Google+

Ucraina, esplosione del gasdotto che porta il metano in Europa

giugno 17, 2014 Chiara Rizzo

Lo scoppio nella zona isolata di Poltava, non ci sono feriti né problemi alle forniture. Il ministro dell’Interno: «Possibile atto terroristico». Ieri Kiev aveva assicurato l’export anche se Gazprom aveva tagliato le forniture

Dopo l’ultimatum di ieri di Gazprom all’Ucraina, che ancora non ha saldato il debito da 4 miliardi di dollari con la compagnia energetica russa, oggi un’esplosione ha colpito un tratto del gasdotto che attraversa l’Ucraina e porta il metano dalla Russia all’Europa. Si sono scatenate fiamme alte 200 metri: la deflagrazione è avvenuta in una zona isolata nella regione di Poltava, non ha provocato vittime né conseguenze sul flusso di gas, secondo Eustream.

LA «GUERRA DEL GAS». I vigili del fuoco stanno cercando di spegnere le fiamme, mentre ancora non sono chiare le cause dello scoppio, se sia trattato cioé di un incidente o di un attentato. Il tratto di gasdotto colpito è chiamato Urengoy-Pomary-Uzhgorod, risale agli anni ’80, e serve al trasporto del metano verso la Slovacchia. Nella zona di Poltava sono in corso combattimenti e quindi è possibile che la pipeline sia stata colpita anche accidentalmente. Il ministro dell’Interno di Kiev, Arsen Avakov ha però ipotizzato «un atto terroristico». In tal caso si potrebbe trattare di un primo capitolo di una possibile “guerra del gas”. Ieri infatti Gazprom ha deciso di sospendere per il mancato pagamento le forniture a Kiev, assicurando però il trasporto del metano verso l’Ue. Allo stesso tempo la stessa Ucraina ha assicurato ieri di riuscire a mantenere i propri rifornimenti interni, quanto l’export di metano verso l’Europa, potenziando i flussi di gas verso la Slovacchia, cioé proprio sulla pipeline colpita dall’esplosione di oggi: il dubbio è che sia un atto della Russia per impedire che Kiev si renda indipendente dalle forniture.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana