Google+

Tutti contro Al Qaeda: i ribelli potrebbero combattere con l’esercito siriano e Obama tornare a sostenere Assad

dicembre 6, 2013 Redazione

Il generale dell’Esercito libero siriano ha affermato che i ribelli, senza Assad, sono pronti a «unirci all’esercito regolare siriano». Secondo il New York Times, anche la Casa Bianca potrebbe cambiare linea in Siria

«Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) è sempre più pericoloso per il futuro della Siria», per questo «dopo che Assad lascerà il potere saremo pronti ad unirci all’esercito regolare siriano per combattere Al Qaeda». Queste parole inedite, pronunciate dal capo militare dei ribelli Salim Idriss al Washington Post, hanno causato confusione e rabbia nell’opposizione al regime.

RIBELLI CAMBIANO LINEA? Nonostante Idriss abbia specificato che la condizione è che Assad lasci il potere, l’idea che i ribelli si uniscano all’esercito contro cui attualmente combattono è un cambio di linea notevole. La ragione di questa presa di posizione sta nella crescente forza nel paese dell’Isil, brigata legata ad Al Qaeda e «composta da circa 5.500 combattenti stranieri e 20 mila guerriglieri» che «sta cercando di prendere il pieno controllo di tutte le aree liberate».
La milizia legata ad Al Qaeda è la più potente e meglio armata in Siria e combatte tanto l’esercito dei «cani di Assad» quanto gli «infedeli», tra cui oltre ai cristiani ci sono anche i ribelli dell’Esercito libero siriano di Idriss, colpevoli di volere la democrazia e non «il califfato islamico». I ribelli sono stati attaccati dai terroristi islamici a più riprese e hanno quasi sempre dovuto cedere il campo.

L’IPOTESI USA. Ma le novità in seno ai ribelli non sono niente in confronto a quelle prospettate dal New York Times (Nyt) e che riguardano Barack Obama. Poiché la Siria è stata presa dagli estremisti islamici come punto di partenza per il ritorno al «Grande califfato» e dai terroristi come passaggio obbligato per poi attaccare l’Occidente, anche gli Stati Uniti potrebbero cambiare tattica e ricucire i rapporti con Damasco. Secondo il quotidiano, gli Usa rischiano sempre di più di subire un attentato terroristico, soprattutto perché a combattere per la causa islamista in Siria ci sono anche tanti occidentali e americani.
La svolta che Obama potrebbe intraprendere è stata riassunta al Nyt da Ryan Crocker, veterano che ha svolto il suo ruolo da diplomatico in Siria, Iraq e Afghanistan: «Abbiamo bisogno di tornare a parlare con il regime di Assad. Dovremo farlo molto, molto silenziosamente ma per quanto Assad possa essere considerato un male, non sarà mai peggio dei militanti che prenderebbero il potere al suo posto».

AVANZA IL TERRORISMO. Secondo il Nyt, che cita fonti bene informate, «non è ancora chiaro se e quando la Casa Bianca farà un cambio così netto di approccio dopo anni passati a sostenere l’opposizione siriana e a chiedere la cacciata di Assad. Certamente, l’operazione richiederà negoziati delicati con gli alleati mediorientali, che appoggiano i ribelli siriani, come l’Arabia Saudita».
A convincere l’entourage di Obama, se non il presidente stesso, sempre secondo il Nyt, ci sarebbe la crescente forza del terrorismo islamico, che oltre ad attirare tanti occidentali, guadagna terreno in Libia, Mali, Nigeria, Yemen, Egitto, Tunisia e Iraq.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download