Google+

Usa. Estremista islamico decapita un’ex collega di lavoro. Per l’Fbi non è terrorismo

settembre 30, 2014 Redazione

Nolen, un musulmano di Oklahoma City, ha ucciso una sua collega tagliandole la testa. Sul suo profilo Facebook sono stati trovati inni a Bin Laden e alla decapitazione di miscredenti

nolen

«Un caso di violenza sul lavoro». Così è stata definita dall’Fbi la decapitazione di una donna, Coleen Hufford, da parte di Alton Nolen, un estremista islamico americano a Oklahaoma City, giovedì scorso. L’assassino lavorava per una impresa agroalimentare della città, Vaugham Foods. Dopo essere stato licenziato, forse a causa dei ripetuti tentativi di convertire all’islam i colleghi, si è presentato davanti all’azienda e ha assalito un’ex collega, decapitandola. Il killer stava per aggredire un’altra donna, ma è stato fermato dall’intervento di un dirigente, Mark Vaughan, che gli ha sparato contro, ferendolo.

CONVERSIONE IN CARCERE. Nolen aveva precedenti penali. Nel 2011 fu arrestato per possesso di stupefacenti. Si è convertito all’islam in cella e da almeno un anno frequentava le moschee di Oklahoma City. Anche se le organizzazioni islamiche locali hanno smentito la sua appartenenza alla comunità, sul suo profilo Facebook, dove si fa chiamare Jah’Keem Yisrael, sono visibili foto che lo ritraggono in moschea e in compagnia di altri musulmani americani.

UN TERRORISTA? A far discutere i media americani è se l’episodio debba essere catalogato fra gli atti di terrorismo. L’Fbi ha declassato le affermazioni islamiste di Nolen su Facebook, dove mostra la foto di una decapitazione e cita cruenti versetti del Corano («getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi!»), a semplici provocazioni. Nonostante abbia inneggiato all’Isis, ai talebani e minacciato cristiani e occidentali, postando foto di Osama Bin Laden e delle torri gemelle, gli agenti federali non hanno trovato connessioni fra Nolen e gruppi terroristici.

nolenIL LUPO SOLITARIO. I media vicini al partito Repubblicano hanno denunciato quello sarebbe una sottovalutazione della minaccia terroristica da parte dell’amministrazione Obama. Sul sito di informazione breitbart.com, l’intellettuale conservatore Ben Shapiro sottolinea che «non è la prima volta che il governo federale ha etichettato il terrorismo islamico come “violenza sul posto di lavoro”. La strage di Fort Wood nel 2009 ad opera di Nidal Hassan, un dichiarato islamista – ricorda Shapiro – è stata classificata in tal modo dal governo federale. L’amministrazione Obama ha più volte trattato i casi di terrorismo islamico negli Stati Uniti da parte di “lupo solitario” come se si trattasse di un crimine non-terroristico, a differenza della amministrazione Bush».

CENTO TERRORISTI AMERICANI. Il timore che il governo possa sottovalutare il pericolo degli attacchi terroristici da parte di “lupi solitari” è giustificato in parte dal nuovo fenomeno dell’Isis e della sua capacità di attirare al jihad giovani da tutto il mondo. Il direttore dell’Fbi, James Comey, settimana scorsa ha dichiarato in proposito che almeno 100 cittadini americani sono entrati nelle file dell’Isis in questi anni, e che attualmente militerebbero nelle file degli jihadisti almeno una una dozzina. All’Associated Press, Derek Harvey, ex funzionario della Defense Intelligence Agency, consulente del Comando Centrale del Pentagono, ha spiegato che il numero effettivo di terroristi è però in gran parte sconosciuto. «Il direttore dell’Fbi – ha spiegato Harvey –  parla soltanto delle informazioni certe». Sul numero reale di jihadisti americani non vi è certezza assoluta, secondo Harvey. «Ci sono molte incognite, per questo, c’è molto da preoccuparsi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Certo che con l’fbi a sti livelli gli americani sono in una botte di ferro……

  2. alessandro scrive:

    IL RISULTATO DELLE AZIONI DEL GRANDE OBAMA

  3. Menelik scrive:

    Se davvero adesso sono laggiù in Iraq, l’importante è che non tornino più indietro, possibilmente per averci lasciato la pelle.
    E probabilmente è ciò che avverrà.

  4. Cisco scrive:

    Secondo me è un classico esempio di mobbing!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana