Google+

Tutti i ponti di Francia gridano “No al matrimonio gay” FOTO

gennaio 30, 2013 Leone Grotti

La legge sul matrimonio gay in Francia entra in Parlamento e scatta “l’operazione striscioni sui ponti”: quelli della “Manif pour tous” espongono su 170 ponti (sulla Senna e non) gli striscioni contro la legge Taubira.

 Ieri si è aperto il dibattito all’Assemblea nazionale francese sulla legge Taubira, che prevede la legalizzazione di matrimoni e adozioni gay. Per l’occasione gli organizzatori della grande “Manif pour tous”, che due settimane fa hanno portato almeno 340 mila persone in piazza (terza manifestazione più grande degli ultimi 30 anni in Francia) contro la legge, hanno appeso su circa 170 ponti sulla Senna e cavalcavia sul Peripherique striscioni a favore del matrimonio uomo-donna. «È la libertà di espressione – ha spiegato la portavoce e comica Frigide Barjot – la libertà di coscienza. Chiediamo libertà di voto per i deputati. Vogliamo occupazione, posti di lavoro, non la legge Taubira».

GLI SLOGAN DEGLI STRISCIONI. Sugli striscioni sono stati ripresi gli slogan che tanto hanno portato fortuna alla manifestazione: «Il figlio non è un diritto», «A favore del matrimonio civile uomo-donna», «No all’estensione a tutti della fecondazione assistita», «No al matrimonio/adozione per tutti», «Siamo tutti nati da un uomo e una donna», «Vogliamo posti di lavoro, non il matrimonio omosessuale», «Un padre e una madre: è naturale», «Papà+mamma: non c’è niente di meglio per un bambino».

CINQUEMILA EMENDAMENTI. Secondo l’organizzatore dell’operazione, Pierre Eynaud, la maggior parte degli striscioni esposti sono stati rapidamente «confiscati dalla polizia», come si può vedere nelle foto. Intanto all’Assemblea Nazionale Christiane Taubira, relatrice socialista della legge, ha chiesto di approvarla come «atto di uguaglianza che non danneggia il matrimonio eterosessuale». «Chi vuole che una istituzione della Repubblica sia riservata solo a una categoria di cittadini è un egoista». L’opposizione, che non ha apprezzato il discorso, ha già pronti più di 5 mila emendamenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

22 Commenti

  1. donna cerca uomo says:

    Si al matrimonio gay, anche in italia

  2. Quercia says:

    «Chi vuole che una istituzione della Repubblica sia riservata solo a una categoria di cittadini è un egoista».

    Allora perchè non prevedere anche il matrimonio per gli incestuosi e i poligami??
    Scusate..lo so..sembro un disco rotto. Il fatto è che chi fa queste domande nel dibattito pubblico (per es.alcuni prelati francesi) sono stati immediatamente azzittiti a suon di insulti e derisioni.
    Forse perchè proponevano una domanda a cui questi “democratici” che confiscano gli striscioni e bollano come egoisti gli interlocutori, non sanno rispondere oppure non hanno il coraggio (per il momento) di farlo.

    • ErikaT says:

      Ancora??? Senti, l’ ho già scritto sul mio blog che la poligamia non è un diritto per nessuno in Italia!
      Esiste solo la monogamia e di qui nasce la discriminazione !!!!
      Ovvio che se i vostri argomenti sono questi i matrimoni egualitari saranno approvati ovunque credo.
      Per andare sul mio blog basta cliccare sul mio nick!

      • ErikaT says:

        discriminazione perchè la monogamia è permessa solo a coppie di sesso diverso!

      • Quercia says:

        Erika ancora????
        Ma ti ho chiesto 40 volte la stessa cosa, mi segui come un ombra e non mi rispondi mai..
        Ti ripeto.
        Ammesso che tu abbia ragione e io torto. Non capisco perchè TU sia contraria ai matrimoni poligamici o incestuosi? Perchè esiste solo la monogamia? ma dove? in natura? No..il leone marino ha l’harem. Forse volevi dire che il matrimonio poligamo in Italia è vietato? ok..ma non è lo stesso per quello omosessuale?
        Non ti capisco…il tuo limite è il numero dei coniugi?

        Ti ripeto che non mi interessa andare a leggere i tuoi monologhi sul tuo blog, gradireri invece delle risposte da parte tua.
        Sono contraria ai matrimoni incestuosi perchè…
        Sono contraria ai matrimoni poligami perchè…

    • albo says:

      Quercia. Ancora a tirare in ballo questi pseudo argomenti. Basta. Ti ho già detto che i rapporti incestuosi sono condonati dalla chiesa che dà dispense ai primi cugini contrariamente alla legge italiana. Per quanto riguarda i poligami primo, non ho ancora sentito una rivendicazione di diritto al matrimonio da parte loro e secondo se fossi cattolico, mi preoccuperei più dei poligami con cui si fanno le manifestazioni contro i diritti dei gay, cioè gli islamici, la cui religione già li prevede.

      • Quercia says:

        Albo t’ho risposto nel merito in altri post.

        Non hai sentito rivendicazioni? Il fatto che tu non le senta cosa cambia???

        “Negli ultimi mesi i poliamorosi hanno reso esplicite le loro richieste in tutto il mondo. In Australia hanno tentato senza successo di fare inserire nelle proposte di legge di laburisti e Verdi per il riconoscimento dei matrimoni fra persone dello stesso sesso anche le relazioni poliamorose, ma la loro battaglia è comunque approdata sui principali giornali. In Francia da due anni ferve il dibattito…C’è chi propone la creazione di PoliPacs … chi vuole il riconoscimento del matrimonio poligamico come parte della nuova legge sui matrimoni fra persone dello stesso sesso che il presidente Hollande vuole introdurre, e chi teorizza una “famiglia associativa scelta” a partire nientemeno che dalla legge sulle associazioni del 1901″

        http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2431

        Per quanto riguarda i mussulmani ti dico nuovamente che non condivido quel genere di famiglia. E neppure la legge italiana.

  3. grisostomo says:

    Essere maschio e femmina NON è essere una categoria di cittadini. E’ essere costituiti in una sola delle due possibilità di appartenere al genere umano: maschio o femmina. Il resto è perversione: scelta libera, ma priva di diritti per se stessa.
    Combattere il nazi-fascismo gay. Dire sempre la verità!

    • ErikaT says:

      Il nazismo i gay li metteva nei campi di sterminio! Quindi di cosa va parlando????
      E come si permette!!!!
      Se una persona si sente maschio o femmina non lo stabilisce lei! Lo stabilisce la persona stessa.
      Nessuno dovrebbe mettere il becco nell’ identità di genere altrui e nelle preferenze sessuali altrui, la natura umana è molto varia, non rigida e ingabbiata come alcuni fanno credere.

      • H.Hesse says:

        Scommetto che tu cretina non ti ci senti neanche un po’. Ci ho preso? Eppure chi ti assicuro che per chi ti legge la cosa non è poi così evidente!
        Grisostomo ha evocato il Nazismo come esempio di totalitarismo, ovvero di regime in cui il dissenso non è ammesso.
        Poteva anche usare il comunismo come esempio.
        Quindi la tua osservazione non c’entra un cavolo.

    • albo says:

      Grisostomo capisco l’età , ma aggiornati. I generi continueranno ad essere due, quello femminile e quello maschile, ciò che invece viene chiesto, e ormai ottenuto in Stati più civili del nostro, è la fine delle discriminazioni nei confronti di lesbiche e gay per quanto riguarda la famiglia. Che un tempo era una e indivisibile, ricordi? Il divorzio non esisteva, uno non poteva, come si diceva, rifarsi una vita, sposarsi un’altra volta, proibito, dalla legge che seguiva gli ordini del Vaticano. tu ancora confondi l’identità sessuale con l’orientamento sessuale. L’identità è quello che uno si sente (maschio o femmina) anche se non sempre corrisposnde al proprio corpo fisico (è il caso dei transessuali), l’orientamento è quello verso cui uno è attratto. Come è possibile ragionare con chi non capisce questi concetti elementari?

      • Gmtubini says:

        Caro Albo, ti consiglio un corso d’aggiornamento all’Arcigay…
        Sono i sessi ad essere solo due.
        I generi sono un sacco e una sporta!

        • albo says:

          Caro Tubini, basta leggere un qualsiasi libro di sessuologia per sapere che per l’identità di genere anche i gay sono uomini (maschi) e le lesbiche sono donne (femmine) . Altra cosa è l’orientamento sessuale che può essere eterosessuale, omosessuale o biusessuale. E altra faccenda è la distonia tra l’identità di genere e il corpo ( quando non corrisponde abbiamo i transessuali). Il problema è che è insito nell’uomo che un gruppo che si ritiene maggioritario vessi i gruppi minoritari con parole e atteggiamenti omofobi. La cosa più stridente è che chi come i cristini grida al mondo la difesa dei più deboli(politicamente) e di chi è emarginato siano quelli che più vorrebbero mettere nell’angolo e umiliare i gay, non riconoscendo nessuna dignità a loro e ai loro diritti.

  4. ErikaT says:

    Poi i cristiani si lamentano di come sono trattati in Cina????
    Hai capito, qui invece vogliono imporre a tutti la loro visione???

    • H.Hesse says:

      Anche tu vuoi imporre a tutti la tua visione, quindi che cacchio vuoi?

      • ErikaT says:

        Ti sbagli, io non voglio vietare i matrimoni fra persone di sesso diverso, è questa la differenza.

    • Quercia says:

      Erika non fare scivoloni sui morti che ci sono in Cina.
      Io non so i cristiani, per quanto mi riguarda non voglio importi proprio nulla. Solo voglio poter dire la mia. Soprattutto se si parla di modificare la struttura sociale in cui vivo. Fino a prova contraria la cellula fondamentale della nostra società è la famiglia fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna.
      Certo..tu non la pensi così. Fai bene a dirlo e poi sarà il popolo a decidere..

      • ErikaT says:

        Non vuoi imporre nulla??? Sbaglio o vuoi vietare alle coppie dello stesso sesso di sposarsi????
        Ma dove sta scritto che la cellula fondamentale della società è la famiglia uomo-donna??? Secondo te tutti nascono in famiglie uomo donna? O ci sono anche persone che crescono con genitori single e crescono benissimo lo stesso?
        Per quanto riguarda i morti in Cina ti dico che si può morire in Italia sia a livello fisico, sia soprattutto a livello interiore, vatti a leggere il mio ultimo post sulla morte interiore e sai perchè: perchè questa società fa sentire diversi, si si quella famosa differenza che tanti vogliono sia scolpita nella legge!

        • tribute to TM says:

          Ma datti una calmata Erika…..va’ a laurà: …visto che passi tutto il giorno su internet !

          Vedrai che quando torni stanca dal lavoro ti passa la voglia di sparare cavolate…e te ne vai a dormire come tutti quelli che si devono alzare alle 6…

          • albo says:

            Cavolate le dici tu, non Erika. Punti di vista? allora rispetta il suo. Capisco che quando non si hanno più argomenti passi all’insulto.

      • albo says:

        Tu consideri famiglia anche i divorziati? perchè tra un po’ saranno maggioranza…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download