Google+

Le unioni civili gay sono «la stessa cosa del matrimonio. Con un altro nome per una questione di realpolitik». Lo dice Scalfarotto

ottobre 16, 2014 Redazione

Il “matrimonio di fatto” only for gay di Renzi? «È omofobia culturale sostenere che sia un privilegio», dice il sottosegretario. Ma Lupi ribadisce il no di Ncd all’equiparazione “alla tedesca” con la famiglia

Oggi è il giorno delle reazioni alla notizia, diffusa ieri da Repubblica, secondo la quale il governo Renzi intende presentare entro fine mese una legge per il riconoscimento delle unioni gay, che ricalcherebbe il “modello tedesco” (di fatto uno pseudo matrimonio) e che farebbe “saltare” il testo firmato Cirinnà già in discussione al Senato.

PD DISORIENTATO. A parte lo stupore espresso dagli stessi compagni di partito del premier per una decisione evidentemente non condivisa («Ancora non ho ben capito perché si proceda così», dice il presidente del Pd Matteo Orfini), la prima cosa da capire è cosa pensino dell’iniziativa di Renzi i suoi principali alleati di governo, gli alfaniani di Ncd, che a fine luglio, per bocca del ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, avevano detto chiaramente no al “matrimonio fotocopia” importato dalla Germania. È sempre Lupi oggi a consegnare a Repubblica i tre paletti che Ncd proverà a piantare intorno al testo dell’esecutivo.

I PALETTI DI NCD. Premesso che «noi non riteniamo affatto la disciplina delle convivenze civili un tema prioritario», spiega Lupi, il primo paletto è il «no all’equiparazione tra unioni e matrimonio, istituto dal quale origina la famiglia, formata da un uomo e da una donna», per la quale il codice civile «prevede diritti e doveri proprio in funzione del suo valore sociale». Il secondo paletto è il «no all’adozione in ogni caso», compreso quello – previsto invece nella legge di Renzi, secondo Repubblica – in cui il figlio sia di uno dei due partner. No, infine, «alla reversibilità della pensione», altra misura inserita a quanto pare nel progetto del governo. Tale istituto, spiega Lupi, è legato «alla funzione sociale della famiglia», è «pensato in difesa della figura più debole, all’epoca quella femminile, in questo caso viene meno il presupposto».

OMOFOBO CHI CRITICA. Assai significativa, sempre su Repubblica, anche l’intervista del sottosegretario alle Riforme Ivan Scalfarotto, esponente democratico impegnato su tutti i titoli dell’agenda Lgbt, naturalmente favorevolissimo all’iniziativa di Renzi. Innanzitutto il sottosegretario se la prende con i compagni di partito come Roberto Giachetti, renziano di estrazione radicale, che ha protestato perché «non si può fare una legge solo per i gay». E i diritti delle coppie etero? «Ma che ragionamenti sono!», sbotta Scalfarotto. Che poi si spiega in termini alquanto significativi: le unioni gay di Renzi, dice, servono esclusivamente «al superamento della discriminazione delle coppie omosessuali, che è una grande conquista di civiltà»; mentre «se un etero vuole i diritti dell’unione civile, si sposa!». Quanto ai «media» che «raccontano che è stato garantito un privilegio ai gay», beh, «questo è segno di omofobia culturale». Ed ecco chiarito anche il titolo dell’omonima legge, per bocca del suo primo firmatario.

REALPOLITIK. E non è finita. A Repubblica Scalfarotto spiega di essere favorevole al modello tedesco che piace anche a Renzi perché «a me gay non bastano» i diritti minimi delle coppie di fatto: «Io faccio una battaglia per l’uguaglianza, come quella dei neri americani. L’unione civile non è un matrimonio più basso, ma la stessa cosa. Con un altro nome per una questione di realpolitik».
Ben venga il matrimonio di fatto, dunque, e pazienza se per adesso gli sposi gay potranno avere solo i figli biologici di uno dei due: «L’urgenza – osserva Scalfarotto – è l’adozione del figlio del partner. È una fattispecie più frequente. La prima scelta di una coppia omosessuale è di farselo, il figlio. Mentre l’adozione è molto complessa: questa non è una battaglia che valga la pena di combattere in questo momento, anche se in linea teorica penso sia giusta».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

40 Commenti

  1. giampiero scrive:

    Ridicolo il solito Lupi, ridicole condizioni di chi non ha un briciolo di potere di contrattazione. Se cade il governo ha finito di parlare. Alle elezioni non sarebbero nemmeno in parlamento. Dovrebbero scodinzolanti tornare ad Arcore e aspettare avanti la porta che qualcuno apra per dargli un pò di avanzi. In fondo sono come Dudu.

    • Andrea UDT scrive:

      Giampiero, è per NON scodinzolare che Lupi se ne è andato da Arcore.

      Di ridicolo invece trovo alcuni passi dell’articolo.

      In particolare quando parla di un “PD disorientato”, tacendo (troppo imbarazzo?) la svolta gender, quella si disorientante (specie nei modi), di un politico che per anni ha sostenuto ed invitato a votare.

      • vitus1976 scrive:

        Peccato che l’On Lupi si sia guadagnato l’amatissima poltrona su cui posa il suo deretano, proprio grazie all’uso della coda (e non solo!) fatto in quel di Arcore!
        Fino a prova contraria la presunta svolta omosex di Berlusconi e della sua fidanzatina non hanno alcuna rilevanza rispetto ad un dato oggettivo: nel parlamento italiano, purtroppo, c’è una maggioranza di centro-sinistra che vuole queste stramaledette Leggi. Prendersela con Berlusconi ed i nuovi amichetti non cambia la sostanza.

    • Cisco scrive:

      @Giampiero
      In effetti, dopo la cena con Luxuria, ha più probabilità che ad Arcore trovi udienza uno come Scalfarotto invece che Lupi.

    • Sebastiano scrive:

      No, di scodinzolanti il canile di arcore ne è già strapieno. Di tutti quelli sedicenti moderati e rappresentanti del mondo cattolico ma che, su questo tema, si zittiscono tombalmente di fronte alle uscite dell’inquilina sgallettata, dei vari Galan- Verdini- Carfagna e dello stesso padrone del canile a cui fa piacere selfizzarsi con luxuria (che sia una nuova tendenza?) dopo avergli assicurato la propria disponibilità ad approvare le nazileggi di scalfarotto e compagni di merendine vari.
      Del resto, se gli scodinzolanti provassero a dire qualcosa in dissenso (anche un flebile guaito), dove andrebbero poi a prendere la pappa?

  2. Cisco scrive:

    Ha ragione il mitico Scalfarotto, i gay preferiscono commissionare il pupo da se’, mica adottare un orfanello come hanno sempre teneramente cercato di commuoverci. Altra balla finalmente smentita dal Nostro e’ che le unioni gay servano per regolare i diritti delle coppie e non siano invece un atto simbolico anti-omofobico, cioè per silenziare chi non ama il Pride e preferisce la Family.

    • Giulia scrive:

      Assolutamente vero… Vedo che diventano sempre più espliciti,eppure parte del popolo continua a credere che questi vogliono solo “diritti”…. Io l’unico diritto che vedo invocato da questi signori è quello di calpestare i diritti dei bambini. Ma quando apriremo gli occhi?

  3. giampiero scrive:

    Trovo divertente l’astio che nutre il popolo di destra nei confonti del proprio creatore, indiscusso signore e padrone. Il problema non è il vostro che vi credo l’onesto popolo della destra. Il vero problema e dei Lupini, i Salvini, gli Alfanini..etc. Quelli insomma che hanno accoltellato “Cesare”. Ma “Cesare” non solo non è morto. E se ne dovevano accertare i polli. Ma ha anche le truppe fedeli fuori le mura.

    • giovanna scrive:

      Che linguaggio squa.llido, caro Giampiero !
      A forza di tenere la testa bassa, ci scordiamo di essere uomini, fatti per guardare in alto !
      Coraggio, Giampiero, alza lo sguardo, sii uomo !
      Prova a prendere in considerazioni che ci sia un livello appena appena più alto con cui guardare la politica e l’uomo in generale !

      • Filomena scrive:

        Vorresti forse farci credere che “Cesare” è il tuo ideale di uomo virile? Non stentiamo a crederci.

        • A Filooo!!!!! scrive:

          A Filomè, ma nun capisci proprio niente!!! E leggite prima er commento e poi cerca de capì che ccè scritto. Solo dopo dacce er tuo furgido penziero, na stilla de saggezza che ‘n confronto la Pascale è ‘n bruscolino!!!

        • giampiero scrive:

          Amica Filomena, quella di “Cesare”, era una citazione per spiegare un’altra cosa. Era una metafora. Ora lungi da me da essere un estimatore del piccolo timoniere di Arcore, ma perchè dopo anni di processi per la sua virilità, mi vuoi dire che Lupi è più maschio? E più onesto?

      • giampiero scrive:

        Amica Giovanna, il linguaggio è aulico, è drammaticamente squallida la realtà.

  4. Filippo81 scrive:

    Scalfarotto non sta bene,,,,,,

  5. beppe scrive:

    il PD è una macchina da guerra senza anima nè fede in niente se non nel potere fine a se stesso. la destra purtroppo si sta sfaldando e delude sempre più chi aveva qualche speranza di vedere difesi e salvaguardati valori e persone. questa guerra di tutti contro tutti farà il gioco dei più cinici ..cioè del pd.

    • lucillo scrive:

      Concordo sulla prima riga.
      Avevo molti dubbi, e c’erano sicuramente persone oneste; ma da quando il bulletto di firenze ha preso il potere questa è la descrizione perfetta, e mi spiace per i molti militanti sinceri.
      Quanto alla destra… ingenuo – per cercare il termine più gentile possibile – chi ci ha dato credito, in qualsiasi forma e per qualunque obiettivo.

      • Bifocale scrive:

        Il PD si sapeva dove sarebbe andato a a parare. Quanto a Forza Italia era troppo esposto alla volubilità e alla radicata immoralità (soprattutto nella sfera venerea) del suo leader per non temere che potesse caracollare dalla parte sbagliata. Già Fini fu traviato da una donna maliziosa (e anche dalla massoneria, credo) e cambiò inspiegabilmente posizione sulla fecondazione artificiale, ricordate. Berlusconi di donne maliziose (vere o finte) ne ha infinitamente di più intorno a lui e prima o poi…
        Sto seriamente pensando di votare Forza Nuova. Certo, è dura, perché sono di estrazione bianca, però…

      • vitus1976 scrive:

        Ho l’impressione che si stia facendo un po’ quello che fecero i polli di Renzo (Tramaglino).
        State pur certi che se l’allegra macchina da guerra di Occhetto avesse vinto nel 1994, il giorno dopo avrebbe approvato queste simpatiche leggi pro-gay ed illiberali. Almeno per vent’anni abbiamo rimandato questo schifo.
        Ricordo, inoltre, che questa improvvisa accelerata del Renzi-pride è stata causata da una serie di sentenze “creative” della Magistratura italiana, un organo che, è bene ricordarlo, Berlusconi ha sempre accusato, inascoltato, di andare oltre le proprie funzioni.
        Vi è piaciuto applaudirli ogni volta che facevano indagini contra personam anche se prive di ogni logica giuridica? Adesso ve li tenete!
        Prendo atto che qualunque cosa accada è sempre colpa di Berlusconi!

  6. Toni scrive:

    Triste epilogo per B. ma sono convinto che dopo il cagnolino che porta a spasso, la Lux a cena, una sua presenza al pride e , più di tutto, … se intercede presso Putin con qualche successo,…. gli dedicano una sede Arci

    • Su Connottu scrive:

      Concordo, B. mi sta ricordando la povera sorella di Alberto Sordi

      • lucillo scrive:

        Ma ragazzi, a quello è sempre e solo fregato dei danè! e delle “cene eleganti” ovviamente.
        Poi ha sfruttato lo spazio politico lasciato libero dalla dc sfruttando la strada e gli insegnamenti del suo amico latitante ad hamamet.
        Siete voi che avete creduto che gli fregasse qualcosa dei valori, giusto perché dava qualche soldo alle scuole private, faceva le battute contro i gay, e soprattutto perché ve lo “consigliavano” amici che erano in affari con lui e/o che grazie a lui raggiungevano posti di potere.

        • vitus1976 scrive:

          Dimentichi che la Dc ed il suo amico di Hammamet sono stati spazzati via da una casta giudiziaria che, stranamente, non ha osato toccare il Pci Pds.
          Capisco che Voi sinistrorsi con la coscienza sporca abbiate la necessità di scaricare su Berlusconi la colpa di un’imminente Legge illiberale ed anti-famiglia, ma dimenticate che al Governo ci siete Voi, seguaci dello Scout di Firenze, degno erede dell’ipocrita Cattolico adulto!

          • lucillo scrive:

            Io non faccio parte di quel voi

            • vitus1976 scrive:

              Se non voti centrodestra e non fai parte dei sinistrorsi (ivi compresi i democrats) chi hai votato negli ultimi 20 anni?

            • Toni scrive:

              Comodo così …. critico tutto di voi… ma non ti dico chi sono!

              • lucillo scrive:

                Fra un periodo di blocco e l’altro non avevo risposto qui,

                Io penso che in Italia ci siano tante destre.
                La destra cialtrona, quella fascista, quella razzista, quella clericale, quella volgare, quella mafiosa, quella liberista.
                Poi c’è una destra sociale e moderata costituita dal PD, anche se con il bulletto di Firenze sta pericolosamente portandosi nella prima categoria.
                Io sono di sinistra.

                • Toni scrive:

                  Mi dispiace che sei di sinistra…perché la sinistra è solo una.

                  • lucillo scrive:

                    In realtà non è solo una… anzi, ce ne sono decisamente troppe!, ed infatti sono pressoché ininfluenti, sia a livello delle decisioni economiche che sociali.
                    Più divisi della destra, che almeno ha il collante dei dané, e quando ci sono quelli si allinea velocemente, almeno la maggior parte di essa. La sinistra no: puri e precisi! senza compromessi neanche tattici! o tutto o niente! ed infatti niente.

                    • Toni scrive:

                      La sinistra ha un solo nucleo centrale, molto più pericoloso dei danè.
                      La precisione poi, se è un tratto caratteriale dominante è pericolosa.
                      Ma… non insisto, contento tu!

                • vitus1976 scrive:

                  Tralasciando il fatto che in tutte le tipologie di destre vedo solo accostamenti negativi, dire che il Pd è una destra sociale e moderata mostra, con tutto il rispetto, oltre ad un irrefrenabile manicheismo una certa confusione mentale.
                  In ogni caso ho indovinato la tua collocazione politica: sei di sinistra e non poteva essere altrimenti, visto quello che hai scritto su B.

        • Toni scrive:

          Lucillo,
          io su questa cosa ho una convinzione e so che può essere criticabile.
          Poco mi è da sempre importato se un politico è divorziato e poi in parlamento difende veramente la famiglia. Non riesco a considerarlo neppure ipocrita se gioca a carte scoperte. Trovo l’atteggiamento opposto da “calvinista” . La moderazione, non dico che non ci vuole, ci vuole se sei un personaggio pubblico perché altrimenti ti esponi ai…calvinisti.

          Poi … B non l’ho mai votato… ma mi è era diventato simpatico quando ho visto una masnada composta da:
          abortisti;
          gente favorevole alla liberazione delle droghe;
          favorevole alla legalizzazione della prostituzione;
          ….. (continuo con una lunga lista) ;
          ovvero gente che non crede in nessuna morale tranne che …. non viene “legalizzata”.
          Questi … li reputavo peggiori di B. E non mi piacciono neanche oggi.

          Saro bigotto cattolico… ma l’immoralità (se non viola il codice penale) è privata e chi la fa se la vede con il Creatore (io gli consiglio di cercare un confessore)…. ma per me …può fare quello che vuole.

          Reputo B. con tutti i suoi difetti ( e qui inizia un mio mantra) preferibile a tutti gli ex comunisti , che hanno difeso un sistema che credeva di possedere una verità scientifica ed in nome di questa sono stati complici dei più grandi criminali della storia. A questo aggiungo, primi in viltà, perché hanno come obbiettivo i più “piccoli”, i radica listi con le loro battaglie abortive , eutanasiche e porcherie simili.

          B a fatto le cene …. chi parlato male … stando al lerciume che difende, per me, lo fa per invidia.

          Ora purtroppo … l’ultima svolta di b, non mi piace.
          Ripeto… ci colpa Putin.

  7. Filomena scrive:

    “Saro bigotto cattolico… ma l’immoralità (se non viola il codice penale) è privata e chi la fa se la vede con il Creatore (io gli consiglio di cercare un confessore)…. ma per me …può fare quello che vuole” Eh no Toni, tu giudichi l’aborto immorale, addirittura un assassinio ma non lo consideri un fatto privato benché di fatto NON violi in nessun modo il codice penale. Le difficilissime abitudini di B sono un fatto privato, i comportamenti omosessuali sono porcherie eppure posto che si tratti di maggiorenni non violano il codice penale. Mi piacerebbe quantomeno sentirti dare un giudizio altrettanto sprezzante anche in relazione alle famose cene eleganti.

    • vitus1976 scrive:

      Cene eleganti o no, sono state fatte nella privata abitazione di un signore che ha subito uno spionaggio degno della Stasi.
      Detto questo, equiparare la famiglia fondata sul matrimonio alle unioni civili tra gay è una cosa che non sta ne in cielo ne in terra perché, lo ripeterò fino alla noia, la famiglia ha un ruolo sociale fondamentale, l’unione tra due omosessuali, con tutto il rispetto che si deve a tutti gli esseri umani, è una grande finzione cui si vuole dare rilevanza giuridica.
      Ci sono famiglie con figli in grande difficoltà e qual’è la priorità: allargare la platea cui riconoscere vantaggi fiscali ed agevolazioni! Ma fatemi il piacere!
      Piuttosto, lasciamo stare i politici, che, a tutti i livelli, agiscono con un minimo di opportunismo. Ma perché la CEI è così timida nella protesta? Card. Bagnasco se ci sei Batti un colpo!

    • Toni scrive:

      Cara Filomena,
      L’immoralità , è personale, volendo” possiamo dire che chi fa le scelte delle cene se fa del male lo fa a se stesso .
      Non si è assassinato nessuno …..
      Non è come l’aborto , che trasforma il vivo in …morto.
      L’odio per B ti rende cieca…. ma ti passerà e ti fa fare accostamenti improponibili..
      Un giudizio mio? …Purtroppo sono cattolico … non calvinista.

      • Toni scrive:

        Meglio:
        L’odio per B ti rende cieca e ti fa fare accostamenti improponibili…. ma ti passerà .

      • Filomena scrive:

        Toni
        Sarai cattolico e non calvinista ma i giudizi sui comportamenti che non condividi (e spesso anche sulle persone) li dai eccome sia pure da cattolico e non da calvinista!!!!

    • Toni scrive:

      Ti ho risposto con due post …entrambi in moderazione. Spero che il primo non lo pubblicano, per mia esplicita richiesta. Se lo pubblicano… beh… tutti sbagliano.
      Il secondo dice le stesse cose in modo consono.
      In entrambi non ho nessun giudizio sprezzante.
      Per me è non è automatico che coincida legge (penale o che vuoi tu) con il giusto. L’aborto non viola la legge penale perché quella legge è stata scritta da bari.

  8. Galcian79 scrive:

    Ma dove sarebbe la realpolitik?
    Io vedo solo matrimoni di serie B, studiati appositamente per cittadini di serie B.
    Se avessero proposto le unioni civili vere, per tutti, perlomeno avrebbero potuto cacciarci la balla dell’uguglianza senza far ridere i polli.

    • lucilo scrive:

      Erano state proposte ed avete esso su il familyday e scatenato i vescovi a minacciare i politici.
      Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana