Google+

Tutti per l’Italia. Berlusconi e la grande coalizione. Casini ci sta. Bersani no

marzo 2, 2012 Redazione

Tutti per l’Italia. Questo sarebbe il nome che piace a Silvio Berlusconi per andare oltre il Pdl. Una sorta di grande coalizione “da Fioroni a Formigoni” che mandi in soffitta il Pdl (il cui nome e acronimo non piace al Cavaliere) e che riunisca le forze moderate italiane. Dentro il Terzo Polo e il Pd e fuori le estreme (Lega e sinistra radicale).

Tutti per l’Italia. Dell’idea, nei corridoi della politica, si parla da tempo, ma la novità – a quanto scrive oggi il Foglio – è che il Cavaliere ne avrebbe parlato esplicitamente con Angelino Alfano e Denis Verdini. L’esperienza di questi mesi di governo Monti (con lo spread in continuo ribasso e i sondaggi che premiano – per paradosso – un esecutivo che continua a chiedere sacrifici) hanno convinto l’ex premier che la formula è quella giusta. Quindi si va oltre il Pdl per tornare alla vecchia formula della Casa della Libertà, allargata a quei settori dell’ex centrosinistra (leggi: Api di Rutelli) e Pd (leggi: ala Letta e popolari) che ci stanno. Insomma lo schema, per dirla in rima, è “da Fioroni a Formigoni”.

Problemi.
1) Casini, per accettare, deve salvare la faccia e non tornare indietro rispetto al mantra degli ultimi due anni (“ok, ma senza Berlusconi”). Per questo, la proposta deve arrivare da Angelino Alfano, non dal Cavaliere.
2) La Lega. Berlusconi finge di tenere una porta aperta all’ex alleato in vista delle prossime amministrative, ma è chiaro che “Tutti per l’Italia” metterebbe fuori gioco il Carroccio. Infatti, per capire come hanno usmato la vicenda quelli del partito di Bossi, basta vedere la prima pagina della Padania oggi in edicola.
3) Bersani. Il segretario del Pd s’è subito affrettato a dichiarare che l’idea berlusconiana è fuori da qualsiasi tipo di ragionamento politico. Bersani ha il problema dell’ala sinistra del partito, quella più oltranzista e vicina alla Cgil. Sa che gran parte del suo elettorato non è moderato e teme la scissione. Ma deve decidersi. Pena rimanere seduto tra due sedie. 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.