Google+

Tutti pazzi per le videocamere da auto, il boom dopo la pioggia di meteoriti in Russia

giugno 2, 2013 Paola D'Antuono

In Russia le usano da anni per riprendere gli incidenti e ottenere i rimborsi dalle assicurazioni. In Italia è una passione recente ma in crescita

Qualche mese fa una pioggia di meteoriti in Russia aveva catturato l’attenzione di migliaia di persone nel mondo. Non solo per la straordinarietà dell’evento in se, ma soprattutto per i numerosi video spuntati in rete e girati grazie a telecamere presenti sul cruscotto della macchina. In molti si sono chiesti come avessero fatto tutti quegli automobilisti a riprendere l’esatto istante in cui la pioggia di meteoriti concedeva il suo miglior spettacolo.

INCIDENTI. La spiegazione è semplice: in Russia avere una videocamera sul cruscotto è una consuetudine dettata dalla necessità, perché rappresenta un punto di vista privilegiato sulla strada ed è in grado di mostrare le dinamiche di un incidente. Da quelle parti, infatti, le strade sono trafficate e poco sicure e spesso, dopo un incidente, è difficile dimostrare chi ha torto e chi ha ragione. Per questo motivo quasi tutti gli automobilisti montano delle piccole videocamere in grado di riprendere l’accaduto per mostrarlo alle assicurazioni dopo un sinistro. Una tutela anche in caso di tentativi di frode assicurativa: moltissimi sono infatti i malviventi che causano incidenti per ricevere i rimborsi assicurativi.

ACTION CAM. Ora il fenomeno delle videocamere sta prendendo piede anche in altri paesi, tra cui l’Italia. In commercio, attualmente, sono disponibili “action cam” di tutti i tipi, da quelle per realizzare filmati poco più che amatoriali, a camere quasi professionali, che consentono riprese a effetto cinema, a quelle che semplificano la condivisione su YouTube e social network. Sperando che i guidatori non le utilizzino solo per immortalare incidenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Io la microcamera la porterei sempre dietro in ogni circostanza. Ad esempio se sul pullman non hai il biglietto, il controllore ti ferma ma non ti permette di scendere dal mezzo, tu puoi sempre accusarlo di sequestro di persona da parte di pubblico ufficiale. Un controllore non é autorizzato a bloccare una persona sul pullman: lo puó fare solo se intervengono le forze dell’ordine. Altrimenti commette un reato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana