Google+

Tre vescovi americani: «Preferiamo la prigione che accettare il compromesso sulla libertà religiosa di Obama»

febbraio 7, 2013 Benedetta Frigerio

Eclatante gesto di tre vescovi statunitensi contro l’Obama mandate che obbliga anche gli enti privati a pagare assicurazioni comprensivi di aborto e contraccezione ai propri dipendenti

Intervistati dal sito LifeSite News tre vescovi americani hanno dichiarato di preferire la prigione piuttosto che accettare l’“Obama mandate” che nella riforma della salute obbliga tutti gli enti privati, religiosi e non, a pagare assicurazioni per i propri studenti o dipendenti inclusivi di aborto e contraccezione. A parlare così sono stati Alexander Sample, vescovo di Marquette in Michigan, David Zubik di Pittsburgh e l’arcivescovo Samuel Aquila di Denver.

IL TESTO. La questione, che dura ormai dal gennaio scorso, ha visto scendere in campo i vescovi spronati da papa Benedetto XVI. Tre giorni dopo l’annuncio del presidente Barack Obama, i vescovi hanno preso posizione per combattere per la libertà religiosa e per informare «l’intera comunità cattolica negli Stati Uniti», affinché riesca «a comprendere le gravi minacce alla testimonianza morale pubblica della Chiesa che presenta un secolarismo radicale, che trova sempre più espressione nelle sfere politiche e culturali». L’annuncio è costato al governo centinaia di denunce. Queste, però, sembrano servite a ben poco. Sebbene sulla stampa, siano uscite recentemente notizie che il governo ha deciso di scendere a compromessi, lasciando libertà di coscienza, la realtà non sarebbe proprio così. Da quel che è emerso, nel testo si parla solo dell’esenzione di enti di beneficenza gestiti dalla Chiesa. Il che significherebbe che, per rifiutarsi di pagare per contraccettivi e aborto, centinaia di ospedali e università religiose dovranno trasformarsi in enti no profit e provare la loro appartenenza religiosa. In quali termini è ancora tutto da chiarire. Si parla di esenzione dei “datori di lavoro religiosi”, ma la definizione è ambigua e rischia quindi alla fine di escludere la maggioranza degli enti religiosi. Per questo la confusione del testo che rischia di essere peggiore del precedente è stata denunciata dall’arcivescovo di Philadelphia, Charles Chaput

NON SONO ESENTI. Non potranno fare obiezione di coscienza i proprietari di aziende, ditte o altri enti diversi da quelli no profit. Molti di coloro che hanno denunciato il governo ne stanno pagando le conseguenze. Basti pensare che la grande catena americana Hobby Lobby, di proprietà del cristiano evangelico David Green, è stata dichiarata non esente, in quanto organizzazione non religiosa, dal giudice distrettuale Joe Heaton. Da qui il ricorso alla Corte d’appello di Denver che lo ha respinto. In ultimo grado la Corte Suprema degli Stati Uniti ha scansato la richiesta di giudizio sostenendo che il ricorso non era ammissibile: il giudice della Corte Suprema, Sonia Sotomayor, ha dichiarato che molte Corti di grado inferiore sono divise in materia, insinuando quindi che la Hobby Lobby abbia ancora chance di vincere.

UN GESTO DI FACCIATA. «Il gesto meschino del governo non protegge minimamente la libertà religiosa dei datori di lavoro, il governo non ha nessun interesse a ritrattare sulla libertà religiosa», ha scritto la Alliance Defending Freedom che combatte per la tutela del primo emendamento tradito dall’amministrazione Obama.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana