Google+

Trump, i cambiamenti climatici e l’ideologia del New York Times

gennaio 11, 2017 Leone Grotti

Non è cercando di far sentire in colpa le persone che il Nyt riuscirà a convincerle che la desertificazione del sud del Madagascar è dovuta al tubo di scappamento delle loro automobili

clima-kristof-nyt

Nicholas Kristof è un grande giornalista (ha vinto due premi Pulitzer) e il New York Times è un grande quotidiano. Ma a volte riescono a organizzare operazioni ideologiche che nulla hanno a che vedere con l’informazione. Il recente filmato-editoriale “Cosa abbiamo visto in Madagascar” ne è una prova.

CONTRO TRUMP. L’obiettivo del reportage è accusare Donald Trump di essere ideologico per quanto riguarda i cambiamenti climatici. Il presidente eletto, infatti, nega l’esistenza di certezze granitiche sul collegamento tra essi e le attività dell’uomo, giudicando inutili i grandi accordi climatici come quello di Parigi. Per dimostrargli che ha torto, il Nyt fa un viaggio nel sud del Madagascar e ci catapulta in una landa desertica e desolata, affollata da bambini malnutriti.

CAMBIAMENTI CLIMATICI. Qui, dice Kristof, molto tempo fa c’erano fiori e foreste. Oggi solo sabbia. Intervista un’anziana donna di un villaggio: «Il clima qui è cambiato?». Risposta: «Certo che sì, una volta c’erano i fiori. Ora non c’è più niente. Mai vista una siccità così». Il clima evidentemente è cambiato. Lei il perché non lo sa, Kristof invece sì: «È colpa di noi ricchi occidentali. Le nostre scelte ricadono sui poveri. È il paradosso del cambiamento climatico». Il giornalista del Nyt non fornisce alcuna prova scientifica di quello che dice e le persone che intervista, al pari di chi guarda il filmato, non sembrano affatto interessate alla sua polemica personale con il presidente americano. «E chi è Trump?», gli risponde la signora quando Kristof cerca di farle un complimento dicendole che «lei sa molte più cose di Trump, perché riconosce che i cambiamenti climatici esistono».

SICCITÀ CAUSATA DALLE AUTOMOBILI. Dire che i cambiamenti climatici esistono e che sono causati dall’uomo sono due cose ben diverse. Ma nel filmato si fa volutamente confusione. La miseria ripresa in modo magistrale dalle telecamere americane è immensa e struggente, ma l’unico obiettivo di Kristof è cercare di far sentire in colpa l’Occidente e far passare Trump per un capitalista insensibile. Ecco perché usa in continuazione frasi del tipo: «Ma la colpa di tutto questo è nostra». E offre soluzioni assolutamente discutibili senza fornire basi scientifiche di alcun genere: «Per cambiare in modo sistematico la vita di queste persone», azzarda, «dovremmo investire nel clima e fissare un prezzo per il carbone. Perché non dobbiamo dimenticare: questi problemi sono creati dalle vostre automobili e dalla mia».

IDEOLOGIE CONTRAPPOSTE. Kristof è un eccellente inviato ma non è uno scienziato, né un economista, né tantomeno un climatologo. E non è cercando di far sentire in colpa le persone che riuscirà a convincerle che la desertificazione del sud del Madagascar è dovuta al tubo di scappamento delle loro automobili. Soprattutto, non è con un’operazione giornalistica ideologica che potrà controbattere l’ideologia climatica di Trump.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: YAMAHA TEST THE EMOTION, Hyper Naked e Sport Touring in prova  DOVE E QUANDO: Pescara, 1 e 2 aprile Si chiama “Yamaha Test the Emotion” il nuovo tour itinerante di nove tappe organizzato da Yamaha per far scoprire ai motociclisti italiani i modelli delle famiglie Hyper Naked e Sport Touring di Iwata. Per la gamma MT saranno presenti […]

L'articolo RED Weekend 30 marzo – 2 aprile, idee per muoversi proviene da RED Live.

Dormire sugli allori può rivelarsi – oggi più che mai – un errore imperdonabile, anche per le Case più affermate e per i loro modelli più rappresentativi. Con la concorrenza che affila le armi e la tecnologia che si diffonde a macchia d’olio a tutti i livelli, il rischio che un modello best-seller possa finire […]

L'articolo Prova Suzuki V-Strom 650 XT 2017 proviene da RED Live.

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana