Google+

Tutti pazzi per gli integratori, dall’Inghilterra all’Italia la pillola va giù

novembre 7, 2012 Elisabetta Longo

È di circa due miliardi il giro di affari legato alla vendita di integratori alimentari. Non sempre necessari, ma tanto di moda. E il mercato ringrazia.

All’uomo moderno, sempre più paranoico e ossessionato dalla forma fisica, non basta più nutrirsi. Dotare la dispensa di confortanti barattolini vitaminici è un dovere per sette inglesi su dieci, che quest’anno hanno investito in pillole di salute 358 milioni di sterline, un bel 2,7 per cento in più rispetto allo scorso anno.

IN RETE. I costi degli integratori aumentano assieme al bisogno della popolazione di contrastare l’invecchiamento con pillole a base di cocktail di vitamine o di olio di fegato di merluzzo, una volta somministrato dalle nonne con il cucchiaio, ora disponibile in comode pastiglie. Gli americani, sempre i primi a lanciare le mode, non hanno paura di mettere sul mercato confezioni extralarge di amminoacidi di ogni tipo e proteine che vendono ai palestrati di tutto il mondo, al solo scopo di far aumentare la massa muscolare in fretta. Su Internet in pochi clic si può acquistare di tutto, non c’è che l’imbarazzo della scelta e della sostanza (legale, ma dai benefici dubbi). È sufficiente scrivere la parola “integratore” su Google e si srotolano di fronte agli occhi un’infinità di risultati.

IN ITALIA. Anche gli italiani si dimostrano molto interessati a questi prodotti. Lo dimostra la ricerca di Federsalus, l’Associazione nazionale dei prodotti salutistici, che registra un totale di 137,5 milioni di confezioni vendute, con un incremento del 7,8 per cento rispetto al 2011, per un giro di affari del valore di 1,9 miliardi di euro. Le previsioni per il 2013 danno ancora una fase di crescita, dovuta anche al fatto che l’età media della popolazione cresce e cresce anche il bisogno di stare in forma. Con qualche pillola in più.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana