Google+

Usa, gli aborti aumentano nelle grandi città ma calano nel resto degli States

gennaio 12, 2011 Benedetta Frigerio

Il dato 2010, secondo uno studio dell’Istittuto Guttmacher, è che a New York un bambino su due viene abortito. Nel centro America, invece, i dati parlano anche di percentuali inferiori al 6 per cento. Il tasso delle città è arrivato invece a preoccupare addirittura le associazioni pro choice

Sembra che dopo la diminuzione degli aborti fra il 1990 e il 2005, negli Stati Uniti la piaga si sia riaperta. Uno studio dell’Istittuto Guttmacher spiega che, dopo il picco degli anni Novanta, circa 1 milione e 660 mila casi, e la fase decrescente da lì al 2005, gli aborti hanno ricominciato ad aumentare: nel 2008 sono stati 1 milione e 200 mila. Bisogna stare attenti, però.

Le cifre registrano un’impennata nei grandi centri urbani, dove vive la maggioranza della gente
(a New York la percentuale 2010 indica che un bambino su due viene abortito), così tanto da coprire i drastici cali del resto degli States. Gli stati del centro America, infatti, hanno percentuali bassissime (solo Wyoming, Mississippi, Kentucky o Idaho arrivano anche al di sotto del 6 per cento, con alcuni Stati dalle leggi restrittive che lo permettono solo alle prime settimane). La percentuale delle città è arrivata invece a preoccupare addirittura le associazioni pro choice.

Lo testimoniano i dati relativi alla grande fuga dalle città riportati oggi dal Foglio.
Negli anni Cinquanta, il 30 per cento della popolazione viveva nel centro di San Francisco, ora solo il 13%. Contrariamente a quanto i media spesso affermano, la maggioranza degli americani vuole vivere nei sobborghi: la percentuale, stimata negli ultimi quarant’anni, di quanti vogliono vivere in centro oscilla tra il 10 e il 20 per cento, mentre quella di chi vuole vivere in periferia si aggira intorno al 50%. Le ragioni si possono riassumere nella vita invivibile della metropoli, inadatta a crescere i figli, a fare famiglia e a lavorare ad orari umani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download