Google+

Ucraina, 4 osservatori Ocse liberati ma altri 4 rapiti

maggio 30, 2014 Chiara Rizzo

È stato rilasciato il gruppo di osservatori sequestrato martedì, ma è stato fermato un altro gruppetto. Intanto nelle regioni orientali gli scontri tra esercito e filorussi si intensificano. Washington: «Mosca sta effettivamente ritirando le truppe dal confine»

I 4 osservatori dell’Ocse rapiti nei giorni scorsi dai filorussi oggi sono stati liberati: proprio nelle stesse ore però l’Ocse ha comunicato di aver perso i contatti con un altro gruppo di 4 persone e un interprete che sono stati fermati a Severodonetsk, nella regione orientale dell’Ucraina.

I LIBERATI. Stamattina il leader del Fronte popolare di Lugansk Alexei Cmilenko ha comunicato di aver liberato il gruppo fermato martedì scorso: gli osservatori sono di nazionalità estone, turca, svizzera e danese e sono stati liberati «quando è stato appurato che sono rappresentanti dell’organizzazione internazionale e non agenti provocatori». Tuttavia i filorussi hanno ammonito che «non devono spostarsi se non accompagnati e con la documentazione adeguata».

SCONTRI CON L’ESERCITO. Proprio nella zona di Lugansk dove sono stati rapiti gli altri 4 osservatori Ocse intanto diventano più cruenti gli scontri tra l’esercito di Kiev e i filorussi. Ieri è stato abbattuto un elicottero dell’esercito e sono morti 14 soldati: il presidente Petro Poroshenko ha annunciato che i responsabili saranno trovati e puniti. Nella vicina Donetsk però i ribelli hanno circondato l’aereoporto della città – per il momento ancora controllato dall’esercito – e lanciato un ultimatum ai militari: «Lascino il nostro territorio o li attaccheremo».

USA: «LA RUSSIA RITIRA I SOLDATI». Intanto da Washington il segretario di Stato Usa John Kerry ha comunicato un’importante notizia: la conferma che la Russia sta ritirando i propri militari che si trovavano ammassati lungo la frontiera con l’Ucraina. Allo stesso tempo Kerry ha denunciato l’ingresso in Ucraina di combattenti ceceni filorussi. Da Mosca il presidente Vladimir Putin ha espresso «seria preoccupazione per il proseguimento della spedizione punitiva» di Kiev nelle regioni orientali e ha auspicato che «le nuove autorità mettano fine all’uso della forza contro la popolazione civile».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi