Google+

Se non ora, quando? Se non qui, dove? Se non tu, chi? Tutti a Roma per difendere la famiglia

giugno 18, 2015 Sentinelle in piedi

Per dire sì alla famiglia, sì al diritto di ogni bambino a crescere con il suo papà e la sua mamma, sì a una società che non rinneghi, bensì valorizzi la ricchezza di ciascun individuo

sentinelle-in-piedi-veglia

Se non ora, quando? Se non qui, dove? Se non tu, chi? Con le stesse parole con cui abbiamo chiamato tutti in piazza per la veglia in contemporanea in 100 piazze lo scorso 23 maggio, con la stessa intensità e la stessa forza oggi diciamo: bisogna esserci, e in tanti, alla grande mobilitazione di Roma sabato 20 giugno promossa dal “Comitato difendiamo i nostri figli”.

Perché? Per dire no al ddl sulle cosiddette “unioni civili” che potrebbe essere varato in estate, un testo che equipara le unioni fra persone dello stesso sesso al matrimonio e apre la strada all’abominevole pratica dell’utero in affitto. Per dire no ad ogni tentativo – più o meno subdolo – di introdurre il gender nelle scuole, ideologia che confonde le menti dei nostri figli convincendoli che non conta il dato biologico e che si può essere indifferentemente uomini o donne. Ma soprattutto per dire sì alla famiglia, cellula fondante della nostra società, sì al diritto di ogni bambino a crescere con il suo papà e la sua mamma, sì a una società che non rinneghi, bensì valorizzi la ricchezza di ciascun individuo e riconosca il bene oggettivo inscritto in ognuno di noi e nella nostra essenza di uomini e donne.

Per chi? Per tutti coloro che non sanno che tra poco nel nostro paese un bambino potrà essere considerato un oggetto prodotto per rispondere ad un desiderio, per chi non sa che in Italia fra poco avremo – de facto – le cosiddette nozze tra persone dello stesso sesso, per chi non lo crede possibile perché non lo sente alla tv e non lo legge sui giornali, per chi ha gli occhi chiusi e la coscienza sopita e non sa che è in atto uno dei più grandi e gravi attacchi alla famiglia e al cuore stesso dell’uomo da parte di un potere che vuole renderlo una monade sola e quindi manipolabile.

Come? In piazza, pubblicamente. Perché, come andiamo dicendo da mesi, non c’è verità che provochi davvero gli animi che non sia testimoniata e affermata davanti a tutti. Perché solo un’azione pubblica interpella l’opinione pubblica e interroga chi è chiamato a gestire la cosa pubblica. Le leggi non si fermano nel salotto di casa, le ideologie non si fermano con i sofismi. Che errore sarebbese oggi, nel nome di una malintesa forma di dialogo, rinunciassimo ad affermare che uno Stato non può fare leggi in base ad un legame affettivo poiché la famiglia non è semplicemente un nucleo affettivo ma una promessa di impegno pubblica: un’assunzione di diritti e doveri nei confronti di tutti.

A chi, in nome di un fraintesa forma di rispetto, è convinto che l’evento di sabato sia una mobilitazione contro le persone ricordiamo quello che andiamo dicendo da mesi ovvero che le persone non sono definite da una pulsione sessuale, che l’attrazione non definisce la persona, che la prima e più grave discriminazione la compiono le cosiddette lobby lgbt che si arrogano il diritto di parlare anche per chi è contrario alla pretesa di diritti declinati per tendenza sessuale. Non solo. A tutti ricordiamo che non è una legge a fare la felicità delle persone, poiché il nostro compimento è legato alla nostra stessa natura, e non può prescindere dalla nostra identità di uomini o di donne.

Per questo chiediamo: di fronte alle menzogne del potere politico, ideologico e mediatico, c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di alzare la testa e dire di no?

Roma, sabato 20 giugno, piazza San Giovanni, ore 15.30

La famiglia è troppo importante per stare a guardare mentre viene distrutta, il cuore dell’uomo è troppo grande per cedere alle menzogne del potere.

Su facebook: Sentinelle in piedi

info@sentinelleinpiedi.it


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Fabio scrive:

    Sul comunicato sul Family Day del 20 giugno a Roma : anche se non vi parteciperò per motivi di lavoro, immediatamente mi sono sentito vicino a chi farà questo sacrificio anche per me, e per la mia famiglia. Capisco meno chi ha deciso di non andare con la motivazione che così ci impediamo il dialogo.

    Un interlocutore che non voglia più dialogare con noi solo perché andiamo a Roma, non è un valido e serio interlocutore e non merita tutta la nostra attenzione .

    Sarebbe come dire che chi è ateo non dialoga più con chi è cristiano solo perché alla domenica va a Messa e questo impedisce il dialogo con lui : non sarebbe un interlocutore serio…

    Il comunicato su Roma inoltre (che comunque non è firmato CL) non esprime pienamente il metodo, la pedagogìa che don Giussani ha insegnato .

    Don Giussani (capitolo 10 de Il senso religioso) afferma che la coscienza matura nell’uomo in azione, nell’affrontare tutta la realtà con tutti i fattori in gioco, fattore politico compreso : qui non lo scrive , ma nella vita lo ha fatto capire ampiamente e lo ha scritto doviziosamente (L’io , il potere e le opere).

  2. Fabio scrive:

    A proposito del comunicato sul Family Day del 20 giugno a Roma : anche se non vi parteciperò per motivi di lavoro, immediatamente mi sono sentito vicino a chi farà questo sacrificio anche per me, e per la mia famiglia. Capisco meno chi ha deciso di non andare con la motivazione che così ci impediamo il dialogo.

    Un interlocutore che non voglia più dialogare con noi solo perché andiamo a Roma, non è un valido e serio interlocutore e non merita tutta la nostra attenzione .

    Sarebbe come dire che chi è ateo non dialoga più con chi è cristiano solo perché alla domenica va a Messa e questo impedisce il dialogo con lui : non sarebbe un interlocutore serio…

    Il comunicato su Roma inoltre (che comunque non è firmato CL) non esprime pienamente il metodo, la pedagogìa che don Giussani ha insegnato .

    Don Giussani (capitolo 10 de Il senso religioso) afferma che la coscienza matura nell’uomo in azione, nell’affrontare tutta la realtà con tutti i fattori in gioco, fattore politico compreso : qui non lo scrive , ma nella vita lo ha fatto capire ampiamente e lo ha scritto doviziosamente (L’io , il potere e le opere).

  3. Giancastoro scrive:

    Scusa, e tu chi sei per dire che chi guida CL non esprime il metodo e la pedagogia di don Giussani?
    Non è che leggere «Tempi» ti dà alla testa?

    • giovanna scrive:

      Scusa, Giancastoro, Fabio parlava del famoso comunicato : credo che qualsiasi ciellino abbastanza stagionato , ci possa leggere una certa distanza da don Giussani. Le citazioni , in questi giorni, si sono sprecate, dunque non ne farò, ma ti assicuro che l’impressione alla lettura del comunicato è veramente sgradevole.
      Poi, sai, c’è chi legge Galantino, c’è chi legge il comunicato del pontificio consiglio per la famiglia, chi legge il Papa, chi legge Tempi.

      • Giancastoro scrive:

        Guarda, io amo la sincerità e non le parole a mezza bocca.
        Per cui inizierò a discutere in maniera seria se ammettete ciò che è palese, vale a dire che il vostro problema è chi guida CL (e ogni pretesto è valido per attaccarlo). Se invece continuate a far finta che i problemi siano altri cantatevela e suonatevela pure tra di voi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana