Google+

Un po’ di “sano” sperpero di denaro pubblico

dicembre 23, 2012 Berlicche

De Magistris spende 400 mila euro alla settimana per spedire 3.500 tonnellate di monnezza in Olanda. Dove viene incenerita e ricomprata dall’Italia

Mio caro Malacoda, oggi vorrei spiegarti un principio non negoziabile: “fino a un certo punto”. La coerenza? La logica? La trasparenza? La giustizia? Fino a un certo punto.

Domanda: qual è il delitto peggiore di cui la casta politica si è resa colpevole di fronte ai cittadini che la sostengono con il loro voto e con i loro soldi? Non dubito della tua risposta: lo sperpero di denaro pubblico, senza se e senza ma.

Non vorrei ferirti nei tuoi convincimenti morali: i se e i ma sono più di uno. Lo sperpero in sé non è un peccato, tanto meno un reato. Dipende da chi lo fa e per quale nobile causa.

Facciamo un po’ di somme. Luigi Lusi, mitico tesoriere della ex Margherita: la distrazione di fondi ci cui viene accusato ha un valore di circa 22 milioni di euro. Franco Fiorito, er Batman del gruppo Pdl alla Regione Lazio: 1 milione e 300 mila euro dal conto del partito al suo personale. Franco Belsito, pirotecnico ex tesoriere della Lega: fra diamanti in Africa e paghette ai figli di Bossi l’uso improprio di rimborsi elettorali potrebbe arrivare alla cifra di 7 milioni. Filippo Penati, già capo della segreteria di Pier Luigi Bersani e leader del Pd lombardo: l’accusa ritiene ingiustificata una plusvalenza di circa 170 milioni di euro sborsati dalla Provincia di Milano per l’acquisto di azioni dell’autostrada Milano-Serravalle. Il tutto, che è ancora da provare in dibattimento ma chissenefrega, fa 200 milioni, euro più euro meno, di soldi pubblici bruciati dalla politica, questo grande inceneritore di risorse del popolo.

Ma c’è inceneritore e inceneritore. All’estero, nel Nord Europa che i giornali ci dicono migliore dell’Italietta corrotta, sono un segno di civiltà, di efficienza e di buona amministrazione. Nello Stivale fanno morire di cancro (non ovunque: a Napoli sì a Brescia no, a Milano no a Parma sì). Per smaltire i rifiuti di Napoli il Comune partenopeo dell’illuminato e arancione Luigi De Magistris spende 400 mila euro alla settimana per spedire 3.500 tonnellate di monnezza in Olanda. 1 milione e 600 mila euro al mese, 19 milioni e 200 mila euro all’anno. In Olanda la spazzatura napoletana viene incenerita, trasformata in energia “pulita” e rivenduta come tale anche all’Italia, che paga così il viaggio di andata e quello di ritorno. A Parma, invece, è andata male, lo sperpero lecito di 192 milioni di euro di denaro pubblico (tanto, pare, è costato l’inceneritore già costruito), che è stato il cavallo di battaglia elettorale dal nuovo sindaco a Cinque Stelle Federico Pizzarotti, sperpero autorizzato dalla maggioranza dei cittadini, non ci sarà. Non si butteranno al vento, pare, neanche i 185 milioni di euro di penale da pagare in caso di mancato avvio del termovalorizzatore. Il tribunale (ah la giustizia italiana!) ha respinto il ricorso della nuova giunta e ha detto no al suo sequestro: per i giudici non c’è stato abuso edilizio.

So che il gioco non vale, ma con i numeri in Italia giocano tutti, facciamolo anche noi: 185 + 192 + 19 (per Napoli contiamo solo il primo anno) fa 396 milioni di euro, soldi dei cittadini bruciati con il consenso dei cittadini stessi. Sperpero? No, salute! L’inferno è lastricato di buone intenzioni.

Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.