transenne disposte dal cordone di forze dell’ordine. L’allerta è altissima, per il pericolo di contagio di episodi di violenza, anche perché in queste stesse ore è anche in corso una manifestazione dei metalmeccanici della Fiom.

FOGGIA, AGGREDITI DUE TRASPORTATORI. Sulla statale 16 in provincia di Foggia, due camionisti si sono rifiutati di aderire alla protesta e al blocco stradale organizzato dai Forconi, e hanno ripreso la loro marcia. Il primo caso è accaduto ieri, 10 dicembre, alle 23 circa: il camionista è stato inseguito dai manifestanti fino a che non lo hanno raggiunto e bloccato: gli hanno bucato anche uno pneumatico. Il secondo episodio è avvenuto dopo la mezzanotte ad un camionista che trasportava grano a Manfredonia (Fg) e che di nuovo non si è fermato al blocco. Anche lui è stato inseguito dai forconi a bordo di un auto, bloccato, preso a calci, mentre parte del carico veniva gettato a terra.

TORINO: PRESIDIO A PIAZZA CASTELLO. Per il terzo giorno, continuano i blocchi stradali nella periferia della città, mentre il più importante presidio dei Forconi, quello in piazza Derna, è stato sgomberato nella notte. Il centro città è stato attraversato da un corteo a cui hanno preso parte alcune centinaia di studenti, che hanno raggiunto il presidio dei Forconi-Coordinamento 9 dicembre in piazza Castello. A Pinerolo, il Pd ha organizzato un presidio “anti-protesta” davanti al municipio.

IN TENDA A GENOVA. Terzo giorno di presidi anche nella città della Lanterna, a piazza De Ferrari i manifestanti hanno montato persino le tende. A Savona è in corso un sit-in davanti alla sede di Equitalia, ad opera di studenti, disoccupati, cittadini qualunque. Segnalato anche un caso a una libreria ai cui addetti i Forconi avrebbero urlato: «Chiudete la libreria, bruciamo i libri». A Sanremo gli studenti sono scesi in corteo, a Imperia alcuni manifestanti sono stati identificati. In nottata è stato bloccato il casello autostradale di Ventimiglia.

PARMA, BLOCCHI SULL’A1. Autostrade per l’Italia ha segnalato code lungo l’A1 in prossimità del casello di Parma, a causa delle proteste di alcuni autotrasportatori che aderiscono allo sciopero dei Forconi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Io non ho ancora capito: per cosa è sta protesta? Mi sa tanto di accozzaglia di manifestazioni messa lì alla viva il parroco.
    Se protesti sul rincaro dei mezzi pubblici e dei loro disservizi, devi iniziare a salire sul pullman senza pagare il biglietto.
    Se protesti che le tasse sono insostenibili, devi iniziare a smettere di pagarle.
    Se la classe politica non ti rappresenta e ha tutta l’aria di essere un’oligarchia tirannica, devi bloccare le entrate e le uscite del parlamento e costringere i politici a ridurre tasse e tagliare spese toccando clientele e quant’altro, costringendoli a una lenta morte per fame e sete se non ti accontentano.
    Tutto questo lo devono fare tutti quelli che ormai non ne possono più. Da soli si finisce in carcere e rovinati, in 1000 si fa la stessa fine, in 10000 si ottiene niente ma non si finisce rovinati, se si è dell’ordine di qualche milione le cose iniziano a cambiare radicalmente.
    Qui c’è bisogno di un colpo di stato contro questa oligarchia tirannica! Altro che forconi…

  2. Jack scrive:

    Ho intravvisto poco fa su Italia1 studioaperto con le immagini dei forconi da piazzale Loreto. Bene: c’era un tizio con un cartello e megafono e attorno 3 pesone (3 di numero) che applaudivano.

    Lo spazio e il risalto che stanno dando tv giornali e internet a questi fatti sono indice di come il tutto faccia già il gioco del potere.

    APPUNTAMENTO DOMENICA PROSSIMA A MILANO SENTINELLE IN PIEDI. PIAZZA SAN FEDELE.
    Cfr pagina facebook delle Sentinelle.

  3. silvia scrive:

    Sempre MENO DANNI delle solite manifestazioni organizzate o patrocinate dai soliti idioti!
    Ma perché questi danni sono VOLUTAMENTE INGIGANTITI rispetto a tanti altri accaduti in tutti questi anni di manifestazioni??!!!
    Vero è che una manifestazione ben fatta dovrebbe avere una PROPOSTA BEN DEFINITA, ma mi domando perché non capiate l’importanza di una manifestazione che per la prima volta cerca di star lontano da ogni bandiera politica.
    C i si scandalizzava meno per Grillo che mandava a Fan…

    Ripeto, poi ci vogliono le proposte! e a parer mio l’unica arma è lo SCIOPERO FISCALE!

    Non è una manifestazione organizzata dal nulla, sono almeno 3 mesi che chi si sa informare al di là dei soliti canali ne ha sentito parlare,sentendo ciò che gli organizzatori avevano da dire, ma tanti di voi, e per primi politici e giornalisti NON HANNO MAI VOLUTO INFORMARSI E TANTO MENO INFORMARE LA GENTE , apposta per farli passar per un ammasso di persone che è lì in modo improvvisato e non sa neanche il perché…troppo comodo così!

    Vi assicuro che chi l’ha voluta questa protesta ha le migliori intenzioni! ma se manifestano… dite che non va bene perché lo fanno in modo troppo aggressivo, se non manifestano… è perché non si fanno sentire, se poi decideranno di attuare lo sciopero fiscale…allora non andrà bene perché ci rimette tanta gente, comunque sia non andrà mai bene! se bloccano le strade…allora non va bene perché la gente deve andare a lavorare………………

    Io ritengo giusto che il popolo faccia sentire il suo malcontento!
    Il basta è principalmente un basta alle TASSE ECCESSIVE,
    un basta a trattare ARTIGIANI AGRICOLTORI e IMPRENDITORI come ladri!
    il basta è un basta verso le leggi che non rispecchiano la volontà del popolo, che viene trattato come popolo delle caverne da rieducare!

    Ripeto sono almeno 3 mesi che gli organizzatori stanno facendo opera di informazione, ma se le volte che finiscono sui giornali/tv nazionali li tagliano trattandoli come deficienti…. chi protesta è gente normale, ma che per questo non va trattata con supponenza, anzi…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana