Google+

Unione Europea. «L’accordo sui migranti con la Turchia è illegale»

marzo 10, 2016 Redazione

Guy Verhofstadt, ex primo ministro del Belgio e attuale presidente del gruppo Adle al Parlamento europeo, affossa l’intesa raggiunta il 7 marzo, ma ancora da ratificare

erdogan-schulz-ue-turchia-europa-ansa

Unione Europea, abbiamo un problema: l’accordo sui migranti con la Turchia è «illegale». Con un commento pubblicato sul Guardian, Guy Verhofstadt, ex primo ministro del Belgio e attuale presidente del gruppo Adle al Parlamento europeo, affossa l’intesa raggiunta il 7 marzo, ma ancora da ratificare, tra Bruxelles e Ankara.

UNO DENTRO, UNO FUORI. Il cuore dell’accordo sta nel principio “uno dentro, uno fuori”: «Ogni migrante economico o rifugiato siriano che arriva su un’isola greca viene riportato a forza in Turchia», riassume. «Per ogni siriano rimandato indietro in Turchia dalla Grecia, un altro siriano verrebbe accettato dai paesi Ue e distribuito in base a un sistema di quote», lo stesso sul quale l’anno scorso i Ventotto si sono spaccati.

PERCHÉ È ILLEGALE. Perché questo sistema sarebbe illegale? Innanzitutto, continua l’ex premier, «l’articolo 19 della carta dei diritti fondamentali del’Ue afferma che “le espulsioni collettive sono vietate”», mentre «l’Onu ha già detto chiaramente che i respingimenti di massa non sono coerenti con la legge internazionale». Soprattutto se si considera che la Turchia non brilla per il rispetto dei diritti umani e ha «un sistema di asilo che non funziona». Inoltre, come hanno già sottolineato in tanti, in base alle leggi europee una volta che un rifugiato mette piede in un paese europeo deve essere registrato da quel paese prima di essere eventualmente respinto o trasferito.

ALTRE CONCESSIONI. Come se non bastasse, «altre parti della bozza di accordo fanno alla Turchia diverse concessioni, compresi più soldi (tre miliardi in più, ndr) e l’esenzione dai visti [per entrare in Europa] a partire da giugno. Questo è enormemente problematico, data la situazione dei diritti umani in Turchia che si sta deteriorando e il brutale giro di vite sulla stampa libera».

«CALICE AVVELENATO DI ERDOGAN». Non possiamo, conclude, «farci complici nel dare al presidente turco Recep Tayyip Erdogan una vittoria politica interna. (…) Sbagliamo se pensiamo che la Turchia possa toglierci le castagne dal fuoco sulla crisi dei rifugiati: non può. Solo un approccio genuino europeo, basato sulla solidarietà e l’umanità può raggiungere questo risultato. Firmare questo patto cinico con la Turchia significa fare a pezzi l’ordine legale dell’Europa costruito sulle macerie della Seconda guerra mondiale. Bere dal calice avvelenato di Erdogan non è la soluzione».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Rolli Susanna says:

    Aiutarli a casa loro, no? Non è razzismo, è che se si potesse attuare sarebbe meglio per tutti, davvero!!
    Si legga “In Europa morivamo di fame”, di Leone Grotti, più in basso.

  2. Filippo81 says:

    Ci sono ormai tante, troppe cose all’interno della ue che sono illegali,

    • Filippo81 says:

      Addirittura siamo sempre di più a domandarci se la permanenza nella ue sia un bene o una sfica per i popoli Europei.

  3. recarlos79 says:

    allora alla fine ecco a cosa serve l’europa: permettere a chi sta fuori di prenderci a calci quando gli pare!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.