Google+

I tre fattori che hanno causato l’impennata degli aborti in Francia (sì, c’entra Hollande)

luglio 12, 2014 Leone Grotti

Secondo il rapporto del ministero della Salute, nel 2013 c’è stata un’impennata che ha portato gli aborti a quota 217 mila, il 4,7 per cento in più rispetto al 2012

aborto-francia-dati-aumento1

Per sei anni, dal 2006 al 2012, i dati sull’aborto in Francia si sono stabilizzati su una cifra attorno ai 207-209 mila casi. Secondo il rapporto del ministero della Salute, nel 2013 c’è stata un’impennata che ha portato gli aborti a quota 217 mila, il 4,7 per cento in più rispetto al 2012. C’è il timore che la situazioni peggiori nei prossimi anni, visto che il governo Hollande ha appena cambiato la legge definendo l’aborto «un diritto come tutti gli altri» e quindi praticabile senza restrizioni di alcun tipo.

PILLOLE PERICOLOSE. Secondo il rapporto sono tre le cause che hanno portato all’aumento delle interruzioni di gravidanza. Prima di tutto il crollo di fiducia da parte delle donne nelle pillole contraccettive e abortive, in seguito alla denuncia sporta contro la Bayer nel 2012 da una donna francese, secondo la quale la pillola Meliane le aveva causato un ictus. In seguito a problemi riscontrati da altre donne, anche la pillola Diane 35 è stata ritirata dal mercato per aver causato la trombosi a 125 donne.

ABORTO GRATUITO E CONVENIENTE. Il governo ha, inoltre, deciso di rendere l’interruzione di gravidanza completamente gratuita e rimborsabile al 100 per cento per tutte le donne. La responsabilità, infine, è anche degli ospedali francesi che hanno visto nell’aborto una possibilità di accrescere i propri profitti. Infatti, conclude il rapporto, «l’aumento nel 2013 della remunerazione degli stabilimenti ospedalieri che praticano aborti» ha influito sulla crescita del numero delle interruzioni di gravidanza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Emanuele says:

    Ma che orrore.
    Viene da pensare, però, che in Italia siamo messi molto meglio.

  2. filomena says:

    Certo avete ragione, Hollande poi é anche responsabile del buco nell’ozono, delle ultime dieci alluvioni, e del raffreddore di mia zia. Non siate ridicoli se una donna non vuole figli non li fara e rassegnatevi non c’è modo di farle cambiare idea.

    • ftax says:

      Lascia sempre di stucco la tua capacità di sparare sciocchezze a mitraglia…

    • Giancarlo Romei says:

      Nessuno vuole che lei faccia figli (qualis pater, talis fiius), sarebbe invece auspicabile che non li ammazzasse.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.