Google+

Un gioco con stupri e spargimenti di sangue è violento come Hansel e Gretel

giugno 28, 2011 Elisabetta Longo

Una sentenza della Corte suprema americana di Washington stabilisce che non si può vietare a un 17enne di giocare con videogiochi cossiddetti “da adulti”. Sentenza strana visto che nei giochi sono permessi gli stupri ma non le donne con il seno nudo. Secondo il giudice la violenza di ammazzamenti vari non supera quella di una favola come Hansel e Gretel

Sarà anche solo un gioco ma più un gioco è avvincente e prevede l’uso di armi, più sarà forte l’impatto emotivo su chi usa la console. Oggi fa discutere la sentenza della Corte suprema americana di Washington che, con sette voti contro due, stabilisce in nome del primo emendamento della costituzione americana, che garantisce la libertà di espressione a tutti i cittadini, che non si può vietare a un 17enne di giocare con videogiochi cossiddetti “da adulti”, cioè che contengono furti d’auto, violenza, guerra e sesso.

A scatenare il dibattito è stato proprio uno dei giochi più celebri e avvincenti mai creati: Grand Theft Auto IV, in cui il giocatore diventa protagonista di una carriera folle e spregiudicata, dove per portare a termine le missioni bisogna rubare e uccidere. Non proprio educativo, certo, ma il giudice conservatore Antonin Scalia ha legiferato che «gli Stati possiedono il legittimo diritto di proteggere i bambini dai pericoli ma ciò non include il potere di restringere le idee a cui i bambini possono essere esposti». Dunque, i giochi, per quanto violenti, non devono essere vietati ai minorenni.

Tra i pochi voti contrari, quello del giudice liberal Stephen Breyer, che si è detto perplesso sulla sentenza. Soprattutto per una postilla: i giochi possono anche contenere scene di stupro ma devono essere vietati solo nel caso in cui le donne compaiono a seno nudo. Perché? Semplice: sarebbe istigazione alla violenza.

Davvero difficile non riscontrare un leggero controsenso in questa postilla, soprattutto se si leggono queste altre dichiarazioni del giudice Scalia: «In America non c’è una tradizione che limita l’accesso dei bambini alla violenza, come dimostrano tante favole sanguinarie e crudeli, da Hansel e Gretel a Cerentola e Biancaneve che da sempre facciamo leggere ai nostri piccoli».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana