Google+

I tre fattori che hanno causato l’impennata degli aborti in Francia (sì, c’entra Hollande)

luglio 12, 2014 Leone Grotti

Secondo il rapporto del ministero della Salute, nel 2013 c’è stata un’impennata che ha portato gli aborti a quota 217 mila, il 4,7 per cento in più rispetto al 2012

aborto-francia-dati-aumento1

Per sei anni, dal 2006 al 2012, i dati sull’aborto in Francia si sono stabilizzati su una cifra attorno ai 207-209 mila casi. Secondo il rapporto del ministero della Salute, nel 2013 c’è stata un’impennata che ha portato gli aborti a quota 217 mila, il 4,7 per cento in più rispetto al 2012. C’è il timore che la situazioni peggiori nei prossimi anni, visto che il governo Hollande ha appena cambiato la legge definendo l’aborto «un diritto come tutti gli altri» e quindi praticabile senza restrizioni di alcun tipo.

PILLOLE PERICOLOSE. Secondo il rapporto sono tre le cause che hanno portato all’aumento delle interruzioni di gravidanza. Prima di tutto il crollo di fiducia da parte delle donne nelle pillole contraccettive e abortive, in seguito alla denuncia sporta contro la Bayer nel 2012 da una donna francese, secondo la quale la pillola Meliane le aveva causato un ictus. In seguito a problemi riscontrati da altre donne, anche la pillola Diane 35 è stata ritirata dal mercato per aver causato la trombosi a 125 donne.

ABORTO GRATUITO E CONVENIENTE. Il governo ha, inoltre, deciso di rendere l’interruzione di gravidanza completamente gratuita e rimborsabile al 100 per cento per tutte le donne. La responsabilità, infine, è anche degli ospedali francesi che hanno visto nell’aborto una possibilità di accrescere i propri profitti. Infatti, conclude il rapporto, «l’aumento nel 2013 della remunerazione degli stabilimenti ospedalieri che praticano aborti» ha influito sulla crescita del numero delle interruzioni di gravidanza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Emanuele scrive:

    Ma che orrore.
    Viene da pensare, però, che in Italia siamo messi molto meglio.

  2. filomena scrive:

    Certo avete ragione, Hollande poi é anche responsabile del buco nell’ozono, delle ultime dieci alluvioni, e del raffreddore di mia zia. Non siate ridicoli se una donna non vuole figli non li fara e rassegnatevi non c’è modo di farle cambiare idea.

    • ftax scrive:

      Lascia sempre di stucco la tua capacità di sparare sciocchezze a mitraglia…

    • Giancarlo Romei scrive:

      Nessuno vuole che lei faccia figli (qualis pater, talis fiius), sarebbe invece auspicabile che non li ammazzasse.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana