Google+

Tutti per l’Italia. Berlusconi e la grande coalizione. Casini ci sta. Bersani no

marzo 2, 2012 Redazione

Tutti per l’Italia. Questo sarebbe il nome che piace a Silvio Berlusconi per andare oltre il Pdl. Una sorta di grande coalizione “da Fioroni a Formigoni” che mandi in soffitta il Pdl (il cui nome e acronimo non piace al Cavaliere) e che riunisca le forze moderate italiane. Dentro il Terzo Polo e il Pd e fuori le estreme (Lega e sinistra radicale).

Tutti per l’Italia. Dell’idea, nei corridoi della politica, si parla da tempo, ma la novità – a quanto scrive oggi il Foglio – è che il Cavaliere ne avrebbe parlato esplicitamente con Angelino Alfano e Denis Verdini. L’esperienza di questi mesi di governo Monti (con lo spread in continuo ribasso e i sondaggi che premiano – per paradosso – un esecutivo che continua a chiedere sacrifici) hanno convinto l’ex premier che la formula è quella giusta. Quindi si va oltre il Pdl per tornare alla vecchia formula della Casa della Libertà, allargata a quei settori dell’ex centrosinistra (leggi: Api di Rutelli) e Pd (leggi: ala Letta e popolari) che ci stanno. Insomma lo schema, per dirla in rima, è “da Fioroni a Formigoni”.

Problemi.
1) Casini, per accettare, deve salvare la faccia e non tornare indietro rispetto al mantra degli ultimi due anni (“ok, ma senza Berlusconi”). Per questo, la proposta deve arrivare da Angelino Alfano, non dal Cavaliere.
2) La Lega. Berlusconi finge di tenere una porta aperta all’ex alleato in vista delle prossime amministrative, ma è chiaro che “Tutti per l’Italia” metterebbe fuori gioco il Carroccio. Infatti, per capire come hanno usmato la vicenda quelli del partito di Bossi, basta vedere la prima pagina della Padania oggi in edicola.
3) Bersani. Il segretario del Pd s’è subito affrettato a dichiarare che l’idea berlusconiana è fuori da qualsiasi tipo di ragionamento politico. Bersani ha il problema dell’ala sinistra del partito, quella più oltranzista e vicina alla Cgil. Sa che gran parte del suo elettorato non è moderato e teme la scissione. Ma deve decidersi. Pena rimanere seduto tra due sedie. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download