Google+

Trent’anni fa nascevano le faccine, sorrisi e bronci formato tastiera

settembre 19, 2012 Paola D'Antuono

Il 19 settembre 1982 un professore americano inviava il primo messaggio con una faccina. Da allora gli smile testuali ne hanno fatta di strada. Talmente tanta che oggi nessuno riuscirebbe a farne a meno.

Trent’anni fa un Scott Elliot Fahlman, professore di informatica della Carnegie Mellon University, inviava un messaggio su un forum online per proporre l’utilizzo delle faccine. I suoi colleghi parvero non capire l’importanza di quello strano insieme di punti, trattini e parentesi – ne inviò due una per indicare la spensieratezza :-), l’altra la tristezza 🙁  – e cominciarono a proporre delle alternative, ma ormai la strada era segnata. Ora, trent’anni dopo, il prof. Falham ha probabilmente stappato una bottiglia di spumante alla sua salute, ridendo tra sè e sè e pensando che se la Microsoft non avesse messo in piedi una lunghissima ricerca per risalire al primo messaggio con una faccina al suo interno, il suo nome e la sua “scoperta” sarebbero rimaste sconosciute ai più per sempre e lui non avrebbe dovuto destreggiarsi tra foto su Vogue e interviste a mezzo mondo.

EMOTICON PER TUTTI. Il 19 settembre 1982 il nostro modo di comunicare ha subito questa piccola rivoluzione a cui tutti, ciclicamente, abbiamo tentanto di sottrarci ma non ci siamo riusciti. E le faccine sono diventate Emoticon, oggi ne esistono centinaia e volendo potremmo comunicare anche solo usandole. Che sia via mail, Sms, Facebook, Twitter o WhatsApp (il regno incontrastato degli emoticon), le faccine sono diventate l’unico modo utile e veloce per far capire ai nostri interlocutori il tono della conversazione dato che, quando si scrive, è molto difficile trasmettere le intenzioni del nostro messaggio e il fraintendimento è dietro l’angolo.

UNA FACCINA VI SALVERA’. La fidanzata accetterà di sicuro molto più volentieri le vostre scuse per un appuntamento annullato se accompagnerete un mazzo di fiori stilizzato e un sorriso al vostro messaggio costernato e vostra madre sarà sicuramente più felice se le scriverete “Tutto ok”, con un bel pollice in su, anche se lo state facendo contro voglia (praticamente così 🙁 ). Per non parlare degli amici di Facebook, a cui è sempre meglio mandare un cuoricino <3, così tanto per fargli sentire il nostro affetto anche in formato social. Insomma, il prof Falham non ci ha di certo cambiato la vita, ma almeno ci ha permesso di sorridere in qualsiasi momento solo utilizzando una tastiera qwerty, anche quando non ne abbiamo nessuna voglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download