Google+

«Tutti ci trattano da terroristi. Sappi che noi abbiamo solo terrorizzato i francesi infedeli»

marzo 29, 2017 Redazione

Le lettere scritte ai familiari da Salah Abdeslam, l’unico terrorista sopravvissuto agli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi, culminati con la strage del Bataclan

salah-abdeslam-ansa1

«Mamma, ti scrivo questa lettera sperando che mi perdonerai. Sappi che i tuoi due figli hanno combattuto PER ALLAH». È questo il contenuto di una delle lettere scritte da Salah Abdeslam, l’unico terrorista sopravvissuto agli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi, culminati con la strage del Bataclan. Abdeslam, belga di origini marocchine proveniente da Molenbeek, la «fabbrica dei jihadisti» nel cuore di Bruxelles, è stato arrestato il 18 marzo 2016 proprio a Molenbeek, dopo essere scappato a un’incursione occasionale della polizia in un appartamento a Forest, nella periferia della capitale belga. È qui che la polizia ha trovato alcune lettere scritte dal terrorista e pubblicate stamattina in esclusiva dal francese Le Point. Ne pubblichiamo alcune parti in traduzione italiana.

La prima è indirizzata alla madre. Salah Abdeslam dice di essere stato «guidato da Allah» e scelto da lui «tra i suoi servitori». Le stragi, continua, servivano per vendicare «chi si è permesso di disegnare e insultare il nostro amato profeta» e «coloro che uccidono come dei codardi con i loro aerei», un riferimento ai paesi della coalizione occidentale guidata dagli Usa che combattono lo Stato islamico in Siria e Iraq.

«Ti scrivo questa lettera sperando che mi perdonerai. Ti ho lasciato sapendo che la mia partenza e assenza saranno per te fonte di dolore. Ti chiedo perdono tre volte e una volta per mio padre, che amo: sappi che è stato difficile anche per me lasciarvi perché vi amo così tanto».

In un passo della lettera, parla alla madre del fratello Brahim, che si è fatto esplodere il 13 novembre a Parigi:

«Tuo figlio Brahim non si è suicidato, ha combattuto, ha ucciso e si è fatto uccidere dagli infedeli. Lui è un eroe dell’islam. (…) Se stai vivendo un periodo difficile è perché Allah ti ama, vuole metterti alla prova in questa vita fino a quando perdonerà i tuoi peccati e ti fare entrare nel più alto grado del paradiso per la sua misericordia (…). Allah impedisce al fuoco dell’inferno di toccare i genitori di un MARTIRE (…) La vita è breve, mentre quella nell’aldilà è eterna. Ti amo. Sappi che i tuoi due figli hanno combattuto PER ALLAH».

In una seconda lettera alla sorella, consiglia a quest’ultima di andare a vivere in «un paese musulmano» e non in uno di «miscredenti» come il Belgio (che, per la cronaca, non ha solo accolto i loro genitori ma ha anche permesso a tutti loro di vivere grazie a un sussidio statale):

«Questa lettera è per la mia amata sorellina. Immagino che non debba essere facile per te essere separata dai tuoi due fratelli. Inoltre tutto il mondo ci tratta da terroristi. Sappi che noi abbiamo soltanto terrorizzato il popolo infedele della Francia, che è un paese che combatte l’islam è questo da molto tempo».

Dopo altre critiche ai paesi della coalizione occidentali, «che assassinano le nostre famiglie musulmane», scrive ancora alla sorella:

«Hanno ucciso migliaia di persone, le fanno vivere nel terrore ogni giorno e tu non immagini neanche quello che fanno loro subire. E questo solo perché vogliono la legge di Allah. (…) Questa è la fede: credere in Allah come se tu lo vedessi e non ascoltare la gente ma occupati di nostra madre che amo troppo, e non c’è un giorno in cui non pensi a lei. (…) Allontanati dal peccato e avvicinati al signore per essere ricompensata. Vorrei che voi emigraste in un paese musulmano perché è la cosa migliore per voi. (…) Ci rivediamo nella nuova vita».

Infine, una terza lettera è indirizzata alla sua fidanzata:

«Ti porgo le mie più sincere scuse perché ti ho lasciata mentre ti avevo promessi di sposarti. Questo non è un tradimento ma ho scelto una vita di sacrifici per ottenere la soddisfazione del signore dell’universo. Mi sarei sentito un codardo a vivere la mia vita come se niente fosse, come se i nostri fratelli musulmani non soffrissero e non patissero ogni giorno in questa guerra. Loro massacrano i nostri fratelli, le nostre sorelle, i nostri figli (…). Mi sono inserito lungo il sentiero di Allah perché lo amo, come anche il suo profeta. Io chiedo ad Allah che riversi su di te la sua pazienza e perseveranza affinché anche tu superi questa difficile prova. (…) Ho abbandonato tutto ciò che c’era di più caro ai miei occhi e mi sono rimesso ad Allah. (…) Spero che Allah accetti la mia opera e che mi usi misericordia perché sia tra i sinceri e i MARTIRI. Prega Allah che mi accetti, tu sei per me mia moglie e spero che Allah ci unirà nell’altro mondo nella vita eterna inshallah. Ti amo, stai attenta (…) Solleva il MORALE di mia madre. Ti amo».

Nel prossimo numero di Tempi, in edicola da giovedì 30 marzo, sarà presente un lungo servizio sull’ambiente in cui è cresciuto Salah Abdeslam, quello di Molenbeek, quartiere islamizzato e radicalizzato da predicatori sauditi, salafiti e dei Fratelli Musulmani.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana