Google+

Usa. Obama minaccia di abolire la legge che protegge la libertà religiosa. Leader di tutte le fedi scrivono al Congresso

luglio 3, 2014 Benedetta Frigerio

Dopo la sentenza sulla Hobby Lobby, si teme una “ritorsione” del governo sulla legge clintoniana del 1993: «Legiferare contro questa norma costituirebbe un precedente pericoloso»

«Il Congresso non ha mai approvato una legge con lo scopo specifico di ridurre la libertà religiosa degli americani. E non dovrebbe neanche pensare di prendere in considerazione il fatto di farlo ora». È il testo di una lettera firmata dai leader religiosi di tutti gli Stati Uniti, rappresentanti delle comunità battiste, presbiteriane, avventiste del settimo giorno, luterane, ebraiche, indù e buddiste. Tra questi, anche il presidente della Conferenza episcopale (Usccb), monsignor Joseph Edward Kurtz. Ovvero dai «leader di diverse comunità di fedeli che rappresentano oltre 100 milioni di Americani (un terzo dei cittadini, ndr)». La preoccupazione dei leader religiosi è che si modifichi o abroghi la legge sulla libertà religiosa (Religious Freedom Restoration Act, Rfra) approvata nel 1993 con voto unanime.
Perché questa preoccupazione? Perché la Corte suprema, sentenziando a proposito del caso Hobby Lobby, ha fatto riferimento alla Rfra ed è anche chiaro che l’amministrazione Obama è rimasta scottata da tale decisione. Così, il timore diffuso negli ambienti religiosi è che il governo lavori per modificare o, addirittura, cancellare la Rfra.

UNA LEGGE VOLUTA DA CLINTON. «Il Religious Freedom Restoration Act è passato nel 1993 con un supporto ampio e bipartisan. Tutte le fedi religiose, incluse le più vulnerabili, sono protette dalla legge federale. Gli americani devono essere liberi di vivere e lavorare in accordo alla loro fede». Per questo si chiede «di non emendare né abrogare il Rfra, una delle protezioni legali più funzionali della libertà religiosa e dei diritti della libera coscienza di ogni persona di qualsiasi fede». Negli Stati Uniti, infatti, «il diritto a vivere secondo la propria fede e ad agire secondo la propria coscienza» è sempre stato protetto, anche «al di fuori delle mura del proprio luogo di culto». Per questo, «come il presidente Bill Clinton disse quando firmò il Rfra, il governo deve garantire l’esistenza di prove evidenti prima di interferire con il libero esercizio della religione di qualcuno».

«TUTTI GLI AMERICANI DEVONO ESSERE LIBERI» Nella missiva si fa presente ai legislatori che «le nostre comunità di fede praticano in tanti modi diversi» e che «abbiamo opinioni diverse su molte cose. Ma sulla scia delle decisioni della Corte Suprema degli Stati Uniti a favore di Hobby Lobby (…), siamo uniti nel nostro fermo sostegno al mantenimento di tutte le disposizioni vigenti e delle protezioni del Religious freedom restoration act del 1993». I leader religiosi hanno poi sottolineato l’affermazione della Corte Suprema per cui «tutti gli americani – tra cui gli imprenditori di aziende familiari – devono essere liberi di vivere e lavorare secondo la loro fede e ricevere le tutele sancite dal Religious freedom restoration act». Data anche la «maggioranza schiacciante bipartisan della Camera e del Senato degli Stati Uniti», quando il presidente Clinton lo firmò. Allora furono solo tre i membri del Congresso che votarono contro la legge.

«PRECEDENTE PERICOLOSO». Ma perché si ritenne così importante per l’America proteggere l’esercizio pubblico della fede? «Ogni giorno – si legge nella lettera – milioni di americani sono motivati dalla loro fede quando vanno a servire i più bisognosi tra di noi. Le buone opere di questi individui di fede sono visibili nelle mense, negli ospedali, nelle scuole, negli ospizi. E, sì, anche nelle aziende a conduzione familiare». È così che, per oltre 20 anni, sono stati protetti «gli americani di tutte le fedi dalle coercizioni del governo. Ebrei, musulmani, indù, cristiani, buddisti, sikh e altri». Ecco perché di fronte all’esortazione dell’amministrazione Obama diretta al Congresso «ci siamo riuniti per scrivere questa lettera con un motivo specifico: non modificare o abrogare il Rfra», che «è una delle tutele giuridiche più vitali nella nostra nazione della libertà religiosa e dei diritti di coscienza di ciascuna persona di ogni fede». Modificare il Rfra, perché «alcuni non sono d’accordo con una particolare applicazione della legge, costituirebbe un precedente pericoloso, che minerebbe il principio fondamentale della libertà religiosa di tutti, anche di coloro le cui convinzioni religiose possono essere impopolari in questo momento. Il Congresso non ha mai approvato una legge con lo scopo specifico di ridurre la libertà religiosa degli americani. E non dovrebbe neanche pensare di prendere in considerazione il fatto di farlo ora».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Roberto scrive:

    Dalle sinistre moderne MAI nulla di buono!

  2. Enrico Z scrive:

    Gli sta bene a tutti quei cristiani di colore che hanno votato Obama solo perché di colore. Il razzismo si paga e parlo perché un’elettrice americana di colore, pentita, si disperava per averlo fatto solo sulla base del colore della pelle. Obama é un nazicomunista

    • Raider scrive:

      Eh, che volete, quando si sceglie e si osanna, nel modo vergognoso e pregiudiziale in cui hanno fatto fatto a gara i media di tutto il mondo, un mr Obama qualunque per ragioni che nulla hanno a che fare con la competenza, l’esperienza, un programma politico chiaro, il valore delle sue idee o la sua idea dei valori cui ispirare un’azione di governo, ecco che vi servono a puntino il Presidente americano dal volto umano votato per acclamazione anche da tanti cattolici. Con tutti i suoi limiti, era molto meglio George Walker Bush.

  3. mike scrive:

    se Obama la mette così io dico w Arthur.

  4. Luke scrive:

    Obama è un pazzo scatenato: è il peggior presidente della Storia USA, promotore nel mondo di tutte le aberrazioni pro-gay e abortiste (se assistiamo a queste accelerata ideologica sui Gay negli ultimi anni è tutta colpa sua), il più vergognoso e scandaloso Nobel per la pace di sempre, ha scatenato in lungo e in largo guerre in Medio Oriente creando situazioni incontrollabili e portando così alla ribalta l’estremismo islamico.
    Non se ne può più, gli Americani uno peggiore non se lo potevano scegliere, hanno inguaiato anche noi.

  5. francesco taddei scrive:

    i media americani (e pure quelli italiani, che sono tanto acCULturati)in fondo sono d’accordo con lui:
    della libertà religiosa non frega nulla, anzi se possono dargli al diverso da loro tanto meglio.

  6. rosanna scrive:

    Sono d’accordo con Enrico Z: Obama è un nazicomunista. Guerrafondaio e macchiavelico calcolatore. Gli ritirerei il premio NOBEL…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana