Google+

Un toast fatto in casa potrebbe venirvi a costare una quindicina di euro

febbraio 8, 2013 Elisabetta Longo

Gli irriducibili della colazione al bar, quelli che non si svegliano davvero fino a quando non ordinano “cappuccio e brioches”, hanno provato tante volte a smettere, a fare il primo pasto della giornata a casa, lontano dai rumori dei locali. Hanno pure comprato la macchinetta per il caffè che promette miracoli, ma dopo un paio […]

Gli irriducibili della colazione al bar, quelli che non si svegliano davvero fino a quando non ordinano “cappuccio e brioches”, hanno provato tante volte a smettere, a fare il primo pasto della giornata a casa, lontano dai rumori dei locali. Hanno pure comprato la macchinetta per il caffè che promette miracoli, ma dopo un paio di mattine in cucina sono tornati lì, al bancone. E la macchinetta espresso di ultima generazione giace spenta e ricoperta di polvere.

POLVERE. Un’assicurazione inglese, la Direct line, ha commissionato una ricerca per stimare l’effettivo valore degli oggetti acquistati e mai utilizzati che sopiscono nelle cucine dei clienti. Due famiglie su tre confessa di avere usato il tostapane tanto desiderato meno di sei volte, e il 10 per cento dice di non averli mai usati dopo il primo entusiastico collaudo. Ed è stato calcolato che un totale di 123 milioni di macchine per fare il pane, macchine per l’espresso, frullatori e mixer giacciono chiusi nelle dispense, nella speranza di vedere la luce. In media ognuno di questi prodotti tecnologici costa sui 60 euro, quindi è presto calcolato lo spreco.

TOSTAPANE. Il “robot da cucina”, che dovrebbe impastare e far da sé una cena intera, non è stato che usato un 20 per cento di volte. Lo spremiagrumi elettrico, acquistato in un momento salutista, è stato usato al 16 per cento. Stesse cifre basse per il tostapane, la griglia per fare i waffle, il frullatore. Per questo motivo, si può calcolare che il prezzo da voi sborsato non verrà mai sufficientemente riequilibrato dall’uso, e così il vostro toast fatto in casa verrà a costarvi una quindicina di euro. Come cinque toast al bar, comodi e senza fatica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana