Google+

Turchia, cortei in tutto il paese. Erdogan contro i social network: «Una minaccia»

giugno 2, 2013 Redazione

Il ministro dell’Interno ha annunciato che sono state arrestate più di 1.700 persone. I cortei, convocati su Facebook e Twitter, sono diventati ben presto manifestazioni contro le politiche del governo del premier del partito islamico Akp

La protesta contro l’abbattimento degli alberi di in un parco di Istanbul per far posto a un centro commerciale si è trasformata ben presto in una manifestazione contro il governo del premier Erdogan: la reazione violenta della polizia contro i manifestanti di sabato in piazza Taksim ha anzi fornito da detonatore alla protesta, che è proseguita oggi e ha visto i cortei moltiplicarsi in tutto il paese. Proteste “della birra” e proteste “dei baci” sono state convocate in altre città in polemica con le politiche troppo restrittive e dal sapore decisamente poco laico adottate dal governo.

TWITTER, UNA MINACCIA. Oggi il premier Erdogan se l’è presa con i social network (perché la gran parte delle manifestazioni sono state convocate proprio via Facebook e Twitter), definendoli «una minaccia per la società». Il ministro dell’Interno turco Muammer Guler ha annunciato che la polizia ha arrestato oltre 1.700 persone a Istanbul, Ankara e decine di altre città da quando sono iniziate le proteste e che le manifestazioni sono state 235 negli ultimi quattro giorni. Secondo Amnesty International due persone sarebbero morte negli scontri di sabato a Istanbul, ma la notizia non è stata confermata. È invece confermato che quattro dei feriti di sabato (sarebbero un migliaio in tutto) hanno perso la vista a causa dei gas lacrimogeni sparati dalla polizia. Il premier Erdogan ha ammesso l’uso eccessivo della forza da parte della polizia e si è scusato per l’accaduto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi