Google+

L’utero in affitto è illegale ma «il fatto non costituisce reato»

marzo 29, 2017 Redazione

Se il tema è dibattuto la norma non vale più. La tesi difensiva accolta dal tribunale di Bologna per assolvere una coppia che ha commissionato una maternità surrogata in Ucraina

utero-in-affitto-bologna-fattoquotidiano-it

Legge 40/2004, articolo 12, comma 6: «Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro».

Può tornare utile tenere a mente queste parole quando si apprendono notizie come quella riportata ieri da molti siti e agenzie di informazione. A Bologna una coppia che aveva fatto ricorso alla maternità surrogata per ottenere un figlio è stata assolta perché – come ha riassunto per esempio la cronaca online del Fatto quotidiano, sezione “diritti” – «per il giudice il fatto non costituisce reato».

IL CASO E LA SEGNALAZIONE. «Sul banco degli imputati», spiega un articolo di repubblica.it, c’erano marito e moglie, 57 anni lui e 44 lei, «dal 2012 genitori di un bambino nato a Kiev, dove la pratica è consentita. La madre naturale è una donna ucraina con cui a febbraio 2010 sottoscrissero un contratto per poter impiantare nel suo utero, dietro pagamento di un corrispettivo, un ovocita fecondato con il seme dell’italiano». Insomma sui fatti non c’erano molti dubbi, c’era addirittura un “regolare” contratto (regolare in Ucraina, in Italia un po’ meno), e infatti «l’inchiesta era partita per una segnalazione dell’ambasciata italiana a Kiev al Comune dove il bambino è registrato, che ha avvisato la procura».

LA TESI. Davanti al giudice Sandro Pecorella, continua Repubblica, il pubblico ministero «aveva chiesto il minimo della pena». Ma la cosa sorprendente che tutte i giornali sottolineano è la tesi della difesa accolta dal tribunale. «Stavolta», scrive Marcello Palmieri per Avvenire, l’avvocato Giorgio Muccio «ha giocato proprio sul dibattito politico scaturito dalla precedenti pronunce: se qualcuno ha proposto di chiarire l’attuale norma, esplicitando l’esistenza del reato anche qualora sia commesso all’estero, allora significa che la legge non è per nulla chiara. Dunque nel dubbio bisogna assolvere». Detto altrimenti, nei termini di Repubblica, il legale «ha rilevato che recentemente sono stati depositati vari disegni di legge per modificare la norma e rendere perseguibili gli italiani che fanno ricorso alla maternità surrogata all’estero. Pratica che dunque, evidentemente, non sarebbe considerata illecita con le attuali normative». Evidentemente?

CHI È LA MADRE. Ma non è finita qui. I due coniugi erano accusati «anche del reato di alterazione di stato civile di minore», continua Avvenire. «Per la legge italiana, infatti, madre è colei che partorisce. Non certo chi stipula insieme al marito un contratto per ottenere un bimbo con il seme di lui, gli ovociti di un’altra donna, e il ventre di un’altra ancora». Anche su questo, però, il tribunale di Bologna non ha trovato da ridire, anzi, «ha sostenuto che il certificato di nascita era stato validamente redatto secondo la legge del paese estero. Dunque l’Italia avrebbe dovuto riconoscerlo a norma del diritto internazionale».

ORDINE PUBBLICO. Commenta Palmieri: «In effetti questo afferma la legge invocata, ma con un limite: quello dell’ordine pubblico. Se infatti l’atto estero contrasta con i princìpi fondamentali del nostro ordinamento, in patria non può valere. E che il divieto di maternità surrogata sia di ordine pubblico l’ha detto chiaramente la Corte di cassazione, massima magistratura a cui dovrebbero uniformarsi tutti gli organismi giudiziari inferiori, tribunali in primis».

L’INTERESSE DEL MINORE. Tra l’altro nella stessa sentenza, la numero 24001/2014, il supremo tribunale secondo Avvenire «confuta» anche «l’obiezione per cui, una volta ottenuto, il miglior interesse del minore sarebbe quello di rimanere con chi l’ha “comprato”» e «chiarisce che in verità la massima aspettativa del bimbo è quella di esser dichiarato figlio di coloro che sono genitori per legge: dunque padre e madre o biologici, o adottivi. In ogni caso, non di coloro che hanno prodotto la nuova vita attraverso un contratto commerciale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana