Google+

Uccise due bambini in auto. Ora lo Swindon gli dà una nuova chance

maggio 30, 2012 Emmanuele Michela

Brutta vicenda quella di Luke McCormick, l’ex portiere del Plymouth Argyle le cui faccende calcistico-giudiziarie interrogano l’Inghilterra. Il calciatore fu protagonista di una brutto fatto di cronaca risalente al 7 giugno 2008, quando alla guida della sua auto provocò la morte di due bambini. Tornava dal matrimonio del compagno di squadra David Norris, era ubriaco […]

Brutta vicenda quella di Luke McCormick, l’ex portiere del Plymouth Argyle le cui faccende calcistico-giudiziarie interrogano l’Inghilterra. Il calciatore fu protagonista di una brutto fatto di cronaca risalente al 7 giugno 2008, quando alla guida della sua auto provocò la morte di due bambini. Tornava dal matrimonio del compagno di squadra David Norris, era ubriaco fradicio e la sua Range Rover andò a sbattere contro la Toyota della famiglia Peak, uccidendo appunto Arron e Ben, e costringendo alla sedia rotelle il padre Philip, con danni irreversibili alla colonna vertebrale.

Fu una vera tragedia, che portò il numero 1 dei pilgrims in carcere. Il suo contratto col club fu rescisso, il giudice lo condannò a 7 anni di reclusione, tra l’indignazione unanime. Sembrava un caso archiviato, fino a qualche mese fa: le norme sulla scarcerazione anticipata hanno posto un termine alla sua condanna, fissando per giugno 2012 la sua data di ritorno alla libertà. E lo Swindon Town, club allenato da Paolo Di Canio, ha offerto al giocatore la possibilità di tornare a giocare, accogliendolo in squadra in prova per qualche mese. Coi railwaymen (neopromossi in League One) McCormick si allena già da gennaio, approfittando del regime di semilibertà che gli è stato concesso, ed è destinato anche a prendere parte al tour estivo della squadra, in Italia.

Ma la possibilità che il club biancorosso sta concedendo al portiere non piace alla famiglia Peak: il dolore e la rabbia comprensibile dei due coniugi ha trovato grande risonanza su molti quotidiani, dove ci si chiede se sia giusto riammettere nel mondo del calcio questo giocatore, che in sede processuale si era difeso giurando che non sarebbe più tornato a giocare a calcio. «Noi siamo la parte lesa», dice il Philip Peak. «Abbiamo perso i nostri ragazzi perché McCormick guidava ubriaco e lui, invece, non solo torna in libertà dopo meno di quattro anni, ma gli permettono pure di fare il lavoro che vuole». Anche i tifosi dello Swindon hanno fatto sapere di non gradire l’arrivo dell’ex-numero 1 del Plymouth Argyle.

Insomma, è una notizia che già ha suscitato tanta indignazione, e che si porta appresso diverse domande. In primis viene da chiedersi se sia sufficiente una pena di 7 anni, ridotta a 3 e mezzo, per una persona colpevole di guida in stato di ebbrezza e di conseguente duplice omicidio. Comprensibile che la gente si arrabbi, specie i familiari, di cui non oso immaginare l’enorme dolore con cui vivono da quel 7 giugno 2008.

Di fronte alla ragionevole stizza per il dubbio comportamento della corte inglese, resta invece difficile capire l’indignazione con cui gran parte della stampa guarda alla scelta coraggiosa dello Swindon. Le parole di Jeremy Wray, presidente del club, sono chiare: «Siamo vicini alla famiglia delle due piccole vittime, perché questa tragedia ha distrutto le loro vite, ma il giocatore ha scontato la sua pena e noi vogliamo dargli la possibilità di rifarsi una vita». Perché non offrirgliela? Non ci si può barricare dietro lo strascico emotivo della vicenda (che c’è da credere sia angosciante anche per il giocatore stesso, tra rimorsi e sensi di colpa): espiata la pena, anche lui deve essere lasciato libero di tornare alla normalità. Ugualmente, non si può brandire come deterrente l’inflazionato cliché della vita comoda e rammollita del calciatore, cui è ingiusto che un condannato possa ritornare. Ricordiamoci che i giocatori sono professionisti, e il loro è pur sempre un lavoro. Strapagato, facile quanto tirare due calci ad un pallone… definitelo con tutti gli aggettivi che volete, ma è un mestiere che ha lo stesso status dignitario delle altre professioni: è ciò con cui loro riescono a vivere, l’espressione più alta e creativa del loro talento al servizio della società. Perché McCormick non può tornare a farlo?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. ettore scrive:

    non riesco ad immaginare cosa abbiano pensato i famigliari di quelle persone( due bambini ) che sono stati uccisi.
    qualcuno ha immaginato che cosa sia passato nella testa di quel papà,invalido a vita,e a quella mamma?
    c’è comunque da tener presente che quella di quel portiere che ha causato tutto questo,è pur sempre una Vita, di una persona, e una Vita, pur meschina che sia,se fosse meschina,VA VISSUTA.
    mi auguro che riconosca il dono che gli è stato fatto, e che magari con il suo lavoro,come si evidenzia nell’articolo,(perchè bene o male è sempre un lavoro)…dicevo che magari pensi, che con il suo lavoro, possa essere di aiuto a quei genitori a cui a tolto i figli.
    CHE RICONOSCA IL DONO CHE HA AVUTO

  2. Just want to say your article is as astonishing. The clearness for your post is simply spectacular and i could suppose you are an expert on this subject. Fine with your permission let me to seize your RSS feed to stay up to date with impending post. Thank you a million and please carry on the gratifying work.

  3. Real wonderful info can be found on web blog . “I can think of nothing less pleasurable than a life devoted to pleasure.” by John D. Rockefeller.

  4. Your house is valueble for me. Thanks!…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana