Google+

Tunisia. Minoranze religiose e omosessuali ancora discriminati

marzo 31, 2017 Redazione

Le donne non possono sposare uno straniero se questo non dimostra di essersi convertito all’islam. Omosessuali arrestati in base al «reato di sodomia»

Al contrario di Libia, Yemen, Siria ed Egitto, la Tunisia è forse l’unico paese dove la Primavera araba ha avuto esiti positivi, culminati in una transizione politica e democratica pacifica e nella ratifica di una nuova Costituzione, che garantisce le principali libertà civili. Ma non è tutto rose e fiori, non solo per i problemi legati a terrorismo, integralismo islamico e disoccupazione rampante.

«È INAMMISSIBILE». Lunedì una coalizione di associazioni tunisine ha firmato un appello per chiedere al governo di ritirare la circolare datata 1973 con cui si proibisce la celebrazione di un matrimonio tra una donna tunisina e un uomo non musulmano. Nel caso della donna, la religione non è specificata perché si dà per scontato che una donna tunisina non possa che essere musulmana. «È inammissibile che una semplice circolare, dal valore giuridico quasi nullo, influisca sulla vita di migliaia di persone», ha dichiarato durante una conferenza stampa a Tunisi Sana Ben Achour, presidente dell’associazione Beity.

CONTRO LA COSTITUZIONE. Come riportato da Jeune Afrique, per sposare uno straniero una donna deve presentare obbligatoriamente il certificato di conversione del futuro marito. E se il matrimonio avviene all’estero, in mancanza del documento l’unione non viene riconosciuta valida in patria. Al contrario, un musulmano può sposare una donna di qualunque religione. Per Wahid Ferchichi, dell’associazione tunisina per la Difesa delle libertà individuali, è già abbastanza problematico che una tunisina venga considerata musulmana a priori. Inoltre, la circolare viola la Costituzione, che garantisce la libertà di coscienza e l’uguaglianza tra tutti i cittadini, a prescindere dalla religione professata. Il governo non ha ancora risposto alla richiesta.

REATO DI OMOSESSUALITÀ. Un altro caso spinoso che le autorità del paese dovranno gestire è la protesta per l’arresto di due tunisini omosessuali. Il regista Karim Belhaj è stato arrestato il 13 marzo a casa sua dopo essere stato trovato in compagnia di un uomo, con il quale ha ammesso di avere avuto una relazione sessuale. L’accusa configurata a carico dei due è «reato di omosessualità», presente all’articolo 230 del codice penale di derivazione francese. Diverse associazioni che si battono per il riconoscimento dei diritti degli omosessuali hanno chiesto che vengano liberati e che il governo cancelli l’articolo 230 dal Codice.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana