Google+

Turchia, i funerali dei minatori di Soma. Proteste in tutto il paese

maggio 15, 2014 Chiara Rizzo

Oggi le prime sepolture delle 282 vittime sinora accertate. La folla manifesta contro il governo, ritenuto troppo vicino ai magnati delle miniere e incapace di imporre misure di sicurezza per i lavoratori

Uno sciopero nazionale di 24 ore per commemorare i minatori vittime della terribile esplosione di Soma, avvenuta martedì 13 maggio: si contano 282 vittime accertate, ma le operazioni di soccorso continuano, perché altre centinaia di persone sono ancora intrappolate a duemila metri di profondità.

FOSSE COMUNI. I funerali sono stati particolarmente drammatici: mentre venivano sepolti in fosse comuni i corpi delle vittime recuperati nelle prime 48 ore, davanti ai familiari distrutti, varie città della Turchia si sono fermate per rendere omaggio ai minatori. Tuttavia in quasi ognuna di esse sono scoppiati momenti di tensione con le autorità. A Smirne – la città più grande vicina a Soma – 20mila persone hanno partecipato alle manifestazioni in strada, vari sindacalisti sono stati ricoverati dopo gli scontri con la polizia, che ha usato gas lacrimogeni e idranti per disperdere la folla che protestava. Ieri il momento più drammatico è stato quando a Soma è arrivato il premier Receyyp Erdogan, accompagnato dall’establishment del paese: la folla considera queste istituzioni co-responsabili indirettamente della tragedia, perché troppo vicine ai magnati delle miniere e perché non sono stati mai capaci di imporre standard di sicurezza che tutelassero i lavoratori.

SCONTRO CON LE ISTITUZIONI. Alla vista del convoglio del premier, chi si trovava a Soma per assistere alle operazioni di soccorso e recupero dei colleghi o parenti vittime dell’incidente ha assalito le auto dei politici. Oggi che in visita si è recato il presidente Abdullah Gul, la polizia ha deciso di chiudere le strade nelle vicinanze della miniera per diversi chilometri, perquisendo ogni abitacolo in transito. Gul si è unito «al dolore dell’intera nazione turca», promettendo un’inchiesta sul fatto, proprio nelle stesse ore in cui i giornali hanno pubblicato una foto scattata ieri a un collaboratore di Erdogan mentre tirava un calcio ad uno dei parenti delle vittime, immobilizzato a terra dalla polizia. Un fatto che ha ulteriormente scaldato le proteste turche, che si sono susseguite in altre città, a Mersin e Antalya, ma anche a Istanbul, dove la polizia ha dovuto bloccare la manifestazione e chiudere un’arteria principale del traffico. Ad Ankara, la capitale, un migliaio di operai ha tentato di marciare fino al ministero del Lavoro, scandendo lo slogan «Il fuoco di Soma brucerà l’Akp», il partito di Erdogan.

LA DINAMICA. Intanto le operazioni di soccorso proseguono tra le difficoltà. Sarebbe stato un improvviso cortocircuito ad aver scatenato l’incendio e l’esplosione nella miniera, facendo saltare la corrente elettrica, bloccato gli impianti di ventilazione in profondità e gli ascensori che conducono ai corridoi. I soccorritori hanno messo in atto tutte le misure possibili per far giungere ossigeno sottoterra, anche attraverso un sistema di pompe, ma le speranze di trovare altri superstiti ormai sono poche o nulle.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana