Google+

Trump, i cambiamenti climatici e l’ideologia del New York Times

gennaio 11, 2017 Leone Grotti

Non è cercando di far sentire in colpa le persone che il Nyt riuscirà a convincerle che la desertificazione del sud del Madagascar è dovuta al tubo di scappamento delle loro automobili

clima-kristof-nyt

Nicholas Kristof è un grande giornalista (ha vinto due premi Pulitzer) e il New York Times è un grande quotidiano. Ma a volte riescono a organizzare operazioni ideologiche che nulla hanno a che vedere con l’informazione. Il recente filmato-editoriale “Cosa abbiamo visto in Madagascar” ne è una prova.

CONTRO TRUMP. L’obiettivo del reportage è accusare Donald Trump di essere ideologico per quanto riguarda i cambiamenti climatici. Il presidente eletto, infatti, nega l’esistenza di certezze granitiche sul collegamento tra essi e le attività dell’uomo, giudicando inutili i grandi accordi climatici come quello di Parigi. Per dimostrargli che ha torto, il Nyt fa un viaggio nel sud del Madagascar e ci catapulta in una landa desertica e desolata, affollata da bambini malnutriti.

CAMBIAMENTI CLIMATICI. Qui, dice Kristof, molto tempo fa c’erano fiori e foreste. Oggi solo sabbia. Intervista un’anziana donna di un villaggio: «Il clima qui è cambiato?». Risposta: «Certo che sì, una volta c’erano i fiori. Ora non c’è più niente. Mai vista una siccità così». Il clima evidentemente è cambiato. Lei il perché non lo sa, Kristof invece sì: «È colpa di noi ricchi occidentali. Le nostre scelte ricadono sui poveri. È il paradosso del cambiamento climatico». Il giornalista del Nyt non fornisce alcuna prova scientifica di quello che dice e le persone che intervista, al pari di chi guarda il filmato, non sembrano affatto interessate alla sua polemica personale con il presidente americano. «E chi è Trump?», gli risponde la signora quando Kristof cerca di farle un complimento dicendole che «lei sa molte più cose di Trump, perché riconosce che i cambiamenti climatici esistono».

SICCITÀ CAUSATA DALLE AUTOMOBILI. Dire che i cambiamenti climatici esistono e che sono causati dall’uomo sono due cose ben diverse. Ma nel filmato si fa volutamente confusione. La miseria ripresa in modo magistrale dalle telecamere americane è immensa e struggente, ma l’unico obiettivo di Kristof è cercare di far sentire in colpa l’Occidente e far passare Trump per un capitalista insensibile. Ecco perché usa in continuazione frasi del tipo: «Ma la colpa di tutto questo è nostra». E offre soluzioni assolutamente discutibili senza fornire basi scientifiche di alcun genere: «Per cambiare in modo sistematico la vita di queste persone», azzarda, «dovremmo investire nel clima e fissare un prezzo per il carbone. Perché non dobbiamo dimenticare: questi problemi sono creati dalle vostre automobili e dalla mia».

IDEOLOGIE CONTRAPPOSTE. Kristof è un eccellente inviato ma non è uno scienziato, né un economista, né tantomeno un climatologo. E non è cercando di far sentire in colpa le persone che riuscirà a convincerle che la desertificazione del sud del Madagascar è dovuta al tubo di scappamento delle loro automobili. Soprattutto, non è con un’operazione giornalistica ideologica che potrà controbattere l’ideologia climatica di Trump.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Le monovolume diventano SUV. Le wagon vengono rialzate e dotate di protezioni in plastica grezza così da essere simili alle SUV. Come se ciò non bastasse, il pianale delle berline compatte – si pensi alla Seat Ibiza, base tecnica della nuova Arona – viene “cannibalizzato” per creare… nuove SUV! E le sport utility vere e […]

L'articolo Datemi tutto, ma non una SUV. Con Ford si può proviene da RED Live.

Fino a ieri non le voleva nessuno. Ripudiate come la peste e apprezzate quanto la sete. Oggi, invece, complice l’imperante globalizzazione, persino le “cenerentole” del mercato auto italiano, vale a dire le berline a tre volumi, sembrano conoscere un minimo di fortuna. Sull’onda dell’interesse generato dalla Fiat Tipo quattro porte, Honda Civic Sedan e Renault […]

L'articolo Hyundai i30 Fastback: colpo di coda proviene da RED Live.

Si chiama ”Io l’ho vista summer tour”, l’iniziativa che Kia Italia ha ideato per far conoscere il suo nuovo urban crossover Stonic (leggi qui l’anteprima), nelle concessionarie da ottobre 2017. Dopo essere stata protagonista di un pre-lancio sui vari canali Social nei giorni scorsi, dal 22 luglio la compatta e spaziosa vettura della Casa coreana […]

L'articolo Kia Stonic, un’estate al mare proviene da RED Live.

50 anni di AMG. 50 anni di tradizione sportiva. Una ricorrenza che merita un regalo speciale. Mercedes celebrare il prestigioso anniversario realizzando una versione a tiratura limitata (solo 100 esemplari) della A 45, denominata Edition 50. Caratterizzata da un allestimento esclusivo e da una dotazione particolarmente ricca, la vettura è riconoscibile per la vernice Grigio […]

L'articolo Mercedes-AMG A 45 Edition 50: happy birthday proviene da RED Live.

La regina del prossimo Salone di Francoforte potrebbe essere lei. La E-Pace, seconda SUV della storia Jaguar e “sorella minore” della F-Pace, è una vettura cruciale per il costruttore britannico e al tempo stesso una delle sport utility più affascinanti mai realizzate. Forte di una linea profondamente ispirata alla sportiva F-Type, tanto da essere definita […]

L'articolo Jaguar E-Pace: impronta sportiva proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana