Google+

Underworld – Il risveglio, Kate è tornata

gennaio 23, 2012 Simone Fortunato

Nel quarto capitolo della saga Underworld finalmente ricompare Kate Beckinsale. La trama è un po’ telefonata, ma gli effetti speciali sono ben curati e il 3D è perfetto. Vera nota dolente i protagonisti maschili, indegni coprimari della bella vampira

Quarto episodio di una saga iniziata nel 2003 e che ha avuto un certo successo nell’ambito gotico-horror. In Underworld – Il risveglio, come in tutti i sequel, si avverte una certa stanchezza sia dal punto di vista stilistico, con un uso sostenuto e spesso un abuso della computer grafica, sia dal punto di vista del contenuto poco originale. Ci sono degli aspetti positivi che ce lo fanno preferire al debole terzo episodio che in realtà era un prequel della serie. Innanzitutto il ritorno della Beckinsale che nel terzo episodio era stata accantonata è il punto di forza del film. La bella e brava attrice inglese che avrebbe meritato più attenzione dal cinema non di genere buca lo schermo: è sexy, bellissima ed è credibile nei panni di un’eroina d’azione. E il film punta, come anche nel caso del filone gemello di Resident Evil che fa tanto affidamento sulla fisicità di Milla Jovovich, proprio su di lei, fasciata in una tuta di pelle nera.

C’è una certa cura nella produzione: gli effetti speciali non sono banali, il 3D è piuttosto efficace e la fotografia restituisce le atmosfere notturne del cinema gotico. La storia riprende, come spesso capita ai film di genere non particolarmente ispirati, molti luoghi comuni del genere: il risveglio del titolo avviene da una cella di congelamento e per la bella vampira è solo l’inizio di una guerra contro esperimenti genetici, professori pazzi (il buon vecchio Stephen Rea, caratterista di lungo corso, coprotagonista di Fine di una storia) e mutamenti genetici. Insomma: un cocktail di tutto il repertorio di film horror, con vampiri, Frankenstein e licantropi, questi ultimi resi visivamente in modo un po’ piatto. Lo spettacolo non manca così come le coreografie dei combattimenti che in più di una scena richiamano Matrix. A fallire, semmai, al di là dell’originalità di una storia un po’ telefonata, sono i partner della Beckinsale piuttosto monocordi poco efficaci. I vari Michael Ealy (il detective), Theo James (il vampiro buono) e il villain a cui presta il volto Kris Holden-Ried sono ben lontani dai carismatici Michael Sheen e Bill Nighy, colonne portanti dei primi episodi.
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana