Google+

Il trucco delle province “abolite” mostra la vera stoffa (statalista) di Renzi. Saranno contenti almeno Rizzo e Stella?

settembre 16, 2014 Matteo Forte

Il consigliere comunale milanese Matteo Forte spiega perché la riforma Delrio, varata al grido di “tagliamo i costi della politica”, in realtà comporta più spesa per i contribuenti e meno democrazia.

Matteo Forte, autore di questo articolo, è consigliere comunale di minoranza a Milano

È paradossale, ma proprio quel Renzi che ha spodestato Letta da Palazzo Chigi al grido di “affamiamo la bestia” si è trasformato nell’ennesimo esponente del partito della spesa. Non solo perché, come evidenziano le analisi dei flussi elettorali dell’Istituto Cattaneo, il suo Pd è votato dal 35 per cento dei pensionati e dal 53 dei dipendenti pubblici. E non solo perché, come dimostra la vicenda estiva del commissario Cottarelli, la spending review ad altro non servirebbe che ad alimentare nuova spesa (nella fattispecie il bonus di 80 euro in busta paga che molto ha contribuito al risultato del Pd alle europee e davvero poco a far ripartire i consumi interni, scesi del 2,6 per cento a giugno).

È soprattutto nelle pieghe delle riforme sbandierate dal presidente del Consiglio, e spinte dalla retorica del risparmio per le finanze pubbliche, che si notano i costi che i contribuenti dovranno sostenere.

Si prenda la “legge Delrio”. Nota per abolire le Province e istituire le Città metropolitane, in realtà la mini riforma degli enti territoriali – di cui Renzi nel suo discorso programmatico al Parlamento si augurava l’approvazione in tempi stretti – crea solo scatole vuote. Infatti non abolisce le Province, ma le trasforma in enti di secondo livello, differenziandole poco o nulla dalle istituende Città metropolitane. Ebbene quella legge, che proprio in nome dei tagli ai costi della politica si limita a rendere gratuite le cariche elettive dei nuovi livelli istituzionali, prevede un paio di cosucce non di poco conto.

All’articolo 104, per esempio, abroga l’obbligo di unione dei piccoli Comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti, stabilito in un decreto legge del 13 agosto 2011 (governo Berlusconi). Evitando la diatriba circa il fatto che non sarebbe stata competenza dello Stato, ma delle Regioni, e che semmai la fusione si sarebbe dovuta incentivare e non imporre, rimane il fatto che il paese degli oltre 8 mila municipi sostiene spese di funzionamento per troppe amministrazioni. Con la Delrio continuerà a farlo per un quarto dei Comuni, al contrario di quanto già stabilito dallo Stato.

In secondo luogo la riforma aumenta la quantità di consiglieri comunali, che il succitato decreto 138 aveva previsto di diminuire: per le città fino a 3.000 abitanti passa dai 5 previsti nel 2011 (al netto dei piccoli Comuni che venivano soppressi) a 10, e li porta a 12 per quelle comprese tra i 3.000 e i 10.000 abitanti, contro i 7 e i 9 in cui erano suddivisi gli stessi in precedenza. Un bel regalo ai ras locali dei partiti.

Si dirà: è questione di democrazia, e la democrazia ha un costo. Eppure proprio le riforme istituzionali di Renzi, a detta di molti autorevoli osservatori, restringono il campo della legittimazione e partecipazione democratiche. Questa estate, con la riforma che ha sancito la non eleggibilità dei membri del nuovo Senato («inconcepibile» l’ha definita su Repubblica il costituzionalista Alessandro Pace), è stata messa mano anche agli strumenti di democrazia diretta. Sono state quintuplicate le firme necessarie per le leggi di iniziativa popolare (250 mila), la cui discussione in Parlamento è poi affidata ai regolamenti delle Camere, insieme all’aumento a 800 mila delle sottoscrizioni per sostenere una proposta di referendum. Considerando «che già adesso, per allestire un referendum, serve un movimento organizzato e ben determinato», ha spiegato Michele Ainis sul Corriere della Sera, «significa che da domani il referendum sarà un’arma a disposizione dei partiti, non dei cittadini».

Saranno contenti Rizzo e Stella
Stesso grave problema si presenta per la Delrio. Le Città metropolitane sono un intervento statale che atrofizza l’autonomia delle comunità locali. Nella legge 142 del 1990, dove per la prima volta il legislatore parlò di aree metropolitane, si affermava il principio che sarebbero sorte su iniziativa dei Comuni. Nella legge Delrio sono istituite dall’alto per decreto. E al contrario di quelle previste nel 1990, sono prive di giunta, cioè di un organo con reali poteri esecutivi, oltre a non avere alcuna autonomia impositiva. L’elezione è di secondo grado, ovvero Conferenza e Consiglio metropolitani sono eletti da sindaci e consiglieri dei Comuni dell’ex Provincia.

L’unico organo che rappresenta il territorio e riceve una investitura popolare (la Conferenza, composta da tutti i primi cittadini dell’area) non è dotato di alcuno strumento con cui formulare un giudizio politico su sindaco e Consiglio metropolitani, che sono svincolati da qualsiasi rapporto di fiducia. È davvero un problema di sostanza, che svuota di senso il concetto stesso di autonomia. Non pochi costituzionalisti hanno espresso dubbi. Tra loro Carlo Padula, convinto che la Delrio «viola» la Carta europea delle autonomie locali, trattato internazionale ratificato dall’Italia nel 1990 (cfr. www.gruppodipisa.it).

Insomma, le vere riforme strutturali finalizzate al taglio della spesa sono di là da venire. Il premier privilegia operazioni di facciata che soddisfino la pancia di un’antipolitica di maniera, alimentata dai vari Stella e Rizzo. Tuttavia il prezzo è alto, segnato da un brusco ritorno a un forma statalista di potere dove gli spazi di democrazia reale si riducono significativamente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe says:

    grazie tante. era tutto facilmente prevedibile: stesse spese ( se non di più) e meno democrazia. un bel risultato.

  2. giuliano says:

    ma ci salveremo grazie all’arrivo a Lampedusa di 1000 islamici clandestini/migranti al giorno, voluti sempre dalla sinistra. In un mese ne entrano 30.000 e in anno 360.000, quindi in pochi anni saranno padroni in Italia e al posto di andare alle festa dell’Unità a mangiare salamelle dovremo inchinarci 3 volte al giorno sul tappetino ad Hallah, pena il taglio della gola

  3. mike says:

    mah tutte queste critiche, la legge delrio non mi pare fatta male. le critiche sono ingiuste. l’aumento di firme per proposte di legge o referendum ha senso. più firme sono necessarie più la proposta, se ne ha il numero, rappresenta il popolo. anche i comuni con meno di 1000 abitanti… quanto guadagneranno i consiglieri? poco, per cui possono restare non gravano troppo sui cittadini. le città metropolitane se le istituisce il governo che problema c’è? c’è una legge del ’90 che per forza vieta al governo di farlo? che forse conta meno lo stato di una legge? per non continuare. talvolta mi pare che la gente abbia solo il gusto della critica. non ci capisco un’acca.

  4. tuco says:

    Salve..purtroppo sulle province solo caos e confusione istituzionale. Incidevano 1% sul bilancio dello Stato eppure svolgevano funzioni fondamentali riconosciute dalla costituzione e da leggi nazionali e regionali…stesse funzioni che nè i comuni nè le regioni o altri soggetti potranno mai svolgere per evidenti motivi oggettivi…facile sfasciare la storia del Paese lunga 150 anni con la giustificazione del risparmio e della crisi. Queste pseudo riforme non cambiano nulla in concreto…creano solo vuoti e disagi immani che a medio lungo termine si vedranno…purtroppo il populismo e la demagogia ha prevalso sulla democrazia e sulla possibilità che 107 enti potevano essere il riscatto della nazione solo se sarebbero stati accorpati 7.500 enti di natura pubblica i cui compiti e funzioni potevano essere svolti dalle province per non parlare delle inutili e spreconi regioni…apparati burocratici elefantiaci…facile prendersela con l’anello più debole della catena. Cambiare tutto per non cambiare niente anzi peggiorare la già critica situazione.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi