Google+

Tutti pazzi per i Black Keys. Chi saranno i prossimi?

febbraio 1, 2012 Carlo Candiani

Ancora una volta, nulla di nuovo, ma l’ennesimo, onesto per carità, ricicciamento di canoni già sentiti da decenni

Ci risiamo. L’eterna ricerca mediatica e giornalistica su chi possa risollevare le sorti del rock, che alcuni esperti insistono a ritenere finito sulle ceneri dei gloriosi anni ’60 e ’70, si è rimessa in moto e da Nashville, ecco arrivare, per riempire le pagine degli spettacoli dei quotidiani, dopo aver riempito i locali italiani dove si sono prodotti in apprezzati concerti, il duo rock dei Black Keys. Oddio, tanto nuovi non sono: in campo da poco meno di una decina d’anni, propongono, con alterna fortuna (sono un fenomeno in America, ma la promozione non si era spinta mai oltre l’oceano Atlantico), un misto di rock blues che (senti un po’) si ricollega direttamente alle atmosfere delle icone del genere: dai blues singer metropolitani alla Marvin Gaye e Curtis Mayfield ai riff chitarristici, presi identici dalla schiera di gruppi che battezzarono, ben quarant’anni fa, la “British invasion” a partire dai Rolling Stones, passando dai Police e dai Clash. Quindi, ancora una volta, nulla di nuovo, ma l’ennesimo, onesto per carità, ricicciamento di canoni già sentiti da decenni ai quali operare un riverniciatura, neanche troppo ostentata.

Con il loro nuovo album, uscito all’inizio del dicembre 2011, “El camino”, i Black Keys, si stanno affermando, anche a livello di vendite, in Europa. E forse non è un caso: infatti ascoltando i brani che formano questo lavoro, non si può non riesumare le atmosfere del glam rock britannico, di cui Marc Bolan e i suoi T.Rex furono splendide icone (ascoltate “Lonely boy”, please): rock essenziale, riff sporchi ed elementari, ma soprattutto una batteria assolutamente clonata dagli Sweet, da Gary Glitter, dai Mud, dagli Slade e dal primo David Bowie. Il suono è grezzo, un garage rock, sostenuto dalle chitarre di Dan Auerbach e dal socio batterista Patrick Carney, con impercettibili spolverate di tastiere e da garruli cori. Un quasi esplicito tributo al rock che fu (e che ancora è) dei Doors e dei Led Zeppelin, con le dovute proporzioni, che arriva al plagio, non si sa quanto voluto, di Stairway to Heaven, capolavoro assoluto di Plant & co.

Insomma, ancora una volta, si cammina avanti, guardando indietro. E allora mi domando e vi domando perché perdere tempo e soldi (per chi i cd li compra ancora) per questi onesti e simpatici prodotti, e non usarli meglio, andando a riascoltare, riassaporandoli, i grandi titoli del catalogo originale del rock, magari facendo “proselitismo”, guidando i nostri figli o i nostri amici, nel percorso musicale (pieno di contraddizioni, s’intende) degli inarrivabili eroi, che cambiarono, già cinquant’anni fa, la musica popolare?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. I like the helpful info you supply to your articles. I will bookmark your weblog and take a look at once more here regularly. I am moderately certain I’ll learn many new stuff proper here! Good luck for the following!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download