Google+

Trent’anni fa nascevano le faccine, sorrisi e bronci formato tastiera

settembre 19, 2012 Paola D'Antuono

Il 19 settembre 1982 un professore americano inviava il primo messaggio con una faccina. Da allora gli smile testuali ne hanno fatta di strada. Talmente tanta che oggi nessuno riuscirebbe a farne a meno.

Trent’anni fa un Scott Elliot Fahlman, professore di informatica della Carnegie Mellon University, inviava un messaggio su un forum online per proporre l’utilizzo delle faccine. I suoi colleghi parvero non capire l’importanza di quello strano insieme di punti, trattini e parentesi – ne inviò due una per indicare la spensieratezza :-), l’altra la tristezza :-(  – e cominciarono a proporre delle alternative, ma ormai la strada era segnata. Ora, trent’anni dopo, il prof. Falham ha probabilmente stappato una bottiglia di spumante alla sua salute, ridendo tra sè e sè e pensando che se la Microsoft non avesse messo in piedi una lunghissima ricerca per risalire al primo messaggio con una faccina al suo interno, il suo nome e la sua “scoperta” sarebbero rimaste sconosciute ai più per sempre e lui non avrebbe dovuto destreggiarsi tra foto su Vogue e interviste a mezzo mondo.

EMOTICON PER TUTTI. Il 19 settembre 1982 il nostro modo di comunicare ha subito questa piccola rivoluzione a cui tutti, ciclicamente, abbiamo tentanto di sottrarci ma non ci siamo riusciti. E le faccine sono diventate Emoticon, oggi ne esistono centinaia e volendo potremmo comunicare anche solo usandole. Che sia via mail, Sms, Facebook, Twitter o WhatsApp (il regno incontrastato degli emoticon), le faccine sono diventate l’unico modo utile e veloce per far capire ai nostri interlocutori il tono della conversazione dato che, quando si scrive, è molto difficile trasmettere le intenzioni del nostro messaggio e il fraintendimento è dietro l’angolo.

UNA FACCINA VI SALVERA’. La fidanzata accetterà di sicuro molto più volentieri le vostre scuse per un appuntamento annullato se accompagnerete un mazzo di fiori stilizzato e un sorriso al vostro messaggio costernato e vostra madre sarà sicuramente più felice se le scriverete “Tutto ok”, con un bel pollice in su, anche se lo state facendo contro voglia (praticamente così :-( ). Per non parlare degli amici di Facebook, a cui è sempre meglio mandare un cuoricino <3, così tanto per fargli sentire il nostro affetto anche in formato social. Insomma, il prof Falham non ci ha di certo cambiato la vita, ma almeno ci ha permesso di sorridere in qualsiasi momento solo utilizzando una tastiera qwerty, anche quando non ne abbiamo nessuna voglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana